Guerra Civile Americana: Ottobre 1861

Nell’Ottobre del 1861 si tenne un’unica battaglia di rilievo, passata alla storia come Battaglia di Ball’s Bluff e svoltasi il 21 Ottobre nella contea di Loudoun in Virginia. Erano passati tre mesi dalla sconfitta di Bull Run e l’esercito unionista, inquadrato nella nascente Armata del Potomac si stava preparando in vista di una futura invasione della Virginia. Il primo passo di questi preparativi richiedeva che si scoprissero le posizioni esatte delle truppe confederate.

Il comandante unionista, maggiore generale George B. McClellan, inviò le truppe del generale di brigata McCall nella cittadina virginiana di Dranesville il 19 ottobre. Lo scopo era capire se il comandante confederato di zona, colonnello Nathan “Shanks” Evans, avesse lasciato la vicina città di Leesburg. In effetti le truppe confederate avevano lasciato il luogo il 16 ottobre, ma ciò era avvenuto per una decisione autonoma di Evans, il quale era stato poi redarguito dal suo superiore diretto, generale di brigata P.G.T. Beauregard, tornando dunque verso le posizioni originarie… di fatto il 19 ottobre i confederati avevano stabilito una posizione fortificata sull’attuale State Route 7 a est di Leesburg.

Il comandante McCall mandò il generale Charles Pomeroy Stone a condurre un’incursione dimostrativa per saggiare le resistenze degli uomini di Evans. Quello che avvenne successivamente fu la dimostrazione della completa incompetenza dei comandati unionisti in quel frangente della guerra… tra errori di posizionamento, mancati scambi di informazioni (McCall mandò Stone in avanti da solo e spostò il grosso delle sue truppe verso Washington senza informarlo, lasciandolo di fatto da solo), azioni condotte al buoi completo nelle quali si scambiavano gruppi di alberi per accampamenti confederati, ecc… . Lo scontrò che ne conseguì fu una netta vittoria delle truppe i Evans. I nordisti ebbero circa 1.000 tra morti, feriti e prigionieri su un totale di 1.720 unità, mentre i sudisti ne ebbero 155 su 1.709. Tra i morti unionisti va ricordato il senatore e colonnello Edward Baker, unico senatore statunitense ad oggi ad essere deceduto in un’azione di guerra.

Morte del colonnello Baker

La sconfitta ed il modo in cui era maturata portò il mondo politico di Washington a creare il Comitato congiunto del Congresso sulla condotta della guerra, un ente preposto al controllo delle condotte degli ufficiali nordisti nel corso degli eventi bellici.

Storia: Le origini della Guerra Civile Americana – Parte 1

Quando stavo finendo di occuparmi della Grande Guerra vi ho anticipato che l’argomento storico successivo sarebbe stato la Guerra Civile Americana, o Guerra di Secessione, e quindi eccomi qui a raccontare gli eventi che portarono a quel sanguinoso conflitto. Per forza di cose e per la complessità dell’argomento queste origini saranno analizzate in una serie di articoli ad impronta crono-grafica.

Bisogna innanzitutto pensare alla complessità del mondo “Stati Uniti”. Cosa intendo? Gli Stati Uniti sono nati dalla Rivoluzione Americana, quando le 13 colonie britanniche si ribellarono alle madrepatria, appoggiate dai Francesi, riuscendo a conquistare la propria indipendenza, questa guerra durò fino al 3 Settembre 1783. Da quel momento la nuova nazione cominciò pian piano ad espandere i propri territori, ora in modo diplomatico (acquistando terre da Francia e Spagna) ora in modo violento (a discapito dei Nativi o negli scontri col Messico). In questo modo dalle 13 colonie si passò pian piano ad una serie di Stati federati. L’espansione territoriale si dirigeva principalmente ad ovest (il famoso West).

Già le 13 colonie alla loro origine erano composte da genti molto diverse, come accadeva in qualsiasi colonia di qualsiasi nazione. Gente della stessa regione e della stessa religione tendeva a trasferirsi laddove c’erano già dei propri “simili” per andare a costruire comunità coese e saldate da principi e valori condivisi. A questo si aggiunse la diversificazione del territorio che negli stati meridionali favoriva la nascita di piantagioni per lo sfruttamento intensivo del suolo, mentre a settentrione il clima più rigido favoriva uno sviluppo economico diverso. Gli Stati Uniti erano dunque già divisi tra gente settentrionale e gente meridionale.

Il Nord era il territorio in cui si erano stabiliti i puritani dando inizio al loro nuovo “Regno dei Cieli”. Avevano sviluppato un’economia fiorente, incentrata sull’imprenditoria, gettando le basi per il moderno capitalismo e richiamando un numero sempre maggiore di immigrati richiamati dall’eco di tale prosperità. Avevano fondato grandi istituzioni scolastiche sostenute economicamente dalla comunità, come ad esempio Harvard! Il Nord era la terra dei mercanti, degli imprenditori e dei banchieri. Ed inizialmente era anche il terreno dell’intransigente morale calvinista: c’era la pena di morte per l’ateismo manifesto ed erano severamente puniti l’adulterio, la bestemmia, l’ubriachezza, era vietato l’uso del tabacco, ecc…. Proprio nel Nord si sviluppò il movimento politico che dopo diversi sviluppi e passaggi sarebbe diventato il Partito Repubblicano odierno.

Il Sud era una terra agricola, come abbiamo spiegato poco sopra. I suoi coloni provenivano da esperienze religiose diversificate e questo aveva portato ad una concezione dello Stato ben diviso dalla Fede onde evitare fanatismi che erano già costati tante vite nelle guerre di religione in Europa. Fu per la spinta di Thomas Jefferson, originario della Virginia, che nella costituzione degli Stati Uniti fu da subito inserite “libertà religiosa, libertà di pensiero e libertà di stampa” (I° Emendamento). La società che si era sviluppata nel Sud non aveva portato alla nascita di città molto grandi ed era stata forgiata su un forte individualismo e sulla richiesta di un’impostazione statale fortemente decentrata, al contrario dei loro connazionali del Nord. I prodotti del Sud erano Cotone, Tabacco, Riso ed Indaco. Nel Sud si sviluppò invece il movimento politico che sarebbe diventato nel corso della storia il Partito Democratico che conosciamo oggi.

E qui già molti di voi saranno sorpresi dal aver appreso le radici originarie dei due partiti principali dello scenario politico statunitense.