Storia: Novembre 1917

103 anni fa, tra gli ultimi mesi del 1917 e i primi mesi del 1918, la situazione militare della Prima Guerra Mondiale andava delineandosi in maniera inequivocabile. La situazione degli Imperi Centrali diventava sempre più critica: l’Impero Ottomano pareva destinato ad un inevitabile collasso, l’Austria-Ungheria era ormai completamente dipendente dall’aiuto militare tedesco, la Bulgaria reggeva bene nella misura in cui era impegnata in uno scacchiere tutto sommato facile da gestire, infine la Germania cominciava a sentire la pesantezza economica dei tanti anni di sforzo bellico continuativo. Dall’altra parte del fronte la Francia e l’Inghilterra, anch’esse stremate, godevano di un maggiore respiro grazie al consistente aiuto bellico e militare degli Stati Uniti, la Russia stava collassando su stessa a causa delle spinte rivoluzionarie, l’Italia cercava di raccogliere i cocci dopo la batosta di Caporetto.

Sul fronte della Palestina si registrarono importanti eventi le cui conseguenze riempiono ancora oggi le pagine della storia e spesso della cronaca. In concomitanza con la vittoria britannica nella Terza Battaglia di Gaza, con la quale venne spezzato il fronte ottomano, il 2 Novembre 1917 il ministro degli esteri inglese Arthur Balfour si dichiarò favorevole alla creazione di un sostanzioso avamposto sionista in Palestina. Questo evento e gli atti successivi alla conclusione della guerra crearono i primi presupposti per quella che oggi conosciamo come la “questione palestinese”. Gli Inglesi, con il beneplacito della Francia, si apprestavano a tradire le promesse fatte agli Arabi per convincerli a ribellarsi contro gli Ottomani. Il 17 Novembre 1917 gli Inglesi erano già alle porte di Gerusalemme…

Dichiarazione di Balfour:

Egregio Lord Rothschild,
È mio piacere fornirle, in nome del governo di Sua Maestà, la seguente dichiarazione di simpatia per le aspirazioni dell’ebraismo sionista che è stata presentata, e approvata, dal governo.
“Il governo di Sua Maestà vede con favore la costituzione in Palestina di un focolare nazionale per il popolo ebraico, e si adopererà per facilitare il raggiungimento di questo scopo, essendo chiaro che nulla deve essere fatto che pregiudichi i diritti civili e religiosi delle comunità non ebraiche della Palestina, né i diritti e lo status politico degli ebrei nelle altre nazioni”.
Le sarò grato se vorrà portare questa dichiarazione a conoscenza della federazione sionista.

Sul fronte italiano il 8 Novembre 1917 il generale Luigi Cadorna veniva destituito dal comando dell’esercito in favore di Armando Diaz. Il 13 Novembre 1917 iniziò la Prima Battaglia del Piave, durata tredici giorni, con l’obiettivo di bloccare la dilagante avanzata delle truppe austro-tedesche. La battaglia fu un successo italiano, anche se pagato molto caro in termini di vite umane, le truppe degli Imperi Centrali rimasero appunto bloccate sulle rive del Piave senza riuscire più a proseguire l’avanzata.

Sul fronte occidentale il 10 Novembre 1917 giunse al termine la Battaglia di Passchendaele iniziata a fine Luglio senza che gli Inglesi riuscissero a spezzare la linea tedesca, di fatto si trattò dell’ennesimo bagno di sangue sostanzialmente inutile. Pochi giorni dopo il 25 Novembre 1917 cominciò la Battaglia di Cambrai dove una iniziale avanzata degli Alleati venne poi totalmente respinta dai Tedeschi. La situazione della Germania però era molto critica a causa del ristagno economico dovuto al blocco navale britannico, nel Mare del Nord si consumò (17 Novembre 1917) l’ennesimo scontro tra le flotte dei due paesi nella Battaglia di Helgoland, scontro alla fine risultato inconcludente per entrambi. Anche nelle colonie la Germania era ormai totalmente stremata e gli ultimi raparti ormai decimati dell’Africa Orientale Tedesca il 25 Novembre 1917 sconfinarono nel Mozambico portoghese nel tentativo si sfuggire ai britannici nel settore del Tanganika.

Gli occhi del mondo però continuavano ad essere rivolti verso gli eventi che stavano devastando la Russia. Tra il 7 e 8 Novembre 1917 scoppiò la Rivoluzione d’Ottobre (così chiamata per le differenze di date secondo il calendario giuliano): i bolscevichi si impadronirono del potere con la forza dando vita alla Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa e portando Lenin a capo del governo. La reazione della parte avversa non si fece attendere e le prime rivolte anti-bolsceviche nella capitale portarono allo scoppio della guerra civile. Il 22 Novembre 1917, approfittando della situazione, l’Ucraina dichiarò l’indipendenza dalla Russia.

Storia: Ottobre 1917

13.000 morti, 30.000 feriti, 265.000 prigionieri, 350.000 sbandati in ritirata, 4.882 cannoni, 3.000 mitragliatrici, 300.000 fucili, 73.000 cavalli, 1.600 autocarri, 150 aeroplani e oltre 1.500.000 proiettili di artiglieria. Da qualsiasi lato si osservi la Battaglia di Caporetto appare lampante il peso e la portata della disfatta accorsa 100 anni fa sul fronte italiano. Eppure tutte le grandi disfatte militari della storia non avvengono mai per caso:

1- il progressivo collasso (con l’esplosiva situazione interna) dell’Impero Russo aveva favorito uno spostamento di uomini e mezzi dal fronte orientale a tutti gli altri fronti.

2- l’Austria era un gigante in difficoltà su tutti i fronti e per questo Berlino intervenne più concretamente a fianco degli alleati anche sul fronte italiano (sul fronte balcanico già decidevano tutto i Tedeschi).

3- mantenendo un comportamento difensivo sul fronte occidentale c’era la possibilità di attaccare con una spedizione punitiva l’ex alleato italiano e punirlo per il suo tradimento.

Ecco la prima vera chiave di lettura di Caporetto: i Tedeschi prendono i mano le redini del gioco laddove gli Austriaci non sono più in grado di gestire il loro traballante impero (lo stesso accadeva nei territori ottomani, grazie ai consiglieri militari tedeschi). Inoltre l’esercito tedesco andava implementando una nuova unità di combattimento estremamente versatile denominata “squadra d’assalto”: 11 uomini ben armati con compiti di rottura e controffensiva, già molto efficaci sul fronte occidentale. In Italia nel Luglio 1917 vennero formati gli Arditi, con compiti simili, ma non vennero praticamente impiegati a Caporetto.

4- la catena di comando tedesca era estremamente più veloce e fluida rispetto a quella italiana, di fatto responsabilizzando le parti più basse del comando e garantendo l’immediatezza di una risposta proporzionata all’imprevisto da affrontare. Il sistema italiano risultava invece ancora lento, burocratico e sbilanciato verso l’alto della catena di comando.

Ad assumersi l’onore dell’attacco fu la 14 Armata di Vienna, ben rimpolpata dalle divisioni di Berlino, per un totale di oltre 350.000 uomini. Già nelle settimane precedenti l’offensiva era evidente ai comandi italiani che qualcosa andava preparandosi sul fronte opposto, ma i nostri servizi di Intelligence non riuscirono a determinare con certezza la zona dell’attacco, ipotizzando come più probabile proprio la zona in cui effettivamente avvenne. Appena due giorni prima (21 Ottobre 1917) dell’attacco due disertori dell’esercito imperiale informarono gli ufficiali italiani dell’imminente offensiva, ma non vennero ritenuti attendibili. Il 23 Ottobre 1917 alle ore 13 venne intercettata una comunicazione tedesca inerente l’ora fissata per l’attacco: le 2 del giorno dopo. Il comandante dell’esercito italiano, Cadorna, si riunì coi maggiori ufficiali per ragionare sulla situazione in progresso, c’era una certa fiducia sulla capacità del fronte di reggere ad un attacco nemico… e forse un esercito con sistema di comunicazione più rapido avrebbe di certo retto e risposto diversamente.

L’attacco cominciò alle 2. Per quattro ore l’artiglieria colpì le posizioni italiane anche mediante l’utilizzo di gas, in realtà solo quest’ultimo ebbe degli effetti realmente devastanti su alcune unità, mentre il tiro convenzionale risultò scarsamente efficace. Dopo mezz’ora di quiete l’attacco dell’artiglieria riprese per un altra ora e mezza, mentre gli italiani cominciavano a rispondere al fuoco. Nel frattempo la fanteria austro-tedesca cominciava ad avvicinarsi alle postazione italiane, complice una fitta coltre di nebbia, cominciando il vero e proprio assalto alle 8. Nella furia degli scontri avvenne il primo grande pasticcio italiano dovuto alla scarsa comunicazione tra i vari comandi divisionali (situazione simile al disastro di Grecia del 1940-41) la 50 Divisone abbandonò la sua postazione difensiva per evitare di rimanere accerchiata, però il suo comandante non comunicò tempestivamente la sua decisione all’alto comando… in questo modo le truppe italiane del Monte Nero rimasero accerchiate e con l’unica via di fuga ormai in mano al nemico. Il vero e proprio sfondamento avvenne appunto a Caporetto ad opera della 12 Divisione slesiana (tedesca) che in poche ore sbaragliò i reparti italiani e conquistò la località già alle 15.30 per poi proseguire in avanti. La situazione comunque sembrava ancora ben gestibile.

Il 25 Ottobre 1917 ci fu un timido e mal coordinato contrattacco delle truppe italiane. La 50 Divisione di cui abbiamo parlato prima, al comando del generale Arrighi, andò incontro alla quasi totale distruzione nel tentativo di recuperare le posizioni che aveva abbandonate. La Brigata Arno, stanziata nelle vicinanze sul monte Colovrat, venne annientata dalle truppe tedesche guidate da un giovane tenente di nome Erwin Rommel. Sorte simile accadde alla Brigata Salerno che non si ritirò per una incomprensione circa gli ordini che giungevano dall’alto comando. Nei giorni successivi il comando tedesco continuò ad ordinare l’avanzata delle sue truppe, pur affrontando una discreta difesa delle truppe italiane. L’idea iniziale era quella di ripiegare dietro al Tagliamento e da lì bloccare l’avanzata nemica. Al conseguente ordine di ritirata impartito il 27 Ottobre 1917 seguì la più totale disorganizzazione dei comandanti italiani che causò lo sbandamento di una buona parte dell’esercito… la mancanza di organizzazione trasformò una sconfitta come tante in una disfatta. Interi reparti vennero catturati dal nemico con tutto il materiale che trasportavano, ci furono numerosi episodi di diserzione con conseguenti fucilazioni. Il caos regnava ovunque tranne che nella zona sud del fronte dove la ritirata procedeva in buon ordine e ben coordinata.

Il 5 Novembre 1917, innescatasi la crisi politica italiana conseguente alla disfatta e sentite le preoccupazioni dei Francesi e degli Inglesi, Cadorna decise che il ripiegamento andava fatto direttamente sulla linea del Piave; dando così più fiato alle truppe italiane, ma al contempo sancendone la disfatta. Il pessimo comportamento dei generali dell’esercito italiano in particolare Cavaciocchi, Badoglio (quel Badoglio) e Bongiovanni non venne sanzionato… mentre Cadorna di lì a poco perse il posto in favore di Diaz.

Movimenti della Battaglia di Caporetto

Sugli altri fronti accadde poco in realtà in quei giorni. Dal 16 ottobre al 3 Novembre 1917 si combatté la Battaglia dello stretto di Muhu, nel mar Baltico, tra la flotta tedesca e quella russa, che cercava disperatamente di arginare la strapotenza tedesca in vista di un cessate il fuoco che sembrava ormai nell’aria.

Il 23 ottobre 1917 le truppe francesi vincevano la circoscritta Battaglia di La Malmaison contro i tedeschi.

Il 26 Ottobre 1917 il Brasile dichiarava guerra alla Germania, su spinta britannica.

Storia: Luglio e Agosto 1917

Nell’estate 1917 la Grande Guerra sembrava aver raggiunto un nuovo livello di intensità, dopo le grandi manovre del 1914, dopo la guerra di posizione del 1915, dopo gli inutili bagni di sangue del 1916, nella mente di tutte le nazioni in causa il 1917 doveva diventare un anno risolutivo per le sorti del conflitto… e in buona parte questa aspettativa venne rispettata.

Sul fronte orientale iniziava il 1 Luglio 1917 l’ultima grande offensiva russa: l’offensiva Kerenskij, il gigante russo era in crisi totale per le grandi ondate rivoluzionarie che lo scuotevano dall’interno. l’offensiva prese piede in Galizia. Le nuove disposizioni dei Soviet politici della capitale prevedevano che ogni azione bellica fosse preceduta da un’assemblea dei soldati stessi che ne valutassero l’opportunità, esautorando di fatto il potere degli alti ufficiali di impianto zarista. I primi giorni dell’offensiva furono travolgenti più per le mancanze dell’esercito austro-ungarico che per le reali capacità dei Russi… di fatto si stavano scontrando due imperi di carta destinati a crollare. L’intervento tedesco (19 Luglio 1917) fu determinate per interrompere l’offensiva e per passare al furioso contrattacco che mandò totalmente in rotta l’esercito russo, costretto a ritirarsi per oltre 240 km. Il governo di Kerenskij ne uscì esausto, ormai ovunque si susseguivano le voci di una imminente rivoluzione guidata dai Bolscevichi.

prigionieri Russi 1917

Sul fronte dei Balcani la Grecia fu indotta a dichiarare guerra agli Imperi Centrali, soprattutto in chiave anti-bulgara. Nel frattempo un “Comitato Jugoslavo” formatosi sotto l’ala protettrice anglo-francese prese l’impegno politico di formare un futuro Regno dei Serbi, Croati e Sloveni in funzione anti-austriaca, per questo fu approvata il 20 Luglio 1917 la dichiarazione di Corfù. Bosniaci e Montenegrini non furono chiamati in causa su questa questione che li riguardava direttamente. Sul fronte rumeno le disavventure russe in Galizia produssero un forte reazione dell’esercito rumeno che cercò di scacciare gli austro-ungarici dalla Moldavia e di resistere disperatamente alle continue incursioni nemiche, il particolare la Battaglia di Mărășești (6 Agosto – 8 Settembre 1917) fu l’ultima grande vittoria rumena della guerra.

Sul fronte italiano andò in scena l’Undicesima Battaglia dell’Isonzo (17 – 31 Agosto 1917), intrapresa in parte per la paura di una imminente offensiva austro-ungarica (che sarebbe arrivata qualche mese dopo) e in parte per le forti pressioni degli Alleati che volevano disperdere l’attenzione degli Imperi Centrali su più fronti caldi. Nonostante le scarse conquiste territoriali lo scontro dimostrò che le truppe di Vienna erano ormai vicine ad un crollo psico-fisico totale, l’unico fattore in grado di far reggere questo fronte (come quello orientale del resto) poteva essere l’arrivo di truppe tedesche… cosa che poi effettivamente avvenne.

Sul fronte occidentale cominciò il 31 Luglio 1917 la grande offensiva britannica nelle Fiandre che sarebbe passata alla storica come Battaglia di Passchendaele. L’offensiva si svolse a più ondate e di fatto interessò anche altri settori, come quello di Verdun.

Soldati Britannici 1917

Sul fronte prossimo alla Palestina le truppe arabe guidate da Lawrence d’Arabia e Awda Abu Tayi sconfissero gli Ottomani nella Battaglia di Aqaba il 6 Luglio 1917.

Altri paesi si unirono agli Alleati contro le forze degli Imperi Centrali: Cina (14 Agosto 1917), Siam (22 luglio 1917) e Liberia (4 Agosto 1917).

Storia: Ottobre 1916

Sul fronte italiano alla Settima Battaglia dell’Isonzo ne seguirono altre due. Il generale Cadorna diede l’avvio all’Ottava Battaglia dell’Isonzo, con particolare irruenza nella zona di Monfalcone, chiave per aprirsi la via verso Trieste. Tra il 10 e il 12 Ottobre 1916 le truppe italiane riuscirono a conquistare alcune posizioni, ma essendo malamente coordinate non raggiunsero i successi sperati… ancora una volta l’impreparazione degli alti comandi italiani vanificava il sacrificio di migliaia di soldati (24.000 morti per l’Italia e quasi 40.000 per l’Austria-Ungheria). Alla fine del mese cominciò la Nona Battaglia dell’Isonzo, la quale si risolse in un velleitario avanzamento di 5 Km in 5 giorni di battaglia, dal 31 Ottobre al 4 Novembre 1916.

Tra la fine dell’Ottobre e il mese di Novembre 1916 la situazione sul fronte occidentale cominciò ad assumere un aspetto meno tetro per le potenze Alleate. Un primo duro colpo alle aspettative tedesche arrivò dalla riconquista di Fort Douaumont (caduto il 25 Febbraio 1916) il 24 ottobre 1916, da parte di soldati marocchini inquadrati nell’esercito francese come truppe coloniali.

La desolazione di Fort Douaumont

Nel frattempo sul fronte rumeno si consumò la seconda, decisiva, Battaglia di Cobadin tra il 19 e il 25 Ottobre 1916. Questa volta le truppe di Bucarest, aiutate dai Russi, non riuscirono a reggere l’urto degli Imperi Centrali. La città di Costanza cadde in mano nemica e così anche la fondamentale ferrovia che viaggiava verso l’interno della Dobrugia. Ora la minaccia al delta del Danubio diventava pressante. Quanto a lungo avrebbe retto la Romania contro la potenza spropositata dei suoi avversari?

Storia: Giugno 1916 – parte seconda

Per distogliere i Tedeschi da Verdun anche gli Inglesi avevano preparato un piano operativo da realizzare sul fronte occidentale e più precisamente nella valle della Somme in Piccardia (estremo nord del fronte). La preparazione su vasta scala di un’offensiva di disimpegno fu estremamente macchinosa, tanto che in breve tempo i Tedeschi si resero conto che un attacco sarebbe stato sferrato proprio verso il lato nord del fronte. Nonostante questa consapevolezza il 23 Giugno 1916 essi raggiunsero la massima penetrazione nel settore di Verdun.

Soldati Tedeschi – Giugno 1916

Della Somme parleremo meglio nel prossimo articolo sul Luglio 1916.

Sul fronte italiano il 29 Giugno 1916 avvenne il primo attacco col gas al danno delle truppe italiane che, essendo totalmente impreparate ad una eventualità del genere, subirono perdite altissime (7.000 uomini nelle primissime ore dell’attacco). Le truppe austro-ungariche avanzarono nelle trincee nemiche finendo i soldati intossicati dai gas a colpi di mazze ferrate. Le truppe italiane per vendetta presero l’abitudine di fare prigionieri solo i grossi gruppi di soldati che si arrendevano, mentre i piccoli gruppetti o il singolo soldato che si arrendevano venivano uccisi sul posto.

Truppe Montane Italiane 1916

Storia: Maggio 1916

LA BATTAGLIA DEGLI ALTIPIANI

Il mese di Maggio del 1916 vedeva come protagonista principale l’aspra prova di forze nel settore di Verdun, sugli altri fronti erano quasi del tutto fallite le manovre per distrarre le truppe tedesche dal fronte occidentale. Nel mezzo di questo bagno si sangue l’alto comando austriaco decise di dare il via ad una offensiva contro l’Italia nel settore degli Altipiani Vicentini (tra Vicenza appunto e Trento); per le truppe di Vienna si trattava di una vera e propria spedizione punitiva contro i “traditori” italiani. All’inizio questa offensiva dove cominciare ad Aprile, ma problematiche legate al territorio ed alla logistica fecero progressivamente ritardare la data sino al 15 Maggio 1916. L’offensiva colse di sorpresa le truppe italiane e per alcune settimane ebbe un certo successo, salvo poi rallentare gradualmente ed infine essere definitamente respinta (come spesso accadeva su tutti i fronti europei). In quel frangente divennero famosi luoghi i cui nomi si trovano delle strade di tante nostre città: Asiago, Pasubio, Monte Zebio, Ortigara, ecc.

A livello nazionale fu un duro colpo per l’Italia dal momento che molti famosi irredentisti persero la vita durante l’offensiva  austriaca (o furono catturati e di seguito giustiziati), tra questi vale la pena ricordare:

Enrico Toti nell’ultimo gesto prima di morire
Damiano Chiesa
Fabio Filzi e Cesare Battisti appena catturati
Nazario Sauro nelle mani degli Austriaci

La battaglia si concluse il 27 Giugno 1916. Anche su questo settore i generali cominciarono a comprendere che la guerra di logoramento fatta di grandi offensive estenuanti non poteva essere il modo corretto di vincere la guerra, ma le concezioni tattiche e i mezzi tecnologici dell’epoca non permettevano a nessuna delle due parti di fare quel balzo in avanti che avrebbe concluso la guerra. Ci sarebbero voluti altri due anni di massacri prima che una delle due parti non avesse più la forza di proseguire su quella strada. Sugli altipiani ci furono 230.000 perdite tra Austriaci ed Italiani, di questi 26.000 morti, 120.000 feriti e 84.000 tra prigionieri e dispersi. Questa fu l’ultima offensiva portata dall’Austria senza l’intervento diretto della Germania, da quel momento Vienna non avrebbe più avuto le forze di muoversi da sola.