Sturm und Drang: Il profumo dell’oceano

Il fiume scorre, il lago riflette, il mare racconta e l’oceano profuma.

L’oceano profuma di ricordi lontani, di posti esotici e tempi remoti.

L’oceano ha insita la memoria del mondo, nel bene e nel male registra ogni evento.

L’oceano non ha fine, non ha limiti e non ne da. Mai.

L’oceano è il motore di ogni grande storia, di ogni grande avventura, di ogni grande scoperta. 

L’oceano è la nostra fantasia che non demorde,  non si imbriglia e non decade.

L’oceano bacia il cielo e la terra, contiene acqua e fuoco allo stesso tempo. 

L’oceano è tutto in uno. 

L’oceano che confluisce nel Canale della Manica e bacia Saint-Malo

Storia: Amerigo Vespucci

Qualche sera fa, per una strana associazione di idee sono arrivato a leggere alcune cose su Amerigo Vespucci. Tutto è cominciato banalmente dalla mia passione per il calcio argentino e per il Boca Juniors di Buenos Aires… e dalla curiosità di sapere quale fosse il calendario della Copa Libertadores (la Champions del Sud America), da qui wikipedia mi ha fatto saltare prima sulla pagina di Simon Bolivar, poi su quella della Grande Colombia, di rimando su quella del Venezuela. E cosa ti vado a scoprire? Il nome Venezuela nasce proprio durante il primo viaggio di Vespucci in esplorazione del Sud America, arrivato nella baia di Maracaibo nota alcune palafitte degli indigeni sul mare e questo gli ricorda Venezia, per cui indica quel luogo come Venezuola (praticamente piccola Venezia) che in seguito verrà spagnolizzato in Venezuela. Tutto questo nel 1498, solo sei anni dopo il primo viaggio di Colombo.

Anche se Vespucci è stato reso ancor più famoso dalla sua intuizione che l’America fosse un continente a se stante e che non avesse nulla a che vedere con l’Asia tanto agognata da Colombo, qui si parla del 1501 e di un viaggio che porto il navigatore sino alla fredda Patagonia. Chiaramente non fu lui a decidere che il suo nome dovesse andare al continente (avrebbe peccato eccessivamente di autostima) bensì un cartografo tedesco su suggerimento di un poeta di nome Ringmann. A dimostrazione che il mondo a volte fa dei giri molto strani. Aggiungo anche che la prima mappa in cui compare il nome America è ancora esistente ed è datata 1507.

Ma non possiamo dimenticare che nel suo secondo viaggio (1499) individuò un sistema di quattro stelle indicanti il sud che gli furono utilissime per tracciare delle rotte e che oggi tutti noi chiamiamo “Croce del Sud”. Avremo comunque modo di tornare su questi argomenti, sul Sud America, sugli esploratori e su altri pionieri.

Croce del Sud

No, non lo stavo dimenticando: Vespucci veniva da Firenze, Italiano come molti degli esploratori e grandi navigatori di quei tempi.

Storia: James Cook

La storia di James Cook inizia il 7 Giugno del 1755, il giorno in cui si arruolò nella Royal Navy in previsione della Guerra dei Sette Anni, aveva ventisette anni ed una discreta esperienza come comandante di navi mercantili maturata nel Baltico. Dopo i primi incarichi portati a termine con discreto successo si distinse nella guerra vera e propria nel Nord America, dove Francia ed Inghilterra si contendevano le colonie dell’ attuale Canada. Tra una battaglia e l’altra emerse il talento di Cook per la cartografia e la topografia, egli infatti tracciava mappe dettagliate delle zone che attraversava per scopi bellici e questo risultò di particolare aiuto all’esercito inglese. Fu così che a guerra finita venne incaricato di mappare l’Isola di Terranova in maniera dettagliata tra il 1763 e il 1767, un lavoro di indubbio successo.

Ma quello per cui tutti oggi ricordano questo nome riguarda l’ esplorazione del sud del Pacifico. Egli infatti venne incaricato nel 1766 di effettuare un primo viaggio con scopo astronomico (ne era un grande studioso) per osservare il transito del pianeta Venere davanti al sole. Durante questo primo viaggio giunse a Tahiti (1769), fu inoltre il secondo europeo a raggiungere la Nuova Zelanda mappandone le coste, navigando poi verso l’Australia e giungendo infine nelle Indie Orientali Olandesi a Giacarta (1771) dove però un’epidemia di malaria gli decimò l’equipaggio. La pubblicazione del diario redatto durante il viaggio e l’apporto rilevante delle sue scoperte gli portarono grande fama nel mondo scientifico di allora.

Ripartì quindi nel 1772. La Royal Navy già nel primo viaggio gli aveva chiesto di cercare tracce della mitica Terra Australis. In questo viaggio scoprì altre terre tra cui possiamo ricordare la Georgia del Sud e la Nuova Caledonia; fu inoltre il primo europeo a superare il circolo polare antartico. Bisogna tenere presente che la Terra Australis era un ipotetico continente situato nell’emisfero australe la cui esistenza era ipotizzata sin dai tempi di Aristotele. Questo viaggio, che lo portò anche nella Terra del Fuoco, gli permise più folte di avvicinarsi all’Antartide, ma senza mai arrivare a dimostrare l’inesattezza della teoria della Terra Australis come un continente di enormi dimensioni.

Organizzò infine un terzo viaggio con prima tappa a Tahiti, ma il vero scopo della sua spedizione era la ricerca del Passaggio a Nord Ovest! Questo viaggio gli permise di scoprire le Hawaii e di mappare completamente le coste dalla California sino allo stretto di Bering, ma gli fu impossibile andare oltre a causa del ghiaccio. Tornò quindi a sud, nelle Hawaii. Qui la storiografia non è ben chiara nel raccontarci i fatti a causa delle testimonianze discordanti, sembra comunque che dopo un furto di materiale da parte dei nativi sia nato un alterco sfociato in violenza alla fine del quale Cook sarebbe stato accoltellato a morte. Era il 14 Febbraio del 1779.

Di lui resta tantissimo, sia per i reperti conservati in diversi musei, sia per luoghi che portano il suo nome come ad esempio le Isole Cook che sono uno stato dell’ Oceania composto da 15 isole, un posto con paesaggi decisamente mozzafiato.