Dal mondo: Morire per la terra piatta

Di cose strane al mondo ne succedono tutti i giorni, ma questa proprio mi mancava. Da bambino leggevo “Dalla Terra alla Luna” di Verne e come tutti sognavo quel viaggio fantastico; la storia e la tecnologia hanno poi fatto il loro corso permettendo all’uomo di raggiungere il nostro satellite. Mentre il mondo andava avanti qualcuno ha pensato bene di tornare indietro e di rimettere in discussione quello che ormai davamo per scontato. Ed ecco tornare tra noi i “terrapiattisti“. Per carità loro credono che la terra sia piatta, nella terra di Agarthi crediamo che sia cava… quindi nessun giudizio in merito a questo modo di vedere le cose.

Quello che mi lascia perplesso è che uno di questi “terrapiattisti” ha costruito un razzo artigianale, a vapore,  e che questo mezzo doveva essere lanciato mediante una rampa posta su un camion nel giardino della sua abitazione. Lo scopo? Raggiungere i 1.500 metri di altezza e fotografare in maniera inequivocabile la “piattezza” del nostro pianeta. 

Protagonista di questa impresa è stato il 64enne, ex stuntman, “Mad” Mike Hughes. Il problema è che il volo non ha avuto l’esito previsto. Poco dopo il lancio del razzo è avvenuta l’improvvisa apertura del paracadute che si sarebbe dovuto aprire in fase di rientro, questo ha portato il razzo a precipitare immediatamente al suolo. Per l’uomo non c’è stato nulla da fare. L’incidente è avvenuto in California il 22 Febbraio.