Il Grimorio di Odenwald #63

XXXVII – FRIGIDUS ABBAS (L’Abate freddo) – Benedetto XII (1334 – 1342), nato a Saverdun in Occitania col nome di Jacques Fornièr. Fu monaco cistercense ed abate dell’abbazia di Fontfroide (“fonte fredda”). Divenne prima vescovo di Pamiers, dove si impegnò nella lotta contro i Catari, e successivamente di Mirepoix. Nonostante i titoli e le cariche mantenne sempre il suo abito da monaco cistercense, mantenendo la fama di uomo severo ed austero.

E’ stato il 197° Papa ed il suo pontificato durò sette anni e tre mesi.

Come Papa si distaccò dalle politiche del suo predecessore e raggiunse una pace con l’imperatore Luigi IV. Fu più volte tentato di riportare la sede pontificia a Roma, ma alla fine si decise per Avignone dove si adoperò per far costruire il primo palazzo pontificio. Nel corso del suo regno cercò di limitare il lusso degli ordini monastici, ma senza molto successo, riuscì comunque a mettere un certo ordine nel fisco pontificio.

Durante il suo pontificato ha creato 7 cardinali nel corso di 2 concistori.

Il Grimorio di Odenwald #60

XXXVI – CORVUS SCHISMATICUS (Il corvo scismatico) – Niccolò V (1328 – 1330), nato a Corvara (provincia di Pescara) col nome di Pietro Rainalducci. Fu antipapa durante il pontificato di Giovanni XXII, fu inoltre l’ultimo antipapa insediato da un imperatore del Sacro Romano Impero.

Fu eletto tramite l’influenza dello scomunicato imperatore, Ludovico IV il Bavaro, da un’assemblea di sacerdoti e laici, e consacrato nella Basilica di San Pietro a Roma, il 12 maggio 1328, dal vescovo di Venezia. Dopo aver passato quattro mesi a Roma, si ritirò con Ludovico IV a Viterbo. Il 19 febbraio 1329 Niccolò V presiedette una bizzarra cerimonia nel Duomo di Pisa, nella quale un fantoccio di paglia rappresentante Giovanni XXII e abbigliato con le vesti pontificie, venne formalmente condannato, degradato e consegnato al braccio secolare. Niccolò V venne scomunicato da Giovanni XXII nell’aprile 1329 e cercò rifugio presso il conte Bonifacio della Gherardesca di Donoratico, vicino a Piombino. Avendo ottenuto assicurazione di perdono, presentò una confessione dei suoi peccati, prima all’arcivescovo di Pisa, e quindi ad Avignone, il 25 agosto 1330, a Giovanni XXII, che lo assolse.

Il Grimorio di Odenwald #45

XXVII – ROSA COMPOSITA (La rosa composta) Niccolò III (1277 – 1280), nato a Roma col nome di Giovanni Gaetano Orsini, nel suo stemma papale c’era una rosa rossa e pare fosso noto per la sua compostezza. Fu il primo Papa a risiedere stabilmente in Vaticano.

E’ stato il 188° Papa ed il suo pontificato durò due anni e otto mesi.

Come pontefice riuscì, nel 1278, a far riconoscere dall’imperatore (Rodolfo d’Asburgo) la sovranità della Chiesa sui propri territori. Tra l’altro il suo disegno geopolitico era di costituire in Italia tre soli grandi reami: uno del Sud con capitale Napoli, uno di Lombardia con capitale Milano e uno di Toscana con capitale Firenze. Mise ordine anche nel lungo conflitto che contrapponeva il Senato di Roma al Papato, riuscendo a prevalere sul primo ed imponendo che fosse vietata agli stranieri la possibilità di assumere incarichi civili. Il pontefice, infine, firmò la bolla Exiit qui seminat il 14 agosto 1279, per appianare la contesa interna ai Francescani tra la corrente degli Spirituali e il resto dell’Ordine (la “comunità”).

Durante il suo pontificato ha creato 9 cardinali nel corso di 1 unico concistoro.

Il Grimorio di Odenwald #33

XIX – COMES LAURENTIUS (Il conte Lorenzo) – Innocenzo IV (1243 – 1254), nato a Manarola, nelle Cinque Terre (La Spezia), col nome di Sinibaldo Fieschi dei conti di Lavagna. Fu Cardinale di San Lorenzo in Lucina.

E’ stato il 180° Papa ed il suo pontificato durò 11 anni e mezzo.

Divenuto Papa proseguì aspramente gli scontri con l’Impero, nella figura di Federico II. Nel giugno del 1245 iniziò il Concilio di Lione nel quale l’Imperatore venne scomunicato, aprendo una profonda crisi all’interno delle stesse istituzioni imperiali, nelle quali si formò una fazione pronta a deporre Federico II per eleggere un proprio sovrano: Enrico Raspe, langravio di Turingia, prima e Guglielmo II d’Olanda poi. Ne scaturì una violenta campagna militare che si abbatté sul nord dell’Italia. Il figlio dell’Imperatore, Enzo, venne catturato dalle truppe bolognesi e tenuto prigioniero sino alla morte nel palazzo che ancora oggi porta il suo nome, mentre il padre morì di febbre intestinale nel 1250 nell’odierna provincia di Foggia. La lotta ovviamente non si arrestò dal momento che tutti gli eredi di Federico II erano pronti a far valere i propri diritti sulla penisola italiana, a partire da Corrado IV e Manfredi, figli del defunto imperatore. Il Papa morì nella città di Napoli, qualche giorno dopo aver appreso di una cocente sconfitta del suo esercito contro quello di Manfredi. 

Durante il suo papato si impegno molto per contenere l’espansionismo dei Mongoli dall’Asia, inviando diversi religiosi e diplomatici sin dal 1245 nelle lontane terre dei Gran Khan. Le vie diplomatiche non sortirono gli effetti sperati a partire dal fatto che il Gran Khan Güyük rifiutò di convertirsi al Cristianesimo. Fu inoltre il promotore dell’infruttuosa Settima Crociata (1248 – 1254). Infine con la bolla Ad extirpanda del 1252 approvò che l’Inquisizione si servisse della tortura.

Durante il suo pontificato ha creato 15 cardinali nel corso di 2 distinti concistori.

Il Grimorio di Odenwald #29

XVII – AVIS OSTIENSIS (L’uccello di Ostia) – Gregorio IX (1227 – 1241), nato ad Anagni (Frosinone) come Ugolino dei Conti di Segni, era imparentato con Innocenzo III. Studiò sia a Bologna che a Parigi. Fu cardinale vescovo di Ostia e di Velletri. Aveva un’aquila nera nel suo stemma.

E’ stato il 178° Papa ed il suo pontificato durò 14 anni.

Sotto il suo pontificato proseguirono gli scontri con l’Impero, nella figura di Federico II, per il controllo del nord e del sud dell’Italia. In questa complessa situazione politica si svolse la Sesta Crociata che vide come protagonista lo stesso imperatore e che si risolse completamente per via diplomatica, caso unico nella storia delle Crociate. E’ molto importante ricordare che Gregorio IX fu il Pontefice che canonizzò Francesco di Assisi il 16 luglio 1228, Antonio di Padova il 30 maggio 1232 e Domenico di Guzmán il 3 luglio 1234.

Durante il suo pontificato ha creato 16 cardinali nel corso di 5 distinti concistori.

Il Grimorio di Odenwald #20

XII – ENSIS LAURENTII (La Spada di Lorenzo) – Gregorio VIII (1187 – 1187), nato a Benevento col nome di Alberto di Morra fu il Cardinale di San Lorenzo in lucina e aveva due spade curve (enses falcati) nel suo stemma. 

E’ stato il 173° Papa ed il suo pontificato durò neanche due mesi.

Aveva 87 anni quando venne eletto Papa e cercò di attuare una politica di pacificazione verso l’Impero, ma la vecchiaia ebbe la meglio su di lui e sulle sue politiche.