Storia: Papua Nuova Guinea, qualche cenno interessante

La Papua Nuova Guinea è uno stato dell’Oceania secondo per grandezza solo all’Australia ed occupa una buona metà dell’isola di Nuova Guinea, mentre l’altra metà appartiene all’Indonesia. Guinea è un nome che formalmente richiama l’Africa dove vi sono ben tre stati con questo nome (Guinea, Guinea Equatoriale e Guinea Bissau), questo perché il primo europeo a mettervi piede scambiò la popolazione locale per la stessa presente nelle zone appena citate del continente nero, la popolazione locale in questione sono i Papua. In realtà oltre a questa grande porzione di isola lo stato si estende anche su un numero molto vasto di isole di quella che è conosciuta col nome di Papuasia, tra il mare di Bismarck e il mar dei Coralli.

Soldati Tedeschi in Nuova Guinea

Mare di Bismarck? In effetti nel 1884 il territorio principale dell’attuale nazione entrò sotto il diretto controllo dell’Impero Tedesco che ne sfruttò la grande produzione di olio di cocco. Fu un dominio abbastanza breve poiché allo scoppio della Grande Guerra i possedimenti furono conquistati dagli Australiani che li controllarono dal 1914 al 1921.

E’ un paese abbastanza sfortunato sotto molti punti di vista, ha una forte instabilità politica, ha un forte indice di analfabetismo (vicino al 45%), l’economia è altamente vulnerabile e questo a portato il paese ad essere gestito più dalle multinazionali che dai politici locali. Cosa produce di tanto interessante? Beh, tralasciando il caffè e il famoso olio di cocco che tanto interessava i Tedeschi possiamo constatare che le risorse principali sono di tipo minerario: oro e rame.

Panorama di Port Moresby

Per molti aspetti economici e di aiuti umanitari dipende dall’Australia, anche se si è resa indipendente del tutto dal 1972, ma una serie di colpi di stato, cadute di governi troppo deboli, crisi economiche ed epidemie ne hanno minato l’autosufficienza. Basti pensare che è il paese della zona pacifica (Oceania e Sud Est Asiatico) con la maggiore incidenza di AIDS, per non parlare della mortalità infantile che è oltre il 50%, dati quasi imparagonabili coi paesi vicini e molto simili a paesi come la Bolivia ed il Sudafrica.

Detto questo, si tratta comunque di una terra ancora incontaminata e sicuramente molto bella da vedere, forse uno dei pochi posti al mondo dove il tempo è ancora fermo a qualche secolo fa, nel bene e nel male.

Sehnsucht: Stretto di Cook e Mare di Tasman

Abbiamo già trattato le vicende esplorative di James Cook un po’ di tempo fa, come dicevamo sul finire dell’articolo molti luoghi portano oggi il suo nome e tra questi vale la pena ricordare lo Stretto di Cook: il canale che divide le due isole principali della Nuova Zelanda. James Cook era il secondo navigatore europeo ad approdare su quelle terre, ma il suo predecessore non si era mai reso conto dell’ esistenza di quel canale. Ma chi era costui?

Abel Tasman fu il primo ad arrivare sulle coste della Nuova Zelanda, anche se non è mai stato chiarito se i suoi uomini siano scesi anche a terra o meno.  Stiamo parlando del 1642 il che vorrebbe dire che per oltre cento anni nessuno si sarebbe spinto di nuovo a navigare in quelle zone, nessuno sino all’arrivo di James Cook.

In Nuova Zelanda ci sono diversi posti che portano il nome di Tasman, così come molti posti portano il nome di Cook. Inoltre possiamo ricordare l’isola della Tasmania, appartenente all’Australia, e il Mare di Tasman che divide proprio le terre di Australia e Nuova Zelanda. Infine ricordiamo il simpatico marsupiale volgarmente conosciuto come Diavolo della Tasmania (simpatico, ma molto tosto come cacciatore).

Storia: Agosto 1918

In piena estate iniziò il 8 Agosto 1918, sul fronte occidentale, il contrattacco degli Alleati, passato alla storia come Offensiva dei cento giorni. Questa si sarebbe rivelata essere lo scontro definitivo in grado di porre fine una volta per tutte alle ostilità. Il primo episodio importante in questa offensiva fu la Battaglia di Amiens, combattuta dal 8 al 16 Agosto 1918la prima giornata di scontri venne definita dal generale tedesco Erich Ludendorff “il giorno più nero per l’esercito tedesco” (Schwarzer Tag des deutschen Heeres). Alla fine di questo primo scontro le truppe Alleate avevano distrutto completamente il saliente tedesco creato davanti ad Amiens e le truppe del Kaiser avevano iniziato una manovra di lento ripiegamento. Alcuni giorni dopo, il 21 Agosto 1918, cominciò la Seconda Battaglia della Somme ad opera delle truppe anglo-statunitensi, la quale avrebbe portato allo sfondamento della linea difensiva nota come linea Hindenburg. Nell’ambito di questi scontri le truppe australiane si distinsero nella Battaglia di Mont Saint-Quentin, strappando ai Tedeschi importanti postazioni nella zona di Péronne.

Prigionieri tedeschi nella Battaglia di Amiens

Sul fronte italiano Gabriele d’Annunzio compì il famoso volo su Vienna (9 Agosto 1918) lanciando volantini con stampato il tricolore, dimostrando la totale inefficacia delle difese aeree dell’aviazione austro-ungarica. Lo smacco propagandistico fu molto forte per quello che era stato uno dei colossi della storia europea degli ultimi secoli.

Nel Caucaso continuava il caos dovuto alla Rivoluzione Russa, il 26 Agosto 1918 cominciò la Battaglia di Baku, che vide contrapposte le truppe ottomane e della Repubblica Democratica di Azerbaigian avverse a quelle britanniche e della Dittatura Centrocaspiana. Lo scontro si risolse il mese dopo a favore degli Ottomani.

Storia: James Cook

La storia di James Cook inizia il 7 Giugno del 1755, il giorno in cui si arruolò nella Royal Navy in previsione della Guerra dei Sette Anni, aveva ventisette anni ed una discreta esperienza come comandante di navi mercantili maturata nel Baltico. Dopo i primi incarichi portati a termine con discreto successo si distinse nella guerra vera e propria nel Nord America, dove Francia ed Inghilterra si contendevano le colonie dell’ attuale Canada. Tra una battaglia e l’altra emerse il talento di Cook per la cartografia e la topografia, egli infatti tracciava mappe dettagliate delle zone che attraversava per scopi bellici e questo risultò di particolare aiuto all’esercito inglese. Fu così che a guerra finita venne incaricato di mappare l’Isola di Terranova in maniera dettagliata tra il 1763 e il 1767, un lavoro di indubbio successo.

Ma quello per cui tutti oggi ricordano questo nome riguarda l’ esplorazione del sud del Pacifico. Egli infatti venne incaricato nel 1766 di effettuare un primo viaggio con scopo astronomico (ne era un grande studioso) per osservare il transito del pianeta Venere davanti al sole. Durante questo primo viaggio giunse a Tahiti (1769), fu inoltre il secondo europeo a raggiungere la Nuova Zelanda mappandone le coste, navigando poi verso l’Australia e giungendo infine nelle Indie Orientali Olandesi a Giacarta (1771) dove però un’epidemia di malaria gli decimò l’equipaggio. La pubblicazione del diario redatto durante il viaggio e l’apporto rilevante delle sue scoperte gli portarono grande fama nel mondo scientifico di allora.

Ripartì quindi nel 1772. La Royal Navy già nel primo viaggio gli aveva chiesto di cercare tracce della mitica Terra Australis. In questo viaggio scoprì altre terre tra cui possiamo ricordare la Georgia del Sud e la Nuova Caledonia; fu inoltre il primo europeo a superare il circolo polare antartico. Bisogna tenere presente che la Terra Australis era un ipotetico continente situato nell’emisfero australe la cui esistenza era ipotizzata sin dai tempi di Aristotele. Questo viaggio, che lo portò anche nella Terra del Fuoco, gli permise più folte di avvicinarsi all’Antartide, ma senza mai arrivare a dimostrare l’inesattezza della teoria della Terra Australis come un continente di enormi dimensioni.

Organizzò infine un terzo viaggio con prima tappa a Tahiti, ma il vero scopo della sua spedizione era la ricerca del Passaggio a Nord Ovest! Questo viaggio gli permise di scoprire le Hawaii e di mappare completamente le coste dalla California sino allo stretto di Bering, ma gli fu impossibile andare oltre a causa del ghiaccio. Tornò quindi a sud, nelle Hawaii. Qui la storiografia non è ben chiara nel raccontarci i fatti a causa delle testimonianze discordanti, sembra comunque che dopo un furto di materiale da parte dei nativi sia nato un alterco sfociato in violenza alla fine del quale Cook sarebbe stato accoltellato a morte. Era il 14 Febbraio del 1779.

Di lui resta tantissimo, sia per i reperti conservati in diversi musei, sia per luoghi che portano il suo nome come ad esempio le Isole Cook che sono uno stato dell’ Oceania composto da 15 isole, un posto con paesaggi decisamente mozzafiato.

Storia: Giugno 1915

Gallipoli… atto terzo. Dopo il 18 Aprile 1915 e il 6 Maggio 1915 si aprì una ulteriore fase nei tentativi Anglo-Francesi di sfondare nel settore di Gallipoli, saldamente e sanguinosamente tenuto dai Turchi. Il 4 Giugno 1915 un attacco portato lungo tutti i 7 km del fronte e concertato abilmente tra il comando francese e quello britannico si risolse in un ulteriore bagno di sangue totalmente infruttuoso. La determinazione dei Turchi, guidati dal generale tedesco Liman von Sanders, fu uno dei principali fattori che influì sullo svolgimento della battaglia. Le truppe del Sultano non erano intenzionate a lasciare il loro territorio nelle mani degli invasori occidentali. Dopo il fallimento di questo attacco il comando britannico decise di spostare l’asse dei combattimenti più a nord dove erano di stanza le truppe provenienti da Australia e Nuova Zelanda, unite nel celebre ANZAC. Il “massacro di Gallipoli” era ancora lontano dalla sua conclusione. Si consideri che nel complesso dei 10 mesi di combattimenti gli eserciti persero (tra morti e feriti) oltre 500.000 soldati.

Il 23 Giugno 1915 fu un giorno di primaria importanza anche per la guerra sul fronte italiano. Iniziò infatti la prima grande offensiva del regio esercito in quella che venne battezzata come Prima Battaglia dell’Isonzo. Lo scontro durò sino al 7 Luglio 1915. Il comandante delle truppe italiane, generale Cadorna, aveva pianificato una triplice offensiva. Da un lato si doveva varcare l’Isonzo in Venezia-Giulia e puntare verso Lubiana, da un altro si doveva attaccare in Cadore ed in Carnia per cercare di conquistare Dobbiaco e di avere uno sbocco verso la Carinzia, infine bisognava restare sulla difensiva in Trentino. L’esercito italiano in quei pochi giorni di offensiva sperimentò le medesime problematiche riscontrate da tutti gli altri eserciti nei primi mesi di conflitto: lentezza delle manovre, male interpretazione degli ordini, problematiche legate alla conformazione del terreno e non da ultimo la lentezza nei rifornimenti. Inoltre gli Austro-Ungarici erano ben assestati in posizioni ben difendibili, anche se in netto svantaggio per numero di uomini (si parla di 250.000 Italiani contro 115.000 Austriaci). L’offensiva italiana venne respinta e quasi totalmente arginata, anche se a costo di gravi perdite, da parte delle truppe di Vienna. Anche per l’Italia si apriva la lunga e drammatica via della guerra di logoramento, fatta di sanguinose offensive spesso infruttifere… con l’aggravante di dover combattere su uno dei territori più difficili dell’intero conflitto mondiale.

Piccola nota a margine: il 3 Giugno 1915 il piccolo stato di San Marino dichiarò guerra all’Austria-Ungheria. Dalla piccola repubblica partirono alcuni gruppi di volontari che avrebbero combattuto inquadrati in reparti italiani, alla fine del conflitto San Marino contò circa 140 caduti.