Tagebuch: 22 Luglio 2021

Le cose cambiano in fretta o forse sarebbe più corretto dire che il loro manifestarsi ha assunto una velocità diversa rispetto a prima. Il tempo stringe. Quello che è certo è che i perduti non potranno essere recuperati, se questo sia un peccato o meno lo stabiliremo solo in seguito. La tela è ogni giorni più scoperta ed il disegno appare sempre più completo… almeno per chi sa dove guardare.

Non possiamo curarci degli altri. Questo a volte da dispiacere, ma è un sentimento che dopo un attimo viene soffocato. Non ci eravamo preparati a questo in fondo? Difficile… il silenzio con sé stessi è forse il momento più problematico della giornata.

Qualcuno, qualcosa, cerca di mettersi in contatto da diversi giorni. È quasi una presenza costante ed è come se più volte provasse a bussare alla porta. Non ho ancora aperto, ma forse dovrei. Forse è qui per le mie ricerche, in ogni caso devo lasciare dei segni sparsi, molliche di pane che altri possano raccogliere.

ETSSSFG

Pensieri della sera #13

Tra 5 miliardi di anni il sole diventerà una gigante rossa, la terra per come la conosciamo verrà spazzata via. In realtà è un non problema dal momento che potremmo anche non essere più presenti sul pianeta già da tempo immemore.

Non è consolante, ma è così. Tutto quello che abbiamo costruito, fatto, detto, scritto, potrebbe già essere scomparso prima di quella data. Forse già tra 10.000 anni. Ecco. Tra 10.000 gli esseri umani potrebbero non essere più la razza dominante del pianeta. Soppiantati da qualche animale più evoluto. Perché questo siamo… Animali.

Ma è ancora troppo in grande. A 100 anni da oggi nessuno ricorderà quello che abbiamo fatto, detto, costruito in questo sabato di febbraio. Solo 1 su 7 miliardi, forse, farà qualcosa di rilevante. Gli altri no. Questa è la realtà. Per cui non illudetevi di essere unici e speciali. Non lo siamo.