Un due tre… musica

C’è voluto un pò, ma alla fine siamo arrivati al momento di inaugurare la nuova rubrica sulla quale vi avevamo chiesto di esprimere un voto. Si parlerà di musica… anzi non si parlerà di musica, ma di vita vissuta con la musica… in pratica colonne sonore dell’esistenza.

Ieri ci ha lasciato un genio italiano che ci ha regalato alcune delle colonne sonore più belle della storia, senza le quali gli stessi capolavori del cinema non sarebbero tali, e questo mi ha fatto riflettere sulle come impostare questa rubrica musicale… ed alla fine mi sono deciso per le colonne sonore della mia vita. Tutti abbiamo qualche canzone legata ad un preciso momento della nostra vita. Sono le nostre colonne sonore, nel bene e nel male. Sono pezzi di vita immortalati come delle piccole polaroid sbiadite, ma sempre pronte ad emergere dagli album fonografici del passato.

Non vi darò da ascoltare: vi darò da leggere. Poi se vorrete andrete ad ascoltare e ripenserete a quello che avete letto. UNDERPASS

Sturm und Drang: Il profumo dell’oceano

Il fiume scorre, il lago riflette, il mare racconta e l’oceano profuma.

L’oceano profuma di ricordi lontani, di posti esotici e tempi remoti.

L’oceano ha insita la memoria del mondo, nel bene e nel male registra ogni evento.

L’oceano non ha fine, non ha limiti e non ne da. Mai.

L’oceano è il motore di ogni grande storia, di ogni grande avventura, di ogni grande scoperta. 

L’oceano è la nostra fantasia che non demorde,  non si imbriglia e non decade.

L’oceano bacia il cielo e la terra, contiene acqua e fuoco allo stesso tempo. 

L’oceano è tutto in uno. 

L’oceano che confluisce nel Canale della Manica e bacia Saint-Malo

Prossima Fermata: Stresa

Devo dire che provo sempre un che di nostalgico quando devo descrivere i miei passaggi in Piemonte, una terra che amo profondamente per il suo essere così maledettamente intrappolata in un “tempo senza tempo”, dove si scontrano il nuovo e l’antico mantenendosi sempre ad una distanza di sicurezza, come se si trattasse di un antico duello con la pistola. Ripensando a quella terra il primo sussulto non me lo da ripensare alle sue splendide città bensì ricordare le emozioni provate tanti anni or sono sulle rive del Lago Maggiore in una tre giorni di gita con visita alle Isole Borromee. Partiamo dal presupposto che è la prima esperienza lacustre che mi ricordo, anche se in realtà avevo già visto il Lago di Garda, ma ero troppo piccolo per averne memoria. Il lago era un pò un qualcosa di nuovo e misterioso, pensare a così tanta acqua chiusa in un bacino mi lasciava perplesso e le  mie conoscenze di geografia non mi permettevano ancora di intuire che in realtà quell’acqua non fosse fissa lì in eterno a ristagnare come in un palude bensì fosse in transito dalle montagne verso il mare lungo il corso del fiume Ticino!

Tra l’altro il primo impatto col lago fu notturno per cui camminavo con mio nonno lungo le rive mi fermavo di tanto in tanto a guardare quelle acque nere sin troppo tranquille che in fondo ci stavano osservando (o quanto meno questa era la mia sensazione da film horror). Il mio pensiero principale era che mai e poi mai sarei salito su una barca il giorno dopo per andare a visitare delle fantomatiche isole che non riuscivo ad intravvedere nel buio, isole della cui esistenza iniziai a dubitare nel corso della sera finchè una cartina geografica non riportò la calma.

Stresa in ogni caso è un piccolo paese concentrato sul lago, anche se il suo comune abbraccia sia una parte delle montagne circostanti sia tre delle quattro Isole Borromee. Dire che è un luogo di interesse culturale è dire davvero poco dal momento che vi si svolge annualmente un festival musicale sin dal 1961, inoltre il Premio Stresa di Narrativa prende proprio il nome e ha sede nel piccolo centro piemontese (premio vinto per esempio nel 2004 da Antonia Arslan con “La masseria delle allodole”).

Alla fine tutto si risolve per il meglio e andai anche a visitare le famigerate isole che al buio non riuscivo a vedere! Non starò qui a delucidare in merito, ma sappiate che sono dei posti stupendi e che visitarle non può che farvi bene, specialmente l’Isola Bella con il suo Palazzo Borromeo e i giardini meravigliosi intorno ad esso.

Curiosità frivola: a Stresa si sono svolte le prime finali di Miss Italia tra il 1946 e 1949 (ah, no?!)