Storia: Nouvelle-France

In ogni epoca storica ci sono alcuni eventi che hanno segnato dei veri e propri punti di svolta destinati a cambiare per sempre la storia dell’umanità. Se analizziamo gli ultimi tre secoli di storia il vero punto di svolta è collocato il 10 febbraio 1763 quando la Francia dovette cedere il Canada alla Gran Bretagna, segnando per sempre la fine della Nuova Francia, ossia del colonialismo francese in Nord America. Senza questo passo fondamentale, epilogo della Guerra dei Sette Anni, molte cose non sarebbero accadute. In primo luogo la Rivoluzione Americana del 1776 difficilmente avrebbe avuto corso. La stessa Rivoluzione Francese, figlia della crisi economica patita dopo la sconfitta nel predetto conflitto, non ci sarebbe stata. Il ruolo della Prussia nei territori tedeschi sarebbe rimasto più controllato ancora per qualche decennio, il tutto a favore della corona di Vienna. Il signor Washington sarebbe rimasto un colonnello sconfitto di un esercito sconfitto, rintanato nelle “Tredici Colonie” nella speranza di non essere spazzato via da un esercito francese vittorioso. Qualche decennio dopo il signor Bonaparte sarebbe probabilmente diventato un ufficiale di successo di un esercito francese fedele al re e impegnato in chissà quale fronte coloniale (magari nell’India Francese). Una conclusione differente della Guerra dei Sette Anni avrebbe visto la Gran Bretagna allontanata dall’India e forse il signor Kipling sarebbe nato in Australia e avrebbe scritto pagine memorabili sugli Aborigeni. La volontà di potenza della Prussia sarebbe rimasta esorcizzata ancora per diverso tempo rendendo una unificazione tedesca ai danni di Vienna realizzabile con almeno 50 anni di ritardo. L’Ottocento non sarebbe mai diventato il secolo del Risorgimento e forse ancora oggi ci sarebbero molte più “teste coronate” in giro per l’Europa.

La Nuova Francia fu un’esperienza coloniale molto diversa rispetto a quella delle altre potenze nello stesso periodo. L’assalto al Nuovo Mondo vide la Spagna e il Portogallo misurarsi con i grandi imperi dell’America centro-meridionale, mentre la Francia, la Gran Bretagna e l’Olanda (in misura significativamente minore) si impegnarono nell’America settentrionale. Al Nord non esistevano né grandi imperi né popolazioni coese e culturalmente complesse, gli Indiani vivevano una vita molto semplice, ma ben radicata nel territorio. La Gran Bretagna insediò subito lungo la costa delle colonie di popolamento entrando in aspro conflitto con le popolazioni locali di cui si cercava di espropriare la terra. La Francia, partendo dal Canada a Nord e da Biloxi nel sud, strutturò invece una grande colonia di sfruttamento commerciale basata su una serie di forti costruiti in mezzo a territori sterminati. La presenza di coloni francesi era limitata e gli scontri con le popolazioni locali erano sensibilmente meno frequenti rispetto a quanto accadeva con gli Inglesi; il governo francese sapeva che per controllare una colonia così vasta non poteva fare a meno dell’apporto delle popolazioni locali, le quali vennero integrate nella struttura sociale della colonia. All’apice della colonizzazione francese più di metà degli attuali Canada e Stati Uniti era sotto il controllo della Francia e dei loro alleati Indiani e molte grandi città del continente furono fondate proprio come forti e stazioni commerciali francesi. Alcuni esempi? Montreal e Quebec, Detroit e Pittsburgh (allora Fort Duquesne), St. Louis e New Orleans, Jacksonville (allora Fort Caroline) e Mobile, Baton-Rouge e Memphis (allora Fort de l’Assimption), Kansas City (allora Fort Cavagnial) e Chicago.

I Francesi lasciano Fort Detroit agli Inglesi

Nonostante l’economia fiorente della Nuova Francia, la disparità di popolamento rispetto alle colonie britanniche avrebbe giocato un ruolo fondamentale durante la Guerra dei Sette Anni. I Francesi e i loro alleati (gli Abenachi e i Mi’kmaq) inizialmente ottennero una serie di vittorie sulle impreparate truppe britanniche, ma dal 1758 il governo di Londra intensificò gli sforzi armati nelle colonie spazzando via un forte dopo l’altro e conquistando le principali città francesi. Nel 1763 tutta la Nuova Francia era caduta sotto il controllo “relativo” della Gran Bretagna. Ancora oggi persistono tracce del passaggio francese in terra americana. Oltre alle città che abbiamo citato prima resta una forte identità francofona in Quebec e nel Nuovo Brunswick,entrambe regioni dell’attuale Canada. Ci sono luoghi e cose che devono il proprio nome ai grandi che servirono in queste terre per conto dei sovrani di Francia, ad esempio:

Tontitown in Arkansas prende il nome da Enrico Tonti, Italiano al soldo dei Francesi che fu tra i fondatori di Detroit, morto a Mobile in Alabama nel 1704.
-il lago Champlain negli stati del Vermont e di New York prende il nome da Samuel de Champlain che lo scoprì nel 1609.
-la casa automobilistica Cadillac prende il nome dal celebre esploratore Antoine Laumet de La Mothe signore di Cadillac, che fu governatore della Louisiana.

Scena tratta dal film “L’ultimo dei Mohicani”

Storia: Aprile 1916

La Grande Guerra affrontava la sua seconda primavera di combattimenti nel pieno sviluppo dell’intenso massacro di Verdun. Fiumi di sangue scorrevano su tutti i fronti, senza che il pesante tributo pagato portasse ad un reale risultato tattico o territoriale. Tutte le risorse umane venivano lanciate nel tritacarne delle trincee. Al fronte combattevano uomini di tutti i continenti, chiamati a combattere per una patria lontana che il più delle volte era una semplice potenza colonizzatrice. E così la Francia schierava fucilieri del Senegal, truppe dal Nord Africa e soldati della lontana Indocina. La Gran Bretagna aveva impegnato a fondo gli Australiani e i Neozelandesi nel massacro di Gallipoli e non lesinava nell’utilizzo dei Canadesi e della moltitudine di etnie provenienti dall’India. Il vasto Impero zarista schierava nelle sue fila etnie estremamente differenti, ma tutto sommato fedeli a Santa Madre Russia. Al contrario l’esercito di Vienna era composto da troppe etnie che non vedevano l’ora di affrancarsi dal morente impero. Leggermente differente la situazione dell’Impero Ottomano. La Germania e l’Italia potevano permettersi di usare le truppe coloniali solo nei territori delle colonie e non altrove.

Soldati indocinesi in Francia

Come è facile immaginare non tutti gli uomini erano felici di andare a combattere nei pantani europei per aiutare i propri colonizzatori a conquistare duecento metri di fango in più. E se non si trattava del fango europeo poteva benissimo essere il deserto della Mesopotamia. La propaganda britannica continuava a ripetere che la missione principale dei suoi eserciti era quella di liberare le popolazioni che subivano l’occupazione delle truppe del Sultano… chissà cosa ne pensavano i soldati Indiani costretti ad affrontare le mortali battaglie nel deserto per liberare altri popoli senza essere a propria volta liberi. Il 29 Aprile 1916 terminò l’assedio di Kut (di cui abbiamo già parlato diverse volte) e circa 13.000 soldati tra Inglesi ed Indiani furono fatti prigionieri dopo 147 giorni di disperata resistenza. Durante la prigionia ad Aleppo il 60% di loro perse la vita sopratutto a causa della malnutrizione e delle malattie.

Combattere durante la Grande Guerra portò molti uomini delle colonie a sviluppare un forte sentimento indipendentista che nei decenni successivi sarebbe emerso con sempre maggiore forza. Ma non c’era bisogno di andare troppo lontano dai campi di combattimento delle Fiandre per trovare un popolo sottomesso da una potenza straniera, costretto a subirne le angherie e a dover servire nelle “sue” guerre… no, bastava recarsi a Dublino, in Irlanda.

Rivolta di Pasqua 1916

L’Irlanda di inizio ‘900 stava cercando di muovere i passi istituzionali per cercare di emanciparsi dalla corona inglese, la quale non aveva alcuna intenzione di lasciare libera l’isola, nonostante avesse concesso alcune timide forme di autogoverno. In ogni caso l’Irlanda si trovava nelle stesse identiche condizioni dell’Australia, della Nuova Zelanda e del Canada: doveva inviare i suoi uomini a combattere per la causa britannica. Per gli Inglesi questo obbligo divenne un boomerang in grado di generare un fortissimo malcontento nella popolazione irlandese. La Germania colse l’occasione al volo (come avrebbe fatto l’anno successivo finanziando Lenin) per destabilizzare il suo grande nemico e fece in modo di far arrivare sulle coste irlandesi una buona dose di armi ad uso e consumo dei gruppi ribelli già attivi sull’isola. Il 24 Aprile 1916 gli Irish Volunteers di Patrick Henry Pearse insieme alla Irish Citizen Army di James Connolly diedero il via all’insurrezione occupando i punti chiave di Dublino. Venne proclamata la Repubblica Irlandese. Gli Inglesi per tutta risposta attaccarono le postazioni dei ribelli utilizzando anche una nuova arma che non aveva ancora avuto un vero e proprio impiego sui campi europei: il carro armato. In 5 giorni la rivolta venne sedata e i principali insorti catturati. Pearse, Connolly ed altri 14 patrioti vennero passati per le armi. L’esperienza della Rivolta di Pasqua (perchè nel 1916 quella fu la settimana di Pasqua) sarebbe stata propedeutica al successivo sviluppo della causa irlandese e la violenta reazione britannica non fece altro che alienarle le simpatie di molti paesi occidentali che cominciavano a capire la reale portata del disegno britannico: gli Inglesi non si erano mossi in guerra per liberare i popoli domati da potenze straniere malvagie… gli Inglesi erano dominatori come tutti gli altri e forse pure peggio degli altri.