Storia: Settembre 1917

Aleksandr Kerensky

A tener banco nel difficile mese di Settembre 1917 era la situazione della Russia. Tutti i governi coinvolti nel conflitto guardavano ad est con una certa, motivata, ansia. Per gli Imperi Centrali un progressivo disimpegno della Russia avrebbe significato una più ampia libertà di manovra sugli altri fronti… questa stessa considerazione era causa di malumori e preoccupazione in casa degli Alleati. L’opinione pubblica russa era ormai schierata compattamente contro il prosieguo di uno scontro che si era rivelato fin lì un inutile bagno di sangue. La classe politico-militare era invece divisa. Diversi uomini di potere temevano che il paese piombasse nel caos non appena fossero cessate le ostilità contro gli Imperi Centrali e milioni di soldati fossero rientrati verso il cuore pulsante della Russia. A dar voce a questi timori ci pensò in maniera decisamente poco delicata il comandante in capo dell’esercito, generale Lavr Georgievič Kornilov. Egli chiese al governo di introdurre una serie di norme volte ad irrigidire il trattamento dei soldati al fronte con la speranza di eliminare una volta per tutte il sistema delle assemblee “sindacali” dei soldati e ridare il potere agli ufficiali. Il dibattito che ne scaturì passo in breve tempo dal verbale al fisico. L‘opposizione delle forze di sinistra e lo scarso potere effettivo di Kerenskij portarono in breve Kornilov a tentare di prendere il potere con la forza. Inevitabilmente la reazione popolare fu violentissima e netta, e il tentato golpe durò appena dal 8 al 14 Settembre 1917, dopo di che Kornilov fu costretto a fuggire. In tutto questo desolante panorama di un paese sull’orlo della guerra civile gli Imperi Centrali non restavano fermi a guardare. Continuavano grandi offensive volte a strappare quanta più terra possibile alle ex regioni dello Zar. Il 3 Settembre 1917 ad esempio i Russi furono costretti ad abbandonare Riga, città chiave della regione baltica e il 29 Settembre 1917 la marina tedesca condusse importanti incursioni nel baltico ai danni di una marina russa ormai allo sfacelo.

Nel frattempo in Iraq proseguiva l’avanzata Inglese in Mesopotamia. Il 28-29 Settembre 1917 si svolse la Battaglia di Ramadi sostenuta quasi per intero da truppe indiane, l’Impero Ottomano era l’altro grande malato della Grande Guerra, un impero che settimana dopo settimana perdeva inesorabilmente dei pezzi del suo glorioso passato, aprendo la strada alle bieche mire coloniali degli Inglesi e dei Francesi, spianando la strada a problemi che ancora oggi il mondo deve affrontare.

Storia: Erich “Bubi” Hartmann

Credo che si possa considerare la Guerra d Corea (1950-53) come l’ultima guerra in cui l’aviazione abbia visto l’essere umano e non la macchina come protagonista assoluto, da quel momento in poi i passi avanti della tecnologia hanno fatto si che l’asse portante dell’aviazione si spostasse verso il mezzo, sia che si trattasse d aviazione civile che militare. Nei due conflitti più grandi e terribili della storia dell’umanità possiamo trovare i veri pionieri sia del volo che del combattimento in volo: uomini temerari che volavano su mezzi spesso precari, sperimentali, pericolosi e difficili da guidare. Non c’erano tutti gli strumenti della tecnologia moderna, i materiali erano più delicati, le velocità ridotte, gli armamenti rudimentali e le possibilità di fuga spesso nulle. Eppure tanti uomini hanno affrontato quella gara estrema con fierezza ed incoscienza, riuscendo in molti casi ad eccellere. E’ il caso di Erich Hartmann, il maggior asso dell’aviazione della storia.

Siamo durante la Seconda Guerra Mondiale, Erich è un adolescente con la passione degli aerei, una passione che ha ereditato dalla madre che è pilota. Finite le scuole superiori si arruola nella Luftwaffe. E’ la primavera del 1940. Viene addestrato e preparato ai combattimenti, viene infine assegnato alla sua prima unità operativa nell’Ottobre del 1942. I Tedeschi dedicavano molta attenzione all’addestramento dei piloti da guerra, a differenza delle altre nazione che avevano addestramenti più dozzinali e rapidi, spesso con risultati discutibili. All’inizio Erich non ottiene grandi vittorie, si mette in mostra per intraprendenza e per temerarietà, ma queste due doti gli procurano solo incidenti, ferite ed un totale di 7 vittorie su 100 missioni! Erich combatte sul fronte orientale contro l’aviazione russa: non sono piloti e mezzi temibili come quelli britannici, ma sanno il fatto loro e numericamente sono temibili. I suoi compagni di squadriglia lo chiamano “bubi” (ragazzino) per il suo sguardo giovanile.

Erich-Hartmann-with-dog
Erich al fronte

Nonostante la carenza di successi il ragazzo non si scoraggia e cerca di apprendere quanto di meglio dai grandi piloti che volano con lui, si applica e si intestardisce, crede in se stesso e nelle potenzialità del suo aereo: il Messerschmitt Bf 109, l’aereo con cui volerà per tutta la guerra. La svolta arriva nel Luglio del 1943, 15 vittorie in 4 giorni e a fine mese il raggiungimento di quota 46 vittorie, viene promosso di grado e comincia a comandare altri piloti. A fine Agosto “bubi” era arrivato a 90 vittorie, durante una missione fu costretto ad atterrare in suolo sovietico, venne fatto prigioniero, ma con un abile stratagemma riuscì a fuggire. Le vittorie di Erich aumentavano di mese in mese, ma la situazione bellica della Germania andava peggiorando: dalla Russia fu spostato in Romania.

“Bubi” volò sino agli ultimissimi giorni di guerra, conseguendo la sua ultima vittoria l’8 Maggio 1945… quando atterrò alla base di ritorno dalla missione apprese che la guerra era appena finito: la Germania aveva perso. Lui però era diventato l’asso assoluto dell’aviazione con le sue 352 vittorie. Fu inoltre uno degli unici 27 uomini (dieci dei quali erano assi dell’aviazione) ad essere insigniti della massima onorificenza di guerra tedesca: la Croce di Cavaliere con Fronde di Quercia in Oro, Spade e Diamanti. Alla fine della guerra venne accusato dai Russi di aver sabotato lo sforzo bellico sovietico e venne condannato a venticinque anni di carcere: una vera assurdità, Hartmann non era un criminale di guerra, non si era macchiato di nessuna azione nefanda, aveva semplicemente combattuto al meglio delle sue possibilità.  Per fortuna venne liberato nel 1955 e rimandato nella Germania Ovest di Konrad Adenauer.

erich-hartmann-beim-jagdgeschwader-71-richthofen
Hartmann nella Germania Ovest

“Bubi” entrò nella nuova Luftwaffe diventando comandante della prima squadra della Germania Federale equipaggiata con aerei a reazione. Negli ultimi anni di servizio si recò spesso negli Stati Uniti per essere addestrato sui più moderni mezzi di volo. I tempi stavano cambiando e gli aerei erano sempre più tecnologici. Erich entrò in contrasto con i suoi superiori per via dell’impiego dei nuovi Lockheed F-104 Starfighter, da lui giustamente ritenuti troppo pericolosi ed instabili. La sua situazione all’interno delle forze armate divenne insostenibile e nell’autunno del 1970 si ritirò a vita privata. Morì nel 1993, asso tra gli assi di tutte le guerre.