Prossima Fermata: Santuario della Madonna di Senales

Se mi dovessero chiedere quale è il mio ricordo principale della della Val Senales in Alto Adige direi sicuramente la neve! Del resto un bambino delle elementari è per forza più attratto dal bianco fenomeno atmosferico che da una serie di visite guidate tra musei e luoghi di culto. Quando arrivai in Val Senales dovevo avere intorno ai 7-8 anni. Era quasi primavera… o meglio… era quasi primavera nella pianura emiliana, ma non in quelle valli a 1500 mt d’altezza. Quella era una delle prime volte che andavo in Trentino-Alto Adige, non conoscevo molto al di fuori della mia regione e anche lì in fondo conoscevo davvero poco. In quella gita parrocchiale ci si concentrava molto sull’Alto-Adige, solo qualche anno dopo saremmo andati a vedere per bene in Trentino. Il programma del giorno prevedeva un giro per alcuni santuari più o meno sperduti e la visita in paesi caratteristici della zona, tipo Merano… dove non mancammo di scontrarci con la “simpatia” altoatesina nei confronti degli Italiani.


Una delle prima tappe di giornata doveva essere il Santuario della Madonna di Senales. Un luogo di culto molto suggestivo edificato a partire dal 1306. Il tutto cominciò con il ritrovamento nel 1304 di una statua di faggio della Madonna con bambino, non si sapeva chi l’avesse abbandonata lì, ma sta di fatto che due anni dopo fu edificata una prima chiesetta in suo onore. Nei decenni successivi ci furono piccoli ampliamenti, ma il luogo divenne famoso per i miracoli che vi avvenivano già intorno al 1360. Si susseguono altri ampliamenti che mischiano lo stile romanico a quello gotico e poi al barocco. La struttura esterna venne terminata col campanile a “cipolla” nel 1797 e un secolo dopo la chiesa venne completamente decorata al suo interno col rappresentazioni di diversi santi.

Quando uscimmo dall’albergo il cielo era bianco, quasi fastidioso alla vista. Era un cielo che prometteva neve e ne prometteva anche tanta. Non ci mise molto a scendere una fitta neve che rendeva difficile la vista nell’arco di pochi metri, sembrava quasi di essere nel più riuscito dei Natali! Certo alla gioia di un bambino per la neve face da contrappeso la paura degli adulti per la situazione atmosferica proibitiva. A cucci e spintoni e con un certo ritardo arrivammo a Senales. Il paese, quasi completamente di lingua tedesca, si trova molto a nord, non troppo distante sa Similaun e dal confine austriaco. Nelle vicinanze c’è anche il lago di Vernago, dove poi saremmo andati a mangiare quel giorno. Ad ogni modo quando arrivammo a Senales la neve smise di cadere e il paesaggio assunse un aspetto vagamente spettrale. Il cielo era sempre bianco, così come bianco era il paesaggio tutto intorno a noi. In giro non c’era anima viva, esclusi noi della gita, sembrava un paese fantasma. E c’era silenzio… troppo silenzio. C’era talmente tanto silenzio che ci veniva spontaneo parlare a voce bassa per non disturbarlo. La neve a terra era bianchissima, non come quella sporchiccia che si trovava nelle strade di Bologna. Doveva essere freddo perchè ad ogni respiro emettevamo una nube di aria calda, ma sulla pelle non sembrava così tremenda la temperatura. Tutto quel quadro di sensazioni messe insieme mi faceva pensare di essere in un’età antica, forse proprio nel Medioevo. Eravamo saliti sul pullman nel 1990 e ne eravamo scesi nel 1300.
Visitammo il Santuario e la bellissima chiesa, il tutto in rigoroso silenzio. Accompagnati da un frate spuntato da non si bene quale secolo della storia dell’umanità. Ci raccontò la storia di quel posto, ci mostrò tutti i luoghi più significativi e la statua della Madonna con bambino, così semplice e povera. All’uscita della chiesa ci ritrovammo di nuovo in mezzo alla neve. Il mio primo istinto fu quello di prendere un poco di neve e di mangiarmela! Non che sapesse di qualcosa in particolare, ma lì in quel momento sembrava dovesse essere la cosa più buona del mondo. Tornammo al pullman, ma sembrava che a tutti dispiacesse staccarsi da quel posto, come se ci fosse una sorta di richiamo ancestrale in quella valle. Era indubbiamente un luogo magico e questo fece passare in secondo piano tutto il resto della giornata.

Prossima Fermata: Częstochowa

Durante uno stranissimo viaggio condotto tra Polonia e Repubblica Ceca, con situazioni ed incontri da film di Kusturica, mi capitò di passare per un luogo chiamato Częstochowa che forse avete già sentito nominare. Voglio essere onesto, era una giornata orribile perché ero reduce da due giorni di festeggiamenti folli per un matrimonio e sudavo vodka da tutti i pori… ottima vodka devo dire, però questa è una storia che vi racconterò un’altra volta. Quella mattina mi avevano portato in un grande centro commerciale verso l’Ucraina, non era un centro commerciale come ce li possiamo immaginare noi, bensì era una distesa di enormi capannoni industriali con dentro un sacco di piccoli negozietti e al di fuori una distesa di bancarelle. Tutto molto pittoresco e a prezzi irrisori, tenete conto che in quel lontano 2004 in Polonia non c’era l’euro e si pranzava al ristorante con l’equivalente di circa 4-5 euro.

L’idea per il pranzo era quella di andare appunto a Częstochowa, visitare il santuario e poi trovare qualcosa da mettere sotto i denti… anche se la mia nausea non era incoraggiante. Il santuario è decisamente molto bello e la fortezza che gli costruirono intorno nel ‘600 è imponente. Per sua fortuna quello che c’è intorno non è il classico paesaggio da est Europa, palazzoni e fabbriche si trovano infatti ad una distanza decente dai monumenti e dai palazzi antichi, mentre di solito non c’è un distacco completo tra le due cose. Devo dire che quel gusto un po’ squallido mi ha sempre affascinato, per esempio mi sentii pienamente realizzato nel trovarmi seduto su un marciapiede a fumare una sigaretta con alle spalle decine di palazzoni comunisti tenuti pessimamente… ma anche questa è un’altra storia polacca.

Il santuario è famoso per una icona conosciuta come la Madonna nera di Częstochowa, che è oggetto di culto e pellegrinaggi da tutto il mondo, tanto che riuscii ad ammirarla solo da grande distanza perché davanti a me c’era una folla oceanica di fedeli in venerazione. Per questo motivo la città è gemellata con Betlemme, Fatima e Loreto. Vi tralascio tutta la storia di Papa Giovanni Paolo II e il suo rapporto col santuario, vi basti sapere che all’entrata del medesimo è stata posta una statua del pontefice che è veramente di dubbio gusto.

Ma veniamo al punto centrale della giornata. Per prima cosa mi recai in un negozio di souvenir per comprare due riproduzioni della Madonna nera da regalare ai miei nonni e non appena il negoziante capì che ero Italiano provò a propinarmi dei santini di Padre Pio, non lo uccisi solo per mancanza di armi. Poi mi accompagnarono a mangiare qualcosa che il mio infelice stomaco potesse recepire come commestibile… ossia una delle peggiori pizze che io abbia mai mangiato all’estero, battuta solo da una pizza mangiata in Austria due anni prima. Se andate all’estero e vi vogliono portare a mangiare una pizza per farvi sentire a casa mandateli a spendere!

Il Grimorio di Odenwald #1

Il Grimorio è un libro arcano, un libro dove si può apprendere la magia, quella vera, quella che plasma il mondo attraverso il controllo delle mutevoli energie.

Non si gioca col Grimorio poiché esso non contiene giochi. Non vi è posto tra le sue pagine per coloro dotati di scarso intelletto, per gli individui privi di fantasia e per coloro la cui spiritualità sia sia stata sepolta sotto la mole del materialismo moderno.

Chi apre consapevolmente un Grimorio non lo fa per “credere” bensì per “sapere“.

Non vi è cieca fede nelle sue pagine. Se cercate il dogma lo troverete altrove.

Qui troverete solo la consapevolezza che viene dalla comprensione del mondo, dalla lettura e dalla comprensione di ciò che altri hanno lasciato scritto prima di noi.

Nel Grimorio troverete testi sacri di particolare rilevanza, opere letterarie che vale la pena leggere, immagini poetiche da gustare in silenzio e accenni profetici dai tempi antichi.

Leggendo ed apprendendo il neofita percorre il lungo cammino verso il piano superiore, assaporando i profumi della vita ed imparando a conoscere i segreti degli angoli bui dei nostri mondi.

A molti non resterà nulla. 

A parecchi resterà qualcosa.

A pochi, felici od infelici che siano, resterà tutto. 

[G.H.D.C.]

Prossima Fermata: Ragusa

Vi prendete dalla vostra terra natale e salite su un treno sapendo di avere davanti a voi un viaggio di 12 ore abbondanti. Passate una notte travagliata in un vagone letto dalla discutibile comodità. Vi svegliate poco prima che il vostro treno venga diviso in porzioni e caricato su un traghetto ed iniziate a domandarvi se  non vi stiate trasferendo in un’altra dimensione. Decidete di mettere fuori il naso e andata a guardare un po’ il panorama, siete in mezzo allo “stretto”, davanti a voi c’è Messina e dietro di voi c’è Reggio Calabria, il vento è fortissimo e iniziate a farvi domande sulla sanità mentale delle persone che parlano della possibilità di creare un “ponte sullo stretto”… voi, folli! Quello è il primo impatto con la terra bellissima che state per scoprire, una terra che ho visto solo per pochi giorni, ma che in proporzione è riuscita a darmi veramente tanto.  Il mio primo giorno in Sicilia mi ha trasportato in una dimensione lontanissima da quella della nebbiosa pianura in cui sono cresciuto.

Ora mettetevi in viaggio e attraversate paesi e terre che sembrano inesplorate, dove incontrate poche anime furtive, è una terra silenziosa quella che state scoprendo. E il destino a messo sulla vostra strada la più silenziosa tra le città: Ragusa.

Vi scaricano proprio in mezzo a Ragusa Ibla e rimanete completamente senza fiato, il posto è talmente bello da non trovare le parole per descriverlo, per le strade non si vede nessuno e vi mettete a girare alla ricerca di un posto in cui consumare il pranzo. Girate per le sue vie ora strette ora larghe e ad ogni passo vi innamorate dei profumi che sentite delle costruzioni che vi circondano, vi sembra di vivere in una città perfetta. Iniziate a riconoscere i posti. In televisione Ragusa è stata riproposta in tutte le salse tra telefilm e pubblicità eppure vi rendete conto che nessuna immagine le può rendere giustizia, anzi ogni presenza di telecamere ed obiettivi rappresenterebbe solo una contaminazione dell’antichità che si respira nelle strade di Ibla.

Il vero viaggiatore non sempre segue le strade e le cartine, anzi lo scopo principale di ogni viaggio ben riuscito dovrebbe essere quello di perdersi un po’ per strada in modo da scoprire qualcosa in più sul luogo che si sta visitando. A Ragusa se vi perdete e siete fortunati potreste arrivare al Giardino Ibleo! In realtà ci si arriva facilmente seguendo le piantine della città, ma se ci si arriva girando senza una cartina ha di certo un sapore più magico e di inaspettata romanticità.

Comunque sia Ragusa non è descrivibile a parole, va vista e vissuta intensamente così come richiede la sua sconvolgente bellezza.