Storia: Luglio 1918

Nell’estate del 1918 tutti i paesi coinvolti nel conflitto erano stremati, appesi tutti alla flebile speranza che ogni battaglia fosse l’ultima, che ogni scontro diventasse quello determinante per poter costringere i propri rivali al tavolo della pace. A livello economico le potenze più provate erano quelle degli Imperi Centrali, le quali non avevano il controllo dei mari e stavano andando esaurendo le materie prime fondamentali… Germania, Austria-Ungheria, Bulgaria ed Impero Ottomano sapevano di non poter tirare la corda ancora a lungo. Quello più in difficoltà era l’antico impero dei Sultani, il quale vedeva i propri territori sempre più risicati a causa della spinta offensiva delle forze britanniche proveniente dalla Mesopotamia. Gli Inglesi sapevano di dover colpire anche nella zona del Caucaso, per impedire agli Imperi Centrali di mettere mano sopra i pozzi petroliferi della zona. Per questo motivo le truppe di Londra occuparono Baku il 26 Luglio 1918, cacciando il governo bolscevico che vi si era insediato. Nasceva così l’effimero stato fantoccio noto come Dittatura Centrocaspiana.

La famiglia dello Zar Nicola II

Nella Russia sconvolta dalla guerra civile si consumava l’eccidio della famiglia reale: il 17 Luglio 1918, nella bella Ekaterinburg, lo zar Nicola II e la sua famiglia  venivano passati per le armi. L’esecuzione fu estremamente cruenta e le vittime (7 membri della casa reale, il loro cuoco, il loro medico, il segretario ed una dama di compagnia) vennero finite a colpi di baionetta e calci di fucile. La reazione degli Alleati a questo eccidio sarebbe stata quella di finanziare ed aiutare militarmente le Truppe Bianche impegnate a combattere contro i Comunisti.

Sul fronte occidentale la Germania tentava l’ultima spallata alle truppe alleate. L’assalto per le truppe tedesche era conosciuto col nome di Friedensturm, l’assalto della pace, proprio nella speranza che un’ultima vittoria servisse a porre fine della guerra… iniziò così la Seconda Battaglia della Marna il 15 Luglio 1918. 52 divisioni tedesche, con 1.656 cannoni, si scontrarono contro 62 divisioni alleate, con 768 cannoni e ben 346 carri armati. L’attacco però venne quasi subito respinto e già dal 18 Luglio 1918 cominciarono i contrattacchi, inizialmente franco-statunitensi, con la Battaglia di Soissons e la Battaglia di Château-Thierry. Il fiato della Germania era sempre più corto.

Nel frattempo il 12 Luglio 1918 Haiti dichiarava guerra alla Germania, seguita il 19 Luglio 1918 da Honduras.

Storia: Nascita dei Windsor

La casata reale inglese è conosciuta oggi col nome di Windsor, ma come si chiamava in passato?

In origine era la casa di Hannover, di provenienza germanica, ed il suo primo re Giorgio I (1714-27) passò alla storia per non aver mai imparato la lingua inglese… lo possiamo capire, in fondo parlava già il tedesco, il francese, il latino e l’olandese. Il casato mantenne questo nome sino alla sua ultima rappresentante, la regina Vittoria: quando si dice “last but not least”. Vittoria di Hannover aveva sposato Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha e i loro figli avevano preso tutti il cognome del padre trasformando la dinastia reale inglese da Hannover a Sassonia-Coburgo-Gotha.

Edoardo VII fu il primo re della nuova casata. Alla sua morte nel 1910 gli succedette il figlio Giorgio V che si trovò ad affrontare la Prima Guerra Mondiale con tutti gli annessi e connessi. Fu proprio a causa del conflitto che il sovrano decise di cambiare nome alla dinastia reale per evitare che il suo cognome germanico diventasse inviso ai sudditi britannici. La decisione fu presa con un Concilio proprio il 17 Luglio 1917: da quel momento tutti i discendenti della casata sarebbero stati dei Windsor. Giorgio V fu anche il sovrano che rifiutò di dare ospitalità al decaduto Zar di Russia Nicola II (suo cugino).

Tutto lineare. Con Elisabetta II si è posto un nuovo problema: suo marito Filippo di Edimburgo appartiene alla casata Schleswig-Holstein-Sonderburg-Gluckburg (non deve essere facile fare i nobili con tutti questi cognomi) per cui i loro figli rischiavano a suo tempo di avere un cognome germanico. Si rimediò con un altro Concilio del 1960 che stabilì che i figli della regina dovessero portare il suo cognome. Quindi tutti i futuri sovrani inglesi saranno dei Windsor, ma in realtà dovrebbero essere dei Scleswig-Holstein-Sonderburg-Gluckburg.