Guerra Civile Americana: Gennaio – Marzo 1861

Come abbiamo visto nel precedente articolo la situazione politica nell’Unione era precipitata al seguito dell’elezione di Abraham Lincoln e l’inerzia (più o meno voluta) del Presidente uscente Buchanan non aveva fatto altro che peggiorare la situazione. Ecco cosa accadde nei primi tre mesi del 1861, ossia il trimestre che precedette lo scoppio delle ostilità.

Gennaio 1861

2 Le truppe della Carolina del Sud prendono il controllo del Fort Jackson, nei pressi di Charleston.

4-5 Truppe ribelli dell’Alabama cominciano a prendere il controllo degli arsenali federali nella zona di Mobile. La stessa cosa avviene dal 6 al 12 di gennaio in Florida, ad opera della milizia locale, con l’arsenale di Saint Augustine.

9 Il Mississippi esce formalmente dall’Unione.

10 La Florida esce formalmente dall’Unione.

11 L’Alabama esce formalmente dall’Unione.

19 La Georgia esce formalmente dall’Unione.

21 I senatori Clement Claiborne Clay e Benjamin Fitzpatrick dell’Alabama, David Levy Yulee e Stephen Russell Mallory della Florida ed infine Jefferson Davis del Mississippi si ritirano dal Senato Federale.

26 La Louisiana esce formalmente dall’Unione.

29 Il Kansas viene ammesso all’Unione come “Stato libero”, sarebbe dunque il 34° Stato. [Liberi 19 –  Schiavisti 15]

Febbraio 1861

Prima Bandiera Confederata

1 Il Texas esce formalmente dall’Unione.

4 Si riunisci a Montgomery (Alabama) la prima assemblea del Congresso Provvisorio Confederato, partecipano anche delegati della Virginia, anche se lo stato rimane per il momento nell’Unione. Nel frattempo la stessa Virginia indice una “Conferenza di pace” nel tentativo di impedire lo scoppio delle ostilità.

7 La “Nazione Choctaw” presente nel Territorio indiano si allinea alle posizioni espresse dai Sudisti.

8 Nascono gli Stati Confederati d’America, i quali non ricevono il riconoscimento da alcun paese estero oltre a non essere riconosciuti dall’Unione.

9 Viene eletto presidente della Confederazioni Jefferson Davis del Mississippi, uno dei politici che si era speso nei vani tentativi di evitare la secessione.

L’annuncio dell’elezione di Davis

Da quel momento in poi in tutti gli stati meridionali rimasti nell’unione e in tutti gli stati di confine, come il Missouri e l’Arkansas, iniziano dei feroci dibattiti sulla linea politica da seguire.

Marzo 1861

2 Il Senato dell’Unione respinge le proposte della “Conferenza di pace” indetta dalla Virginia.

4 Insediamento del Presidente Lincoln. Nel suo discorso inaugurale ribadisce le proprie intenzioni di non voler interferire con la pratica schiavista là ove essa ancora esiste, ma anche sottolinea con fermezza di essere pronto a preservare l’integrità dell’Unione con ogni mezzo disponibile.

Jefferson Davis

Dal 8 al 13 di marzo i commissari confederati presentano le loro condizioni per evitare la guerra. Il Presidente Lincoln non vorrà incontrare i commissari confederati in quanto ciò avrebbe potuto sembrare un riconoscimento di fatto dell’avvenuta separazione degli Stati secessionisti dall’Unione.

11 Il Congresso Confederato adotta la Costituzione degli Stati confederati, ratificata poi da tutti gli stati membri.

21 Parlando a Savannah (Georgia) il Vicepresidente confederato Alexander Hamilton Stephens pronuncia un discorso in cui dichiara che lo schiavismo negriero è la “pietra angolare” del governo secessionista: è il discorso della pietra angolare.

Storia: Isaac Stand Watie

Tutti abbiamo sentito parlare della Guerra di Secessione Americana anche se la maggior parte delle persone ne conosce solo parzialmente gli eventi ed i personaggi, ancora meno sono le persone che vanno oltre le informazioni della “vulgata ufficiale”… che ci ha sempre insegnato a distinguere tra i buoni del Nord e i cattivi del Sud nel più puro e limpido stile retorico americano. Se volete una storia di buoni sentimenti (lacrimevoli) e nette distinzioni guardatevi un film di Spielberg, se volete andare un pò oltre la facciata pre-fabbricata guardatevi un film di Maxwell. La storia viene scritta dai vincitori e questo è un assunto valido in ogni epoca in cui l’uomo è stato protagonista, sia che si parli degli Ebrei contro i Filistei sia che si tratti degli Americani contro i Giapponesi (giusto per fare due esempi lontani tra loro nel tempo).

Sui banchi di scuola quindi vi sarà capitato di leggere che la Guerra di Secessione finì il giorno 9 Aprile 1865 con la resa del generale Lee dopo la battaglia di Appomattox. In realtà la guerra durò qualche mese in più su fronti diversi da quello della Virginia. Ancora alla morte di Lincoln in Carolina del Nord si combatteva, così come in Alabama ed in Texas e non solo. L’ultima vera battaglia della guerra fu quella di Palmito Ranch del 12-14 Maggio 1865 in Texas. Chi fu quindi l’ultimo generale ad arrendersi alle forze unioniste?

Isaac Stand Watie si arrese il 23 Giugno 1865 a Doaksville, nell’attuale Oklahoma, allora territorio dei Choctaw. Questo generale appartenente all’armata del Trans-Mississippi era un Indiano Cherokee. Allo scoppio della guerra alcune tribù indiane rimasero coinvolte in quei sanguinosi eventi. Molte tribù si schierarono dalla parte dei Confederati dal momento che gli Stati del Sud avevano sempre adottato una politica meno espansionista verso ovest rispetto ai cugini del Nord. L’adesione alla Confederazione da parte di queste tribù portò i loro storici avversari (nativi) a schierarsi dall’altro lato creando così una guerra nella guerra. La nazione Cherokee era già da tempo divisa in due tronconi a causa di un controverso trattato (1835) col quale questa tribù aveva ceduto parte del suo territorio agli Stati Uniti… ne era nata una guerra civile all’interno della tribù. Durante la guerra civile una fazione si schierò con Richmond e l’altra ovviamente con Washington. Isaac Stand Watie era il capo che scelse da subito la causa confederata venendo promosso al rango di colonnello di un reggimento di cavalleria Cherokee. Da quel momento in poi partecipò a diverse importanti battaglie nella zona occidentale del fronte, tenendo lontani gli Unionisti dai territori indiani del sud (1861). Le truppe indiane erano esentate dal combattere al di fuori del loro territorio, ma Watie portò i suoi uomini a combattere in Arkansas (1862) per arginare l’invasione delle truppe di Washington.

In tutto questo i Cherokee presero parte a 18 battaglie importanti e ad una serie innumerevole di scontri minori, impegnando un numero molto elevato di soldati blu e catturando rifornimenti e denaro per oltre 1 milione e mezzo di dollari di allora. Nel 1864 fu promosso al grado di Brigadier Generale e divenne così il comandante della Prima Brigata Indiana.

Il 23 Giugno 1865 fu l’ultimo generale confederato a deporre le armi.