Il Grimorio di Odenwald #89

LIII – AMATOR CRUCIS (Amatore della croce) – Felice V (1439 – 1449) nato Chambéry in Savoia come Amedeo VIII di Savoia, prima Conte e poi Duca di Savoia. Era uomo molto vicino al Regno di Francia, al punto da far partecipare un suo contingente alla disastrosa Battaglia di Azincourt

Venne eletto antipapa in maniera quasi forzata, dal momento che non era né un religioso né si intendeva di teologia, fu una mossa voluta dai Vescovi e dai Cardinali in lotta contro Eugenio IV. Come antipapa non svolse mai una parte particolarmente attiva, restato principalmente in Savoia ed in Svizzera. Alla morte di Eugenio IV si conciliò col nuovo papa Niccolò V ed abbandono ogni velleità papale nel 1449.

Sturm und Drang: Enrico V

Kenneth Branagh (Enrico V, 1989)

Chi è mai che desidera questo? Mio cugino Westmoreland?

No, mio caro cugino. Se è destino che si muoia, siamo già in numero più che sufficiente; e se viviamo, meno siamo e più grande sarà la nostra parte di gloria. In nome di Dio, ti prego, non desiderare un solo uomo di più. Anzi, fai pure proclamare a tutto l’esercito che chi non si sente l’animo di battersi oggi, se ne vada a casa: gli daremo il lasciapassare e gli metteremo anche in borsa i denari per il viaggio. Non vorremmo morire in compagnia di alcuno che temesse di esserci compagno nella morte.

Oggi è la festa dei Santi Crispino e Crispiano; colui che sopravviverà quest’oggi e tornerà a casa, si leverà sulle punte sentendo nominare questo giorno, e si farà più alto, al nome di Crispiano. Chi vivrà questa giornata e arriverà alla vecchiaia, ogni anno alla vigilia festeggerà dicendo: “Domani è San Crispino”; poi farà vedere a tutti le sue cicatrici, e dirà: “Queste ferite le ho ricevute il giorno di San Crispino”.

Da vecchi si dimentica, e come gli altri, egli dimenticherà tutto il resto, ma ricorderà con grande fierezza le gesta di quel giorno. Allora i nostri nomi, a lui familiari come parole domestiche – Enrico il re, Bedford ed Exeter, Warwick e Talbot, Salisbury e Gloucester – saranno nei suoi brindisi rammentati e rivivranno.

Questa storia ogni brav’uomo racconterà al figlio, e il giorno di Crispino e Crispiano non passerà mai, da quest’oggi, fino alla fine del mondo, senza che noi in esso non saremo menzionati; noi pochi. Noi felici, pochi. Noi manipolo di fratelli: poiché chi oggi verserà il suo sangue con me sarà mio fratello, e per quanto umile la sua condizione, sarà da questo giorno elevata, e tanti gentiluomini ora a letto in patria si sentiranno maledetti per non essersi trovati oggi qui, e menomati nella loro virilità sentendo parlare chi ha combattuto con noi questo giorno di San Crispino!

(Enrico: Atto IV, scena III)