Il Grimorio di Odenwald #85

LI – CORONA VELI AUREII (La corona del Velo d’oro) – Martino V (1417 – 1431) nato a Genazzano, Roma, col nome di Oddone Colonna. Fu Vescovo di Urbino e venne eletto Papa durante il Concilio di Costanza a ricomposizione definitiva dello Scisma d’Occidente. Secondo la tradizione la sua sarebbe stata la prima elezione annunciata al mondo con il rito del “Habemus Papam”.

E’ stato il 206° Papa ed il suo pontificato durò 13 anni e 4 mesi.

Martino V fu attivo nel restaurare la sovranità della Santa Sede all’interno dello Stato della Chiesa e nel promuovere una ripresa economica, fu inoltre mecenate per i primi artisti dell’età rinascimentale. Egli entrò a Roma il 30 Settembre 1420, come primo papa romano dopo ben 135 anni (l’ultimo era stato Onorio IV). Nei primi anni di regno morì l’antipapa Benedetto XIII al quale successe Clemente VIII, che però rinunciò in poco tempo alla carica rientrando in seno alla Chiesa. Convocò due Concili, Siena (1423) e Basilea (1431), secondo gli accordi prestabiliti durante quello di Costanza, ma non ebbero il seguito sperato inizialmente. A livello diplomatico si adoperò per ricomporre la frattura tra Francia ed Inghilterra, impegnate nella Guerra dei cent’anni, cercò inoltre di riprendere i trattati con la Chiesa Ortodossa e si fece promotore di politiche più tolleranti nei confronti degli Ebrei.

Durante il suo pontificato ha creato 17 cardinali nel corso di 4 concistori.

Storia: Le origini della Guerra Civile Americana – Presidenza Harrison/Tyler

William Henry Harrison

Alla fine della presidenza Van Buren  si tennero le elezioni del 1840. Il presidente uscente si ripresentò, ma venne sconfitto dal candidato del Partito Whig, William Henry Harrison, il quale ottenne il 52,9% dei voti e ben 234 grandi elettori contro i 60 dello sfidante. Il nuovo presidente si insediò il 4 marzo 1841.

Pare che quel giorno fosse particolarmente freddo ed umido e che il presidente si fosse presentato vestito in modo troppo leggero alla cerimonia, nella quale tenne un discorso di oltre due ore… sta di fatto che tre settimane dopo contrasse una forte polmonite che lo portò a morire ad un mese esatto dal suo insediamento, il 4 aprile 1841. Divenne quindi presidente il suo vice John Tyler, era la prima volta nella storia americana che veniva applicata questa norma costituzionale. Tyler sarebbe morto nel 1862 da membro del Congresso Confederato.

John Tyler

1841: Un gruppo di schiavi prende il controllo di una nave durante un trasferimento dalla Virginia alla Louisiana, riuscendo a riparare nel territorio britannico delle Bahamas, dove otterranno asilo politico. Dopo anni di polemiche le autorità di Londra pagheranno un indennizzo ai proprietari orinali degli schiavi (1855).

1843: si mette in viaggio verso ovest, sulla pista dell’Oregon, la prima grande carovana di carri, composta da oltre 1.000 pionieri. Viene inoltre fondata la B’nai B’rith, la prima organizzazione non governativa degli ebrei nel mondo.

1844: L’attivista afroamericano Charles Lenox Remond dichiara pubblicamente che sarebbe meglio sciogliere l’Unione piuttosto che mantenerla viva conservando la schiavismo, detta opinione susciterà molto scalpore ed approvazione nel Nord. Lo stesso anno viene promulgata la “Exclusion Law“, che proibiva agli afroamericani (compresi gli schiavi) di rimanere o entrare nell’Oregon Country;

1845: La Florida viene ammessa nell’Unione come “Stato schiavista”. [Liberi 13 –  Schiavisti 14]

Il Grimorio di Odenwald #64

XXXVIII – DE ROSA ATTREBATENSI (Della rosa di Arras) – Clemente VI (1342 – 1352), nato a Rosiers-d’Égletons in Francia col nome di Pietro Roger di Beaufort. Fu monaco benedettino e vescovo di Arras e nel suo stemma vi erano delle rose. 

E’ stato il 198 Papa ed il suo pontificato durò dieci anni e sette mesi.

All’inizio del suo pontificato avvenne il riconoscimento pontificio della Custodia di Terra Santa, concernente la provincia dell’ordine francescano in Terra Santa, questione molto importante dal momento che il Sultano d’Egitto aveva riconoscimento del diritto dei Frati Minori di rappresentare la Chiesa cattolica in quelle terre. Nel 1350, con la bolla Unigenitus Dei Filius, indisse un giubileo in Roma, disponendo inoltre che per il futuro esso venisse celebrato ogni 50 anni. Clemente Vi fu un Papa molto devoto alla Francia e per questo rimase sempre ad Avignone. Durante il suo pontificato scomunicò l’imperatore Ludovico il Bavaro e a Roma scoppiò la rivolta di Cola di Rienzo. Vi fu inoltre l’epidemia di peste nera del 1348 durante la quale il Papa rimase saldamente al comando della Chiesa, condannando il fanatismo dei flagellanti e proteggendo dalla persecuzione gli ebrei, accusati di diffondere l’epidemia. 

Durante il suo pontificato ha creato 27 cardinali nel corso di 4 concistori.

Lemuria Dixit: Libro di Mormon

 Vi siete mai chiesti cosa dice esattamente il libro sacro dei Mormoni?

joseph smith
Joseph Smith

1823, Joseph Smith, giovane ragazzo di Palmyra (stato di New York), riceve una rivelazione dall’angelo Moroni che gli comunica l’esistenza di antichi scritti di una civiltà sepolti in una collina nelle vicinanze della fattoria della sua famiglia. Joseph Smith illuminato da questa rivelazione ritrova le antiche tavole, scritte in “egiziano riformato” (lingua inesistente storicamente) e in soli 90 giorni riesce a tradurle. Per tradurre questa lingua sconosciuta Joseph Smith e i suoi primi adepti usano alcuni oggetti sacri di derivazione biblica: Urim e Tummin. Il risultato della traduzione sono 500 pagine in cui si narra la storia di due civiltà sconosciute e storicamente non riscontrate, per un lasso temporale di 2.600 anni.

1830, Joseph Smith pubblica il Libro di Mormon.

1838, Joseph Smith riconsegna a Moroni le mitiche tavole e dal quel momento non saranno mai più disponibili né consultabili.

Il libro così codificato e l’opera di proselitismo di Joseph Smith danno vita alla Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, più comunemente conosciuta come Chiesa Mormone. Il libro di Mormon narra quindi la storia di popolazioni che si sarebbero spostate dal Medio Oriente alle Americhe in epoche molto remote. Nel libro si distinguono due migrazioni: la prima ai tempi della costruzione della Torre di Babele (il che potrebbe essere intorno al 2.000 a.c. se la identifichiamo con la grandissima ziqqurat Etemenanki di Babilonia) e la seconda intorno al 600 a.c. nel periodo della cattività babilonese. Da queste migrazioni hanno origine due popoli: i Nefiti e i Lamaniti. I primi vivevano nella grazie di Dio e avrebbero trascritto i loro annali giunti poi a Joseph Smith, i secondi si sarebbero discostati dalla parola di Dio e sarebbero stati puniti con un inscurimento repentino della pelle diventando così i Nativi Americani.

Gesù Cristo dopo la resurrezione (34 d.c.) avrebbe trascorso tre giorni presso i Nefiti e i Lamaniti, riconciliando i due popoli che nel frattempo avevano dato vita ad una serie di guerre fratricide. Intorno al 421 d.c., con l’ennesima disputa, i Nefiti furono distrutti e in quel momento il profeta Mormon lasciò le famose tavole al figlio Moroni (non ancora angelo) il quale le avrebbe seppellite, su ordine di Dio, in attesa di tempi migliori. 

1852, il Libro di Mormon viene tradotto per la prima volta in Italiano da Lorenzo Snow.

Verità rivelata o fantastico viaggio mentale di Joseph Smith? 

temple-square-01
Tempio dei Mormoni – Salt Lake City – Utah