Il Grimorio di Odenwald #65

XXXIX – DE MONTIBUS PAMMACHII (Dei monti del Pammacchio) – Innocenzo VI (1352 – 1362), nato a Beyssac col nome di Étienne Aubert, prima di intraprendere la carriera ecclesiastica studiò legge a Tolosa, fu inoltre Uditore della Sacra Rota durante il pontificato di Benedetto XII. Divenne vescovo di Noyon e poi di Clermont.

E’ stato il 199° Papa ed il suo pontificato durò quasi dieci anni.

Come Papa si adoperò a far ristabilire l’ordine a Roma e fece diverse riforme amministrative all’interno della Chiesa. Nel 1360, con la bolla Quasi lignum vitae, Innocenzo VI trasformò le scuole domenicane e francescane di Bologna in Facoltà di Teologia, su modello delle università di Parigi e Oxford, col privilegio quindi di concedere i gradi dottorali. Cercò inoltre di riavvicinarsi alla Chiesa d’Oriente, ma i suoi sforzi furono vani. 

Durante il suo pontificato ha creato 15 cardinali nel corso di 3 concistori.

Il Grimorio di Odenwald #60

XXXVI – CORVUS SCHISMATICUS (Il corvo scismatico) – Niccolò V (1328 – 1330), nato a Corvara (provincia di Pescara) col nome di Pietro Rainalducci. Fu antipapa durante il pontificato di Giovanni XXII, fu inoltre l’ultimo antipapa insediato da un imperatore del Sacro Romano Impero.

Fu eletto tramite l’influenza dello scomunicato imperatore, Ludovico IV il Bavaro, da un’assemblea di sacerdoti e laici, e consacrato nella Basilica di San Pietro a Roma, il 12 maggio 1328, dal vescovo di Venezia. Dopo aver passato quattro mesi a Roma, si ritirò con Ludovico IV a Viterbo. Il 19 febbraio 1329 Niccolò V presiedette una bizzarra cerimonia nel Duomo di Pisa, nella quale un fantoccio di paglia rappresentante Giovanni XXII e abbigliato con le vesti pontificie, venne formalmente condannato, degradato e consegnato al braccio secolare. Niccolò V venne scomunicato da Giovanni XXII nell’aprile 1329 e cercò rifugio presso il conte Bonifacio della Gherardesca di Donoratico, vicino a Piombino. Avendo ottenuto assicurazione di perdono, presentò una confessione dei suoi peccati, prima all’arcivescovo di Pisa, e quindi ad Avignone, il 25 agosto 1330, a Giovanni XXII, che lo assolse.

Il Grimorio di Odenwald #50

XXX – PITUS INTER ESCAS (Il Picchio fra le esche) Niccolò IV (1288 – 1292), nato a Lisciano, vicino ad Ascoli Piceno, col nome di Girolamo Masci, fu il primo Pontefice appartenente all’Ordine francescano. Fu Cardinale Vescovo di Palestrina.

E’ stato il 191° Papa ed il suo pontificato durò poco più di quattro anni.

La sua elezione giunse dopo undici mesi di soglio vacante, inizialmente rifiutò la nomina, ma dovette cedere a seguito della seconda elezione. Fu lui a promulgare la Bolla pontificia “Coelestis altitudo” nel 1289, tramite la quale garantì ai cardinali la metà di tutte le entrate della sede di Roma, nonché una parte della gestione finanziaria, spianando la strada a quell’indipendenza del collegio dei cardinali che, nel secolo successivo, sarebbe tornata a sfavore del papato stesso. Per anni provò, senza riuscirvi, ad organizzare una Crociata per la riconquista della Terra Santa. Ebbe più fortuna nel organizzare Crociate contro le eresie del tempo e contro quei regnanti troppo “amici” dei pagani e dei musulmani, come Ladislao IV d’Ungheria, il quale venne assassinato, nel 1288, durante una guerra civile fomentata dal Papato. Fu molto attivo nel patrocinare artisti e nell’avviare grandi opere, come la costruzione del Duomo di Orvieto, la ristrutturazione delle basiliche di San Giovanni in Laterano e Santa Maria Maggiore.

Durante il suo pontificato ha creato 6 cardinali nel corso di 1 unico concistoro.