Storia: Luglio 1916

Il massiccio attacco inglese nella valle della Somme iniziò la mattina del 1 Luglio 1916. Dalle 6 alle 7 del mattino le trincee tedesche vennero bombardate da oltre 250.000 proiettili di artiglieria (il tremendo frastuono del bombardamento, 4.200 proiettili al minuto, venne sentito addirittura in Gran Bretagna). Poco dopo le 7 una serie di mine, piazzate alla fine di tunnel nei pressi delle trincee tedesche, vennero fatte brillare con effetti devastanti. Tutto sembrava volgere al meglio per gli Inglesi. Eppure l’ottusità dei loro comandanti fece si che le prime giornate di battaglia si trasformassero in un fallimentare massacro.

Soldati Inglesi sulla Somme

I soldati erano stati sovraccaricati di equipaggiamento nell’illusoria speranza di una rapida avanzata, i generali pensavano che i Tommies già a sera avrebbero dovuto rendere abitabili le nuove trincee conquistate. Inoltre tutti pensavano che il massiccio bombardamento avrebbe distrutto la maggior parte delle postazioni nemiche, per cui i soldati vennero fatti uscire in schieramenti troppo visibili e compatti, facilmente colpibili da mortaio e mitragliatrici. Fu un massacro vero e proprio, tanto che alla fine del primo giorno di battaglia alcuni pensavano addirittura ad una ritirata! Nella prima giornata gli Inglesi persero 57.000 uomini contro gli 8.000 tedeschi, nonostante questo agghiacciante bollettino l’offensiva continuò nelle giornate e nei mesi successivi. Di fatto l’11 Luglio 1916 le truppe del Kaiser cessarono gli attacchi su Verdun e si misero sulla difensiva per poter spostare truppe verso la Somme, l’idea Inglese aveva avuto successo. Un successo pagato a carissimo prezzo sino alla fine (la Battaglia della Somme terminerà nel Novembre 1916).

Nel frattempo il 4 Luglio 1916 gli irregolari arabi scacciarono le truppe ottomane dalla città sacra de La Mecca, ottenendo così la loro prima storica vittoria.

La Mecca 1916

Storia: Giugno 1916 – parte prima

La più grande vittoria alleata durante la Prima Guerra Mondiale? Con tutta probabilità l’offensiva Brusilov cominciata il 4 Giugno 1916 e terminata il 24 Settembre dello stesso anno. L’attacco delle forze dello Zar aveva il duplice obiettivo di distogliere l’attenzione tedesca dal settore di Verdun e quella austriaca dalla Battaglia degli Altipiani. L’attacco investì un fronte di quasi 500km e cominciò nel lato compreso tra l’area paludosa di Pryp’jat’ (nei pressi della tristemente famosa Černobyl’) e la Bucovina. Il successo fu in larga parte dovuto ad una nuova tecnica di guerra che prevedeva l’utilizzo di piccole unità specializzate che si infiltravano facilmente tra le linee nemiche e colpivano specifici obiettivi, limitando l’inutile spreco di soldati degli assalti di fanteria.

Cavalleria Russa 1916

L’esercito dello Zar era in realtà al suo canto del cigno… il paese era già sull’orlo della rivoluzione a causa dell’immenso costo di una guerra che ai più sembrava ormai inutile, la Russia tra il 1914 e il Giugno 1916 aveva già perso 5.000.000 di uomini e il malcontento era sempre più evidente anche tra le truppe. Nonostante questo per tre mesi interi l’esercito russo inflisse una dura lezione ai propri rivali causando perdite complessive di oltre 780.000 uomini tra Austriaci e Tedeschi (ai quali vanno aggiunti anche 400.000 prigionieri) e raggiungendo l’obiettivo di alleggerire gli altri due fronti alleati. Inoltre l’efficacia dell’attacco convinse il Regno di Romania ad entrare in guerra la fianco degli Alleati. Il prezzo della vittoria fu comunque alto. La Russia ebbe perdite complessive per oltre 1.400.000 uomini e non sarebbe più stata in grado di realizzare grosse offensive.

Nel settore di Verdun, nel frattempo, il 7 Giugno 1916 Fort Vaux cadde in mano dei Tedeschi dopo una settimana di micidiali combattimenti quasi sempre corpo a corpo negli infiniti cunicoli del forte. Le truppe francesi, ai comandi dell’eroico Maggiore Sylvain Eugène Raynal, si dovettero arrendere a causa della scarsità di acqua potabile e di munizioni.

Nel Mare del Nord il 1 Giugno 1916 si consumava la Battaglia dello Jutland. La marina tedesca si scontrava con quella britannica nel tentativo di spezzare il blocco navale creato dagli Inglesi. Nonostante i gravi danni inflitti alla marina di Sua Maestà i Tedeschi non riuscirono nel loro intento e nei mesi successivi si limitarono principalmente a condurre la guerra marina coi sommergibili. Prima illustre vittima della guerra sottomarina fu il ministro della guerra britannico Horatio Kitchener che perse la vita il 5 Giugno 1916, mentre si trovava in viaggio verso la Russia a bordo dell’incrociatore HMS Hampshire. La nave centrò in pieno una mina posata proprio da un sommergibile tedesco. Solo 12 dei 655 uomini a bordo si salvarono.

Sul fronte meridionale dell’Impero Ottomano l’8 Giugno 1916 lo Sceriffo della Mecca (al-Ḥusayn ibn ʿAlī) siglò l’alleanza con gli Inglesi ed i Francesi dando vita alla Rivolta Araba che avrebbe visto tra i suoi grandi protagonisti Thomas Edward Lawrence.

Storia: Thomas Edward Lawrence

Nel complesso dei nostri articoli che ripercorrono la Prima Guerra Mondiale stiamo per affrontare la questione della Rivolta Araba, la prossima settimana uscirà proprio l’articolo riguardante il Giugno 1916. Per questo motivo è bene che andiamo a conoscere preventivamente uno dei grandi protagonisti di quell’epopea: Thomas Edward Lawrence.

Un aforisma attribuito a Giulio Andreotti cita: A pensar male degli altri si fa peccato ma spesso ci si indovina. Di sicuro non era uno che pensava male il buon Thomas Edward Lawrence, al punto di peccare forse di troppa ingenuità nei confronti del governo del suo paese e delle mire coloniali della corona, inoltre doveva essere totalmente estraneo agli interessi che certe lobby nutrivano nei confronti del territorio della Palestina. Ingenuo. A volte in modo quasi ingiustificato essendo un ufficiale dei servizi segreti britannici nel corso di una delle guerre più brutali mai conosciute dall’umanità, ma di certo non poteva sapere quale destino amaro stessero preparando la Francia e l’Impero Britannico per il Medio Oriente, una sorpresa ancora oggi dagli effetti letali e nefasti.

Lawrence si trova volontariamente catapultato nel mondo arabo del 1916, è una realtà culturale che ha a lungo studiato per oltre dieci anni, vivendola in prima persona nel corso dei lunghi viaggi intrapresi dal 1907 in poi, conosce tutti gli usi ed i costumi, ne comprende la complessità e non si limita ad etichettare come “barbare” quelle usanze così diverse da quelle occidentali, sa bene che ogni cultura rimanda inevitabilmente al contesto storico ambientale nel quale viene alla luce… e la cultura araba nasce nel deserto, in un luogo inospitale e mortale, dove però trovano spazio anche i pensieri più profondi e le poesie più toccanti. Il cielo notturno del deserto è un’immagine che ritorna più volte negli scritti di Lawrence e rende bene l’idea della fratellanza che si sviluppa tra gli uomini che vivono costantemente sotto quello spettacolo. Lawrence arriva a capire che la natura di una cultura spesso così rude e talvolta brutale nelle sue punizioni nasce anche dall’esigenza di mantenere regolato un popolo totalmente frammentato in decine e decine di tribù sparse su un territorio vastissimo. Eppure in questo mare sterminato di sabbia ci sono uomini che coltivano un sogno non troppo nascosto di unire tutto il mondo arabo sotto una sola bandiera, ribellandosi in primo luogo al giogo dell’ Impero Ottomano ormai in piena decadenza.

Inizia così un’epopea spesso e volentieri sminuita dalla storiografia britannica. Lawrence guida insieme ad alcuni capi arabi una forza militare determinata e letale, col compito di rendere la vita difficile ai Turchi su un territorio molto vasto, di fatto si tratta di interrompere costantemente i rifornimenti alle truppe al fronte e di impegnare e stremare un numero sempre maggiore di unità nemiche, in modo da tenerle lontane dagli obiettivi più sensibili delle campagne dell’esercito di Sua Maestà. Nel corse di questa campagna militare non mancheranno le azioni eclatanti  e alcuni episodi di efferata crudeltà dettati come spesso accade dalla brutalità di una guerra, che per sua definizione non può mai essere né bella né pulita come certi “soloni” e teologi delle liberazioni democratiche vorrebbero farci credere. L’idea di Lawrence e dei capi arabi è semplice, liberare la Penisola Araba dalle forze nemiche e creare un grande stato unitario sotto il quale possano riconoscersi e prosperare tutti gli Arabi, è un’idea che in quel momento sembra a portata di mano e sarebbe anche realizzabile dal momento che le ingerenze occidentali nell’area sono ancora talmente fievoli da non aver contaminato e frazionato ulteriormente le tribù locali con delle facili promesse. Ma Lawrence ignora un fatto fondamentale: esiste già un accordo tra Francia e Impero Britannico per spartirsi l’intera area sotto due zone di influenza ben distinte.

La fine della guerra porterà alla luce tutti gli accordi segreti tra le potenze vincitrici, distruggendo in un solo colpo il sogno arabo di uno stato unitario, frammentando in maniera definitiva le tribù locali e consegnando Palestina ed Iraq in mano agli Inglesi e Siria e Libano in mano ai Francesi. Lawrence, che in tutti quegli anni di guerra ha cominciato non solo a vestirsi come gli arabi bensì anche a pensare come loro, si sente totalmente sconfitto e tradito da coloro che reputava degli alleati ed amici corretti. Rifiuterà tutte le onorificenze conferitegli sa Sua Maestà per le gesta compiute durante la Rivolta Araba, ma non lascerà l’esercito cominciando ad interessarsi all’aeronautica ed alle sue implicazioni militari. Passerà gli ultimi anni della sua vita in maniera abbastanza ritirata, sino a morire durante un misterioso incidente stradale nel 1935. Scomodo per le sue idee, scomodo per i suoi scritti, scomodo per aver ignorato certi interessi e certe lobby.

Nel suo libro su quella esperienza araba aveva scritto: « Non tutti gli uomini sognano allo stesso modo … Io intendevo creare una Nazione nuova, ristabilire un’influenza decaduta, dare a venti milioni di Semiti la base sulla quale costruire un ispirato palazzo di sogni per il loro pensiero nazionale … ». Questa frase dovrebbe farci riflettere ancora oggi, quando chiunque si faccia portavoce delle istanze arabe in Palestina viene costantemente tacciato di un non meglio precisato anti-semitismo che permette a certe lobby di perpetrare le proprie nefandezze sotto la luce del sole, al riparo della protezione internazionale.