Sturm und Drang: Succubus

Con che strana aggressività mi devi richiamare in questa ora tarda. Cosa brami ancora oltre a quello che già hai avuto… altro sangue? Altri sogni? Altre ore della notte perse a vagare senza meta?

Come puoi ancora chiedere dopo tutti questi secoli di incubi e tormenti?

Stavi facendo la spesa per cosa? Compravi Martini e olive… un ricordo di mille anni fa, o forse di ieri. E se fossero dieci anni diventati quindici? Persi nel remoto scorrere delle ere del mondo…

Mi hai odiato al punto da divorare le mie carni la notte?

Ti cercavo e non ti trovavo… non è stata colpa mia. E se lo è stato… ma lo è stato? Ho visto quello sguardo carico di odio… sento i tuoi morsi sulla mia carne. Anche questa notte la stai divorando. 

Ma forse avrò la mia vendetta, nelle nebbie delle strade che ben conosco. Ancora una volta a caccia del cacciatore, ora dopo ora, finora sino ad ora.

Pensieri della sera #19

La passeggiata è l’arte del saper soppesare i propri pensieri come i propri passi, in quanto ci permette di attraversare luoghi e tempi del mondo, lasciando ovunque le nostre orme invisibili. E’ quando camminiamo che prendiamo decisioni cruciali. Soprattutto se camminiamo da soli ed in silenzio.

Ed io cammino da sempre, come tutti voi, come tutti noi. E faccio spesso gli stessi giri, osservando le stesse porzioni di mondo variare nei giorni e negli anni. Esiste una dimensione della mia esistenza nella quale costeggio sempre il cimitero e il canale accanto ad esso. Parlo coi morti nel silenzio dei miei pensieri.

Torno sempre sui miei passi, ma mai sulle mie idee e decisioni. I morti mi parlano da tempo, forse da tutta una vita e mi rendo sempre più conto che l’unica cosa che alla fine conta, che alla fine ritorna, che alla fine mi pervade, è il lento rumore delle ossa dentro al cimitero.