Pensieri della sera #13

Tra 5 miliardi di anni il sole diventerà una gigante rossa, la terra per come la conosciamo verrà spazzata via. In realtà è un non problema dal momento che potremmo anche non essere più presenti sul pianeta già da tempo immemore.

Non è consolante, ma è così. Tutto quello che abbiamo costruito, fatto, detto, scritto, potrebbe già essere scomparso prima di quella data. Forse già tra 10.000 anni. Ecco. Tra 10.000 gli esseri umani potrebbero non essere più la razza dominante del pianeta. Soppiantati da qualche animale più evoluto. Perché questo siamo… Animali.

Ma è ancora troppo in grande. A 100 anni da oggi nessuno ricorderà quello che abbiamo fatto, detto, costruito in questo sabato di febbraio. Solo 1 su 7 miliardi, forse, farà qualcosa di rilevante. Gli altri no. Questa è la realtà. Per cui non illudetevi di essere unici e speciali. Non lo siamo.

Pensieri della sera #12

La moderna umanità rigurgita dalle più infide fogne della Grande Babilonia, spargendo sulla terra il fetore mortale degli antri infernali. Laddove regna l’apparenza dominano coloro che ignorano. SCHIAVI

Abbondano le parole in bocca a scarsamente abili parolai. La parola a tutti equivale alla parola a nessuno poiché nella moltitudine si disperde il seme dell’animo umano. DUE VOLTE SCHIAVI

Solidali con i soldi degli altri. Umani con le catene degli altri. Ecologisti con i capitali degli altri. Eccoli i figli di Babilonia la grande… si sentono liberi e grandi pensatori. TRE VOLTE SCHIAVI nella loro idiozia

Tu lo dici #71

Non credo che una guerra combattuta con le bombe atomiche spazzerà via la civiltà. Forse potranno rimanere uccisi due terzi della popolazione della terra. Ma resterebbe un sufficiente numero di uomini capaci di pensare e un sufficiente numero di libri per consentire di ricominciare daccapo e restaurare la civiltà.

(Einstein A.)

Pensieri della sera #8

Non discutere col feudatario, poiché la sua mente non comprende i rovesci di una vita normale. Egli vede il mondo dall’altezzosa prospettiva del suo castello, dove tutto gli è concesso con un battito di mani. Egli non conosce leggi che non siano le sue. Classista!

Non discutere col folle, poiché la sua mente è un turbine di idee linearmente confuse che non può essere arrestato. Non ti ascolterà, non ti farà parlare, non ti comprenderà. Ed è giusto che sia così, dal momento che la sua mente non può che essere tutta presa dal proprio, sterile, moto ondoso. Vanità!

Non discutere con chi ti dileggia, con chi ti disprezza, con chi gioca a farti sentire inferiore, con chi vuole abbassarti l’autostima, con chi si sente eternamente migliore, con chi giudica senza permetterti di giudicare a tua volta, con chi amministra giustizia senza averne il senso, con chi riduce il tuo valore allo 0 per sentirsi grande dall’alto del suo 1. Spreco!

Nuova rubrica

Dal 1 Agosto sarà attiva una nuova rubrica dal nome Volksgeist (Spirito del Popolo), la nuova sezione avrà cadenza giornaliera e rievocherà, in forma breve, un evento storico, culturale o sociale accaduto in quella data. Non sarà uno spazio di analisi approfondita, come nella rubrica Storia. 

Grazie per la visita.

Germania – Philipp Veit (1848)

From August 1, a new column will be active with the name Volksgeist (spirit of the people), the new section will take place on a daily basis and will recall, in a short form, a historical, cultural or social event that occurred on that date. It will not be a space for in-depth analysis, as in the Storia section.

Thanks for visiting us.

Tu lo dici #16

Bisogna pensare a modelli diversi di società rispetto al capitalismo. Non è accettabile che nel XXI secolo alcuni paesi e multinazionali continuino a provocare l’umanità e cerchino di conquistare l’egemonia sul pianeta. Sono arrivato alla conclusione che il capitalismo è il peggior nemico dell’umanità perché crea egoismo, individualismo, guerre mentre è interesse dell’umanità lottare per cambiare la situazione sociale ed ecologica del mondo. 

(Morales E.)