La voce di R’lyeh: Lettera aperta a L’Espresso sul caso Pinelli

Appello pubblicato in data 13 giugno 1971 dal settimanale L’Espresso, riguardante la morte dell’anarchico Giuseppe Pinelli, precipitato da una finestra mentre era in stato di fermo presso la questura di Milano, nell’ambito delle indagini sulla strage di piazza Fontana, condotte dal commissario Luigi Calabresi. Quest’ultimo ucciso in data 17 maggio 1972 da un commando di Lotta Continua.

(Esecutori dell’omicidio furono Ovidio Bompressi e Leonardo Marino, i mandanti diretti furono Adriano Sofri e Giorgio Pietrostefani, i mandanti morali… beh questa è una storia diversa.)

«Il processo che doveva far luce sulla morte di Giuseppe Pinelli si è arrestato davanti alla bara del ferroviere ucciso senza colpa. Chi porta la responsabilità della sua fine,Luigi Calabresi, ha trovato nella legge la possibilità di ricusare il suo giudice. Chi doveva celebrare il giudizio, Carlo Biotti, lo ha inquinato con i meschini calcoli di un carrierismo senile. Chi aveva indossato la toga del patrocinio legale, Michele Lener, vi ha nascosto le trame di una odiosa coercizione.

Oggi come ieri – quando denunciammo apertamente l’arbitrio calunnioso di un questore, Michele Guida, e l’indegna copertura concessagli dalla Procura della Repubblica, nelle persone di Giovanni Caizzi e Carlo Amati – il nostro sdegno è di chi sente spegnersi la fiducia in una giustizia che non è più tale quando non può riconoscersi in essa la coscienza dei cittadini. Per questo, per non rinunciare a tale fiducia senza la quale morrebbe ogni possibilità di convivenza civile, noi formuliamo a nostra volta un atto di ricusazione.

Una ricusazione di coscienza – che non ha minor legittimità di quella di diritto – rivolta ai commissari torturatori, ai magistrati persecutori, ai giudici indegni. Noi chiediamo l’allontanamento dai loro uffici di coloro che abbiamo nominato, in quanto ricusiamo di riconoscere in loro qualsiasi rappresentanza della legge, dello Stato, dei cittadini.»

Alcuni dei 757 firmatari:

Alberto Bevilacqua (scrittore) – Bernardo Bertolucci (regista) – Gilberto Pontecorvo (regista) – Natalia Ginzburg (scrittrice) – Marco Bellocchio (regista) – Giorgio Amendola (partigiano, Deputato del PCI) – Ferruccio Parri (partigiano, più volte Ministro della Repubblica) – Pier Paolo Pasolini (scrittore, regista, ecc…) – Giulio Carlo Argan (senatore di Sinistra Indipendente) – Dario Luigi Angelo Fo (drammaturgo, Soccorso Rosso Militante) – Folco Quilici (regista) – Norberto Bobbio (filosofo, nominato Senatore a Vita da Sandro Pertini) – Franca Rame (attrice, Soccorso Rosso Militante) – Margherita Hack (astrofisica) – Vito Laterza (editore) – Franco Basaglia (psichiatra) – Tinto Brass (regista) – Carlo Levi (scrittore) – Renato Guttuso (pittore, Senatore del PCI) – Liliana Cavani (regista) – Camilla Cederna (giornalista) – Eugenio Scalfari (giornalista) – Dacia Maraini (scrittrice) – Nanni Loy (regista) – Mario Soldati (scrittore) – Tiziano Terzani (giornalista) – Oliviero Toscani (fotografo) – Paolo Mieli (giornalista) – Luigi Comencini (regista) – Roberto D’Agostino (giornalista) – Alberto Moravia (scrittore) – Primo Michele Levi (scrittore) – Giulio Einaudi (editore) – Umberto Eco (semiologo) – Federico Fellini (regista) – Toni Negri (filosofo) – Giorgio Valentino Bocca (scrittore) – Andrea Barbato (giornalista)

I BUONI MAESTRI

Dal Mondo: Renato Pozzetto e la Dakar 1987

Pochi giorni fa (14 Luglio) è stato il compleanno di Renato Pozzetto, l’attore milanese ha raggiunto la soglia degli 80 anni. Tutti lo conoscono per i suoi film, per la sua comicità innata e per la mimica unica nel suo genere. Quello che invece quasi nessuno sa è che il “ragazzo di campagna” è stato anche un pilota automobilistico dilettante: colse tra l’altro la vittoria vittoria di classe al Giro automobilistico d’Italia del 1978, alternandosi al volante di una Fiat Ritmo con Riccardo Patrese.

Ma la sua impresa più interessante, la più suggestiva, fu la partecipazione al famosissimo rally Parigi-Dakar del 1987. Il prestigioso rally, che negli ultimi 11 anni si corre in America Meridionale, vide Renato Pozzetto disputare le 18 tappe (oltre 8.000 km) nella categoria camion insieme al pilota Giacomo Vismara (vincitore dell’edizione 1986 nella medesima categoria). Il duo si classificò al quinto posto al termine della competizione con un tempo di 98h10m49.

Non male per il “ragazzo di campagna”…

Il Grimorio di Odenwald #30

XVIII – LEO SABINUS (Il leone sabino) – Celestino IV (1241), nato a Milano col nome di Goffredo Castiglioni, era nipote del Papa Urbano III. Fu Cardinale Vescovo di Sabina.

E’ stato il 179° Papa ed il suo pontificato durò appena 17 giorni, il terzo più breve della storia.

Secondo alcuni studiosi Celestino IV venne eletto quando era già gravemente malato e sofferente, mentre secondo altri venne avvelenato durante una delle numerose congiure di palazzo. Alla sua morte si creò un vuoto di potere che sarebbe terminato solo a metà del 1243.

Il Grimorio di Odenwald #19

XI – SUS IN CRIBRO (Il Maiale nel crivello) – Urbano III (1185 – 1187), nato a Cuggiono (provincia di Milano) col nome di Umberto Crivelli, è controversa la notizia seconda la quale nel suo stemma di famiglia vi sarebbe stato un maiale (sus in latino). Era Arcivescovo di Milano

E’ stato il 172° Papa ed il suo pontificato durò appena ventidue mesi.

Durante il suo breve pontificato continuò le diatribe contro l’Impero. In particolare si rifiutò di incoronare il figlio di Federico I Barbarossa, Enrico, come Re d’Italia. Il principe Enrico aveva sposato Costanza d’Altavilla, erede del Regno di Sicilia. Lo scontro con l’Imperatore ne determinò la fuga a Ferrara ove morì in poco tempo. 

Durante il suo pontificato ha creato 5 cardinali nel corso di 2 distinti concistori.

Sturm und Drang: connessioni

Il rame

I capelli mossi nella penombra della stanza

Il colore fucsia

Una bicicletta sotto i portici di una città che non conosci

Una bicicletta dentro un treno per una città che non conosco

Tutto passa dalle mani

Un odore che sento ogni giorno

Quello che deve essere e quello che dovrebbe essere

Differenze

Pelle contro pelle

Hai sentito il richiamo e hai risposto

L’anima non è un’entità isolata

Apri gli occhi

Hai cercato la mia approvazione

L’hai ottenuta

I sogni sono risposte a domande che non siamo ancora in grado di formulare