Sehnsucht: Laguna di Guatavita

A volte la storia dell’umanità ha visto intere epopee prendere vita attorno all’errata comprensione di alcuni semplici fatti… uno dei casi più eclatanti è sicuramente la storia di El Dorado. Un’antica civiltà precolombiana nota come Muisca viveva nell’odierna Colombia ed uno dei loro più importanti insediamenti era nei pressi della Laguna di Guativita, un lago di montagna, di possibile origine meteoritica, posto a circa 60 Km da Bogotà. Il lago era uno dei vari laghi sacri dei Muisca, tanto che ancora oggi è una riserva naturale ad accesso estremamente limitato. Pare che in questo lago si tenesse un rituale legato al culto del Sole molto particolare: il sovrano locale (Zipa) si si cospargeva la pelle di resina e polvere d’oro e si inoltrava fino al centro del lago con una zattera da dove si tuffava, effettuando delle abluzioni togliendosi la polvere d’oro di dosso. In seguito i fedeli gettavano nel lago altre offerte rituali, come ciondoli e monili preziosi. L’oro che i Muisca utilizzavano per il rituale non era di loro produzione bensì era il ricavato degli scambi che facevano con altre popolazioni dell’attuale Ecuador… alla base degli scambi c’erano gli smeraldi, di cui i Muisca possedevano l’unico giacimento di tutte le Americhe. 

I Conquistadores giunti nel Nuovo Mondo cominciarono ad apprendere molte dicerie e leggende dai nativi che abitavano sulle coste del Sud America. Tra queste quella appunto di El indio Dorado, abbreviato poi in El Dorado, che altri non era se non lo Zipa dei Muisca nel suo rituale per il culto del Sole. Nella conquista dell’entroterra i Conquistadores arrivarono prima in Ecuador e quando trovarono abbondanza di smeraldi presso la popolazione chiamarono quella zona Esmeraldas (ma gli smeraldi abbiamo visto che venivano dalla Colombia)… trovando poi la civiltà Muisca e sterminandola si accaparrarono grandi ricchezze, ma non vennero a capo del mistero della provenienza dell’oro di El indio Dorado… che era con tutta probabilità proprio Esmeraldas! Questa incomprensione fece si che nei secoli successivi diverse spedizioni si lanciassero nell’entroterra amazzonico ed andino alla ricerca del punto di provenienza dell’oro dei Muisca.

Quindi El Dorado doveva essere Esmeraldas e viceversa…

Nel corso dei secoli ci furono diversi tentativi di recupero delle ricchezze presenti in fondo al lago ed in effetti furono rinvenuti diversi oggetti d’oro e d’argento. Partiamo da un dato oggettivo: nel punto maggiore il lago è profondo 125 metri.

Il primo tentativo si fece nel 1545, con un fallito tentativo di prosciugamento del lago ad opera di Hernán Perez de Quesada e Lázaro Fonte… in quel casi la tecnica usata era quella tecnica della catena umana dotata di recipienti, passati di mano in mano asportando piccole quantità d’acqua, costantemente e per un lungo periodo di tempo (3 mesi per abbassare il livello di 3 metri… una vera follia). Nel 1580 Antonio de Sepúlveda tentò di svuotare il lago mediante una serie di canali, ma dei tremendi incidenti bloccarono i lavori poco dopo l’abbassamento di 20 metri del livello, in ogni caso si recuperarono oggetti di valore triplo rispetto a quelli del precedente tentativo. Nel 1898 fu la volta di una società britannica che provò a raggiungere il centro del lago scavando un tunnel di scolo sotterraneo, un’opera di alta ingegneria che permise di prosciugare quasi completamente il lago, il fango rimasto sul fondo però si solidificò presto rendendo praticamente impossibile il recupero dei reperti. I pochi preziosi vennero poi messi all’asta dalla Sotheby’s a Londra.

La laguna di Guatavita è sicuramente un luogo da visitare e sul quale mettersi a meditare circa l’immensa stupidità del genere umano…

Sehnsucht: Repubblica Lakota

“Gli Stati Uniti d’America hanno continuamente calpestato i popoli indigeni indipendenti di questo continente attraverso l’Azione esecutiva, il Mandato legislativo e la Decisione giudiziaria. Con le proprie azioni gli Stati Uniti hanno negato a tutti i Nativi i loro Diritti del trattato internazionale, le Terre del trattato ed i diritti umani fondamentali di libertà e sovranità. Lo stesso governo degli Stati Uniti, che ha combattuto per liberarsi dal giogo dell’oppressione e ottenere la propria indipendenza, adesso ha invertito il proprio ruolo ed è diventato l’oppressore del popolo Nativo sovrano.” (Declaration of Continuing Indepedence, 1974 Oglala)

La questione è al contempo semplice e complessa, come spesso accade nella storia dell’umanità. I Nativi americani abitavano il loro continente prima della venuta degli Europei, erano divisi in centinaia di etnie diverse, con culture, lingue ed usanze diverse. La questione del popolamento delle Americhe è estremamente dibattuta e lontana dall’essere chiarita in modo esaustivo, ma possiamo affermare che ,all’arrivo degli Europei, le popolazioni locali discendessero da abitanti presenti in loco da più di 12.000 anni. La storia la conosciamo tutti… tra malattie, guerre, veri e propri genocidi, schiavitù, sterilizzazioni forzate, ecc… la popolazione nativa venne decimata. Le cifre reali non si avranno mai con esattezza, ma i dati degli storici vanno da un minimo di 55 milioni ad un massimo di 110 milioni di morti. Trattati, ça va sans dire, come morti di serie C.

Parlando degli attuali Stati Uniti la situazione dei Nativi fu più articolata che in altre zone del continente, questo poiché i suoi territori furono presi inizialmente da diversi paesi colonizzatori: Francia, Spagna, Inghilterra, Olanda e Svezia, ecc… . Ogni paese aveva delle politiche ben precise nei confronti dei nativi e sappiamo che le più crudeli in assoluto erano quelle dell’Impero Spagnolo. La Francia nel Nord America non aveva colonie di popolamento e si muoveva principalmente stringendo accordi commerciali coi Nativi ed occupando alcune postazioni fortificate: Montreal e Quebec, Detroit e Pittsburgh (allora Fort Duquesne), St. Louis e New Orleans, Jacksonville (allora Fort Caroline) e Mobile, Baton-Rouge e Memphis (allora Fort de l’Assimption), Kansas City (allora Fort Cavagnial) e Chicago. Discorso diverso per gli Inglesi… le loro colonie era di popolamento ed il continuo flusso in arrivo portò più volte allo scontro coi Nativi; alla fine il governo di Londra siglò una serie di trattati a salvaguardia dei territori dei Nativi, ma questo portò ad un forte malcontento da parte dei coloni… e fu poi una delle varie cause che portarono alla Guerra d’Indipendenza (nei decenni a seguire la fuga dei Nativi verso il Canada Britannico non fu casuale). La politica di forte espansione della nuova nazione portò ad una serie continua di conflitti i quali culminarono con la sconfitta progressiva dei Nativi ed alla creazione delle Riserve Indiane: attualmente sono 326, mentre le tribù riconosciute ufficialmente sono 567, e coprono il 2% del territorio statunitense ospitando 1 milione di Nativi rispetto al numero totale di 2,5 milioni.

La struttura delle Riserve Indiane, dalla creazione del Bureau of Indian Affairs ad oggi, non è stata sempre lineare e spesso si sono create dispute territoriali, il più delle volte generate dalla scoperta in un dato territorio di una risorsa “utile”, come oro e petrolio. Più volte si è dovuti ricorrere alla modifica (solo formalmente bilaterale) dei trattati ed allo spostamento coatto di migliaia di persone. Proteste, guerre, rivolte… non sono mai servite a nulla per arginare l’azione del governo degli Stati Uniti verso i Nativi. Per questo anche in tempi recenti si sono tentate delle azioni che avessero una cassa di risonanza mediatica tale da poter attirare l’attenzione del mondo sui problemi dei Nativi… ma si sa che viviamo in un mondo in cui anche per le vittime conta la capacità economica. In quest’ottica il 17 Dicembre del 2007 una delegazione di Nativi si recò a Washington DC per presentare presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti una dichiarazione di Recesso unilaterale dai trattati stipulati in precedenza tra il Governo degli Stati Uniti e dai Lakota (appartenenti ai Sioux) nel 1851 e 1868. Da notare come nel Settembre dello stesso anno fosse stata approvata la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni, alla quale gli Stati Uniti votarono contro.

Nacque così il 19 Dicembre 2007 l’autoproclamatasi Repubblica Lakota, comprendente territori del Dakota del Nord, Dakota del Sud, Nebraska, Wyoming, Iowa e Montana… un territorio grande come 2/3 delle attuali riserve ed abitato da 12 milioni di persone delle quali 100.000 Lakota. L’azione non ottenne però l’ampio sostegno sperato, trovando anche una tiepida accoglienza da parte di molti Nativi, questo fece si che l’azione non riuscisse a prendere corpo in modo davvero efficace. Il gruppo di attivisti Lakota ha fatto sin da subito ricorso alla pratica della non violenza, cercando al contempo il sostegno di paesi stranieri che potessero aiutarli a sostenere la loro battaglia (Russia, Cile, Bolivia, Irlanda, Sudafrica, Russia, Francia, Uruguay, Nicaragua, India, Serbia, Turchia, Islanda e Finlandia)… ma anche in questo caso hanno ottenuto risposte tiepide e facilmente comprensibili data la “spinosità” della questione.

Panorama delle Black Hills

Storia: Congo Belga

Leopoldo II

C’era una volta un paese che non era interessato ad avere una colonia in Africa a differenza di quasi tutti gli stati europei all’epoca, questo piccolo paese era governato da un sovrano che invece credeva molto nel colonialismo e nelle possibilità economiche da esso derivanti; queste non potevano che essere le premesse di una tragedia umanitaria che raramente si trova sui libri di scuola. Il Belgio della seconda metà del ‘800 era uno stato giovane che si era reso indipendente dall’Olanda nel 1830 ed era governato dalla casa reale Sassonia-Goburgo-Gotha; mentre i paesi limitrofi cominciavano la corsa alle risorse Africane il Belgio restava sonnecchiante a godersi i suoi giovani anni, né la popolazione né i suoi uomini politici voleva occuparsi di faccende e terre così lontane. Il re era Leopoldo II, un uomo da molti definito “cattivo” (opinione che di lui aveva per esempio il Kaiser Guglielmo II), con l’ossessione per il potere coloniale e per la ricchezza.

Nel 1876 decise di creare una compagnia privata con l’obiettivo di creare una colonia nella florida regione del Congo, dopo varie peripezie nel 1885 nacque lo Stato Libero del Congo sotto il controllo totale di Leopoldo II in qualità di privato cittadino, quello era il suo dominio privato grande 76 volte il paese che governava in Europa. Sfruttamento selvaggio delle risorse, schiavitù e tortura sistematica della popolazione indigena, mutilazioni ed esecuzioni di massa… questo un piccolo assaggio di quello che accadde nel Congo di Leopoldo II… stiamo parlando di un numero di vittime che varia tra i 3 ed i 10 milioni a seconda degli storici.

Le proteste per il genocidio in atto convinsero il parlamento belga ad intervenire attivamente nella questione e nel 1908 il re fu costretto a cedere la sua colonia personale allo stato del Belgio, nacque così il Congo Belga che rimase tale sino al 1960 quando nacque la Repubblica Indipendente del Congo.

Sehnsucht: Hispaniola

Hispaniola è una delle Grandi Antille nel Mar dei Caraibi, famosa ai giorni nostri per essere divisa in due tra le nazioni di Haiti e di Santo Domingo. In questa isola  Cristoforo Colombo fondò il primo insediamento europeo sul nuovo continente  chiamato La Navidad in quanto fondata il giorno di Natale del 1492, questo primo nucleo abitativo venne però distrutto dagli abitanti dell’ isola una popolazione nota col nome di Taino.

Si stima che i Taino all’arrivo degli Europei fossero quasi 250.000, mentre già nel 1508 erano scesi a 60.000 unità sino a diventare poco più che 600 nel 1531 a causa dello sfruttamento e delle malattie arrivate dall’Europa. La scomparsa di questa popolazione come forza lavoro diede il via alla tratta degli schiavi dall’Africa sino all’isola, abitata tutt’ora per lo più dai discendenti degli schiavi.

Hisponiola fu in parte colonizzata dagli Spagnoli (la parte est) e in buona parte dai Francesi (la parte ovest, l’odierna Haiti  che i colonizzatori chiamavano Saint Domingue), questo perchè gli iberici preferirono impegnarsi maggiormente nella conquista del continente vero e proprio piuttosto che nelle isole dei Caraibi, nonostante a due passi ci fosse la maggiore della Grandi Antille, ossia Cuba. Sotto il controllo francese l’isola ebbe un grande sviluppo economico, dovuto verosimilmente allo sfruttamento indiscriminato degli schiavi, più che a meriti economici veri e propri. Nei primi anni del ‘800 quando le due odierne nazioni si resero indipendenti furono gli Haitiani ad avere il maggior controllo sull’isola, conquistando e governando anche i vicini per oltre vent’anni. Ad oggi Haiti risulta essere suo malgrado uno dei paesi meno sviluppati al mondo e il terremoto del 2010 non ha certo migliorato la situazione, mentre Santo Domingo resta una delle mete turistiche più gettonate.

Statua di Colombo a Santo Domingo

Storia: genocidio armeno

Chahnourh Varinag Aznavourian (1924 – 2018)

A pochi giorni dal decesso di Charles Aznavour (al secolo Chahnourh Varinag Aznavourian), figlio dell’Armenia in terra di Francia, ripercorriamo la triste pagina di storia che portò la sua famiglia ad abbandonare la propria terra.

L’Impero Ottomano di fine ‘800 era un gigante sempre più indebolito dalle divisioni interne e minato da vicini sempre più forti ed interessati ai suoi territori. Se fino al secolo precedente era il sultano a minacciare l’impero di Vienna e a controllare gli interi Balcani ora si facevano avanti nuove potenze, come la Russia, disposte a sostenere delle lunghe guerre pur di strappare le regioni migliori. Vastità di territori significava vastità di popolazioni, di lingue e di religioni. Alcuni stavano sotto la spada ottomana in maniera pacifica e rassegnata, altri invece sognavano l’indipendenza e si muovevano di nascosto in questo senso. All’inizio del ‘900 presero il potere i “Giovani Turchi”, un movimento politico fondato a Salonicco il secolo precedente con l’intento di modernizzare l’Impero Ottomano al fine di preservarlo; il loro stile di governo si rivelò subito autoritario ed accentratore, tanto da aumentare i dissensi all’interno delle popolazioni soggiogate dai Turchi.

Territorio dell’antica Armenia

Tra questi popoli c’era quello Armeno. Gli Armeni occupavano un vasto territorio diviso tra più nazioni (esattamente come oggi), ma a quel tempo i due principali attori sulla terra armena erano i Turchi ed i Russi. I Giovani Turchi temevano che gli Armeni potessero allearsi coi Russi al fine di ottenere l’indipendenza e danneggiare così gli interessi ottomani nell’area del Caucaso. Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale accentuò i dubbi del governo e ben presto ci si rese conto che a fronte di alcuni battaglioni ottomani composti da fedelissimi armeni c’erano altri battaglioni armeni nell’esercito russo che avanzava da est. La situazione precipitò nell’Aprile del 1915 quando le autorità ottomane iniziarono ad arrestare gli intellettuali armeni a Costantinopoli. Nelle settimane successive tocco alla normale popolazione. Vennero organizzate marce della morte verso l’entroterra dell’Anatolia, con la supervisione degli addetti militari tedeschi (alleati dei Turchi ancora oggi) e con l’aiuto sin troppo zelante delle truppe curde. In pochi mesi vennero uccisi circa 1.300.000 armeni (ma la cifra potrebbe essere più alta).

Ad oggi i paesi che riconoscono ufficialmente il genocidio armeno sono una ventina, tra i quali ovviamente mancano i grandi potentati di Turchia, Stati Uniti, Cina, Gran Bretagna, Israele e Germania.

Mentre dall’altro lato troviamo tra i venti Italia, Francia, Grecia, Argentina ed ovviamente Armenia.