Deep Space 19: la terra avrà i suoi anelli?

L’uomo è un animale tremendo, mediamente stolto in tutto ciò che fa, nonostante sia capace anche di grandi scoperte e grandi invenzioni… ma spesso l’uso che fa di queste innovazioni è quanto meno discutibile. Sembra quasi che rovinare ciò che lo circonda sia più forte di lui… come se nel suo DNA vi fosse qualcosa di tremendamente sbagliato. Che si tratti del nostro pianeta (che, vale la pena di ricordare, è unico per noi) sia che si tratti dello spazio.

L’esplorazione dello spazio, avviata durante la Guerra Fredda ci ha portato a fare grandi scoperte e, chi più chi meno, ci ha affascinato tutti. Quello che però molti non sanno è che per ogni lancio effettuato nello spazio vengono poi lasciati in loco centinaia di rifiuti: pezzi di razzi, detriti di macchinari, satelliti in disuso abbandonati. Vista la nostra capacità di spingerci principalmente nello spazio più adiacente al nostro pianeta, la maggior parte di questi rifiuti spaziali si trova tutta attorno alla terra! I numeri di questa discarica a “cielo aperto” sono impressionanti e ci vengono forniti dalla stessa NASA. Non si tratta di dati certi al 100%, ma di stime… l’effetto comunque non cambia.

170.000.000 di detriti di dimensioni inferiori al centimetro
500.000 detriti di dimensioni comprese tra 1 e 10 centimetri
23.000 detriti di dimensioni maggiori di 10 centimetri

Tutti scarti che ruotano attorno a noi e che talvolta vengono ad impattare sul suolo terrestre.

Alcuni ricercatori, in particolare Jake Abbott dell’Università dello Utah, hanno di recente posto l’accento sul problema cercando si sensibilizzare sia l’opinione pubblica che le agenzie spaziali. In maniera provocatoria (ma fino ad un certo punto) hanno descritto, in un futuro non troppo lontano, il nostro circondato da anelli come Saturno, ma nel nostro caso si tratterebbero di anelli composti da rifiuti prodotti dall’uomo. Un’immagine efficace quanto allarmante.

Lo stesso Abbott, insieme al suo team di studio, sta cercando di elaborare delle soluzioni pratiche al fine di evitare un disastro del genere. Bisognerà poi capirne l’efficacia ed i costi… ma la vera domanda è: per quanto tempo ancora l’uomo abuserà della pazienza dell’universo?

Dal Mondo: Pulite l’Everest!

L’uomo del 2000 è una costante fonte di inquinamento: sporca, rovina e imbratta ogni luogo in cui mette piede. Ogni essere umano produce almeno un sacco di rifiuti, di diverso tipo, al giorno. Imballaggi, scatole, bottiglie, carte, fogli, rifiuti organici, ecc… . Sembra una situazione senza via d’uscita. Il mondo moderno è così pieno di rifiuti che siamo arrivati al punto di averli trasformati in arte. I muri sporcati dalle scritte sono arte, le strade sporche delle nostre città saranno presto arte, gli escrementi in barattolo sono arte, intere cacofonie sono giudicate arte. No, non c’è via d’uscita.

Eppure si potrebbe pensare che da qualche parte esistano ancora posti incontaminati, talmente inaccessibili da tenere lontana la mano sporca dell’uomo. Giungle, montagne, oceani e deserti. Illusioni… sono tutte illusioni. Lo sapete che sul monte Everest, la vetta più alta del nostro pianeta (8.848 metri sul livello del mare) ci sono 35.000 chili di rifiuti prodotti dall’uomo? No, non è uno scherzo. E per fortuna si tratta di un luogo difficile da raggiungere, spesso fatale per chi tenta la salita (11 decessi nel solo 2019).

Everest Mountain Peak – the top of the world (8848 m)

Gli alpinisti che salgono in vetta producono, come tutti, dei rifiuti (tende da campo, lattine, cibo, bombole di gas, vestiti, oggetti di plastica, ecc…), ma quel che è peggio è che a quelle altezze diventa quasi impossibile raccoglierli, portarseli dietro o riportarli a valle. Paradossalmente può diventare una questione di vita o di morte. A tal proposito il governo del Nepal ha deciso di intervenire in maniera decisa, creando delle squadre di netturbini (presi dall’esercito) da spedire sulla cima per ripulire completamente questo scempio. La scelta di utilizzare i militari a suscitato diverse polemiche: in molti sostengono che i militari non siano in grado di arrivare in cima alla montagna, al contrario degli sherpa, e per questo la pulizia potrebbe avvenire solo ai livelli più bassi dell’Everest.

Come sia, e comunque andrà a finire, viviamo in mondo assurdo.