Storia: Le origini della Guerra Civile Americana – Presidenza Van Buren

Alla fine della presidenza Jackson si tennero le elezioni del 1836. A queste elezioni partecipò per la prima volta il Partito Whig (parte del futuro Partito Repubblicano) contro il Partito Democratico, fu comunque il candidato di quest’ultimo a vincere le elezioni: Martin Van Buren, con il 50,8% devi voti popolari e 170 grandi elettori. Un risultato certamente non straripante contro il candidato William Henry Harrison, che sfiderà Van Buren anche nel 1840. L’elezione del 1836 è storicamente importante poichè fu quella che sancì in via definitiva il sistema bipartitico statunitense. Il nuovo presidente si insediò il 4 marzo 1837. Si ripresentò anche alle elezioni del 1840, ma non venne rieletto.

1837: prima grande crisi economica degli Stati Uniti al seguito dello scoppio di una bolla speculativa il 10 maggio a New York, ci furono fallimenti bancari a catena e un picco spaventoso del tasso di disoccupazione. Nel frattempo in Illinois viene linciato il redattore abolizionista (e presbiteriano) Elijah Parish Lovejoy, il suo giornale aveva attaccato gli schiavisti del Sud, ma anche gli immigrati cattolici irlandesi.

1838: deportazione forzata dei Cherokee lungo il tristemente famoso “sentiero delle lacrime”. In Missouri viene promulgato contro i Mormoni il Missouri Executive Order 44 (ordine di espulsione e sterminio), il quale porta alla fuga della comunità religiosa dallo stato.

1839: Avviene il famoso episodio della ribellione dell’Amistad ed il relativo processo della durata di tre anni, alla fine dei quali gli schiavi saranno tutti liberati.

1840: dal nuovo censimento della popolazione degli Stati Uniti risultano 17.069.453 (quasi il 33% in più rispetto a quello del 1830) di cui 2.487.355 e 6.000 afroamericani liberi.

Sehnsucht: Externsteine

Abbiamo già avuto modo di parlare dell’Axis Mundi e nel farlo abbiamo citato rapidamente Irminsul, l’albero sacro dei Sassoni, il cui nome deriva da “Irmin” (ispirato/grande) uno dei nomi di Wotan. L’albero sacro era rappresentato in molti luoghi sacri sassoni, i quali purtroppo vennero distrutti dalla furia cristiana portata da Carlo Magno. Ricordo che quando avevo 12 anni c’era uno sceneggiato europeo sulla vita dell’imperatore carolingio… la scena della distruzione dell’Irminsul e la sottomissione violenta dei Sassoni al nuovo Dio mi diede un senso di disgusto unico. Per fortuna distruggere gli alberi e le rappresentazioni dell’Irminsul non bastarono a cancellarne il culto ed ancora oggi resta radicato nella cultura tedesca, così come altri aspetti pagani. Ma il vero Irminsul dove si trovava? Dove sorgeva il grande albero sacro?

A questa domanda non è per niente facile rispondere, quale dei tanti alberi sacri fatti distruggere da Carlo Magno era quello originale? Sappiamo che la maggior parte dei luoghi sacri dei pagani vennero sostituiti con luoghi sacri della nuova religione imposta (poi magari un giorno parleremo anche del perchè veniva fatto in maniera sistematica), ma non tutti. Poteva capitare infatti che le energie pagane del luogo fossero tali da scoraggiare la costruzione di chiese e luoghi del nuovo culto.

Il particolare della deposizione

A tal proposito esiste un luogo in cui venne abbattuto un Irminsul da Carlo Magno, ma poi egli stesso vietò che vi si potessero praticare dei culti, se ne ha notizia certa e la si data nell’anno 772. Il luogo comunque venne “sanificato” mediante alcune scene cristiane scolpite in diversi punti sulla roccia. Una in particolare è molto suggestiva! Rappresenta la deposizione di Gesù Cristo dalla Croce… e fin qui nulla di strano, ma sotto la croce vi è un albero piegato, come se fosse stato abbattuto: un chiaro segno del trionfo della Cristianità su un culto sconfitto ed umiliato.

Il luogo di cui stiamo parlando si trova nei pressi della cittadina di Horn-Bad Meinberg, nella regione tedesca della Renania Settentrionale-Vestfalia, più precisamente nella famosa foresta di Teutoburgo. Il sito si chiama Externsteine ed è un com plesso megalitico comprendente anche un cerchio di 80 metri di diametro, un fossato, un tumolo e due palizzate di legno con tre porte (rivolte a nord, sue-est e sud-ovest). Secondo recenti studi pare che il luogo fosse utilizzato principalmente per il culto del sole e per la sua osservazione.

La presenza dell’Irminsul originale in questo sito venne ipotizzata da Wilhelm Teudt negli anni ’20. Abbiamo di recente visto il fermento creato dagli studi di Guido von List agli inizi del ‘900 e in quest’ottica è più facile comprendere come Teudt, entrato a far parte nel 1933 del NSDAP, sia riuscito a far dichiarare questo bosco come sacro in commemorazione degli antenati germanici. In un certo qual modo fu come assegnare al sito un certificato di “qualità” rendendolo un punto di riferimento per i pagani tedeschi (e non solo loro) ancora oggi.

Era dunque lì il vero grande Irminsul?