Lemuria Dixit: Karl Tänzler

L’amore è eterno finché dura, quanto meno nella dimensione materialista dell’umanità tipica della nostra società moderna. Nulla da togliere alla vacuità dei sentimenti umani, alla incostanza delle nostri menti nevrotizzate da malsani ritmi esistenziali. E’ possibile ancora amare qualcuno sino alla propria morte? Provare qualcosa di profondo e malsanamente inchiodante per un’altra persona? E’ forse un amore infinito una condanna piuttosto che una benedizione? O siamo noi che non sappiamo più distinguere il bene dal male? Tutto questo ed anche di più. Eppure a qualcuno di noi capita. Il vero amore. L’anima gemella, quella vera, quella che abbiamo cercato per millenni. Quella in grado di portarci all’inferno ed in paradiso allo stesso tempo. Fortune che solo pochi possono sperimentare. E l’amore dopo la morte non è da meno. L’amore dopo la morte, poesia e romanticismo. Eppure la mente umana è capace di accedere ad un ulteriore livello, un livello inquietante, che lascia troppe domande senza risposta, un punto di rottura che la mente della maggior parte delle persone rifiuterebbe con profondo sdegno. Non è l’amore per la morte bensì l’amore nella morte. L’amore con la morte. E’ qualcosa che va a pescare negli angoli più torbidi e bui della nostra anima, in angoli della nostra psiche che non conosciamo e che non vorremmo in ogni caso conoscere. Qualcuno si addentra, ma non fa più ritorno. Non c’è via d’uscita dal buio primordiale di quella grotta, dove un milione di anni fa sperimentammo per la prima volta l’indescrivibile senso di impotenza per il trionfo della morte.

E da allora l’ominide, la scimmia, l’anello mancante, il figlio del peccato, il clonato dagli antichi ingegneri, ecc… da allora tutti gli essere umani hanno cercato il modo per eludere la morte, ritardarla, allontanarla. Alcuni si sono spinti oltre. Alcuni hanno perfino cercato di invertirne il processo tentando di riportare in vita i morti. Eccovi una di queste storie.

Karl Tänzler

Karl Tänzler nacque il 8 Febbraio 1877 a Dresda in Germania. Negli anni precedenti alla Prima Guerra Mondiale viaggio molto tra l’India e l’Australia, ma lo scoppio del conflitto lo portò ad essere internato in un campo di prigionia australiano per essere poi spedito in Olanda alla fine delle ostilità. Vista la precaria situazione economica in cui versava la Germania, nel 1926 decise di trasferirsi negli Stati Uniti, dove viveva sua sorella. Partì in nave da Rotterdam e raggiunse Cuba, da lì poi si spostò in Florida. L’anno dopo trovò lavoro presso l’ U.S. Marine Hospital di Key West come tecnico sanitario di radiologia medica. Si fece assumere col nome di Carl von Cosel. Il cognome von Cosel ha un’importanza fondamentale in questa storia e vi dico subito il perché: il cognome Von Cosel era quello di un’antica casa nobiliare dalla quale Tänzler sosteneva di discendere. Egli affermava inoltre che una sua presunta antenata, la Contessa Anna Constantia von Cosel, gli avesse più volte fatto visita in sogno per mostrargli il volto del suo vero amore: una donna dalla pelle e dai lineamenti esotici e dai lunghi capelli neri. Di certo non la classica bellezza teutonica. 

Il 22 Aprile 1930, proprio mentre lavorava al Marine Hospital di Key West, conobbe Maria Elena Milagro de Hoyos, una giovane donna cubano-americana che allora aveva 21 anni. La ragazza era stata portata in ospedale per dei controlli. In lei Tänzler riconobbe subito la bellissima donna che le era stata mostrata in sogno dalla sua antenata. La ragazza era figlia di un commerciante di sigari della città, nonché legalmente sposata sin dal 1926, ma il marito si era trasferito a Miami dopo che la coppia aveva perso un figlio (in ogni caso i due non avevano avviato alcuna pratica di divorzio). Sfortunatamente alla ragazza venne diagnosticata la tubercolosi, una malattia tipicamente fatale all’epoca e che portò alla morte di quasi tutta la sua famiglia. Tänzler tentò di curare la ragazza, ma le sue conoscenze mediche da autodidatta erano decisamente basilari. La famiglia di lei si fidava di quell’uomo, che ai loro occhi appariva così generoso ed altruista. Egli sperimentò medicinali e cure con apparecchiature elettriche, ma senza alcun risultato. Col tempo divenne palese che l’uomo i realtà era innamorato della ragazza, ma non vi sono mai state prove circa il fatto che fosse un amore corrisposto. Maria Elena Milagro de Hoyos morì il 25 ottobre 1931. Tänzler le pagò il funerale e le fece costruire, col permesso della famiglia, un piccolo mausoleo nel cimitero di Key West. Ogni notte l’uomo si recava in visita presso la costruzione per rendere omaggio alla sua amata. Pare che durante quelle sedute notturne lo spirito della ragazza arrivò a palesarsi davanti all’uomo pregandolo più volte di portarla via da quella tomba. E fu così che Tänzler, in una notte di Aprile del 1933, rubò il cadavere della ragazza e lo trasportò fino alla propria abitazione. 

Il cadavere ritrovato dalle autorità

L’uomo fissò insieme le ossa del cadavere con delle grucce, le mise degli occhi di vetro, sostituì la pelle in decomposizione con del panno di seta imbevuto di cera e gesso. Modellò poi una parrucca al cadavere con una folta ciocca di capelli di Maria Elena che gli erano stati regalati dalla madre di lei nel 1931. Per mantenere le forme originali della donna ne riempì la cavità addominale e toracica di stracci. Vestì poi il cadavere con calze, guanti e gioielli e lo sistemò nel suo letto. Uso una quantità enorme di profumi, disinfettanti ed agenti conservanti per mascherare l’odore che proveniva dalla decomposizione del cadavere. Più volte tentò dei fantasiosi esperimenti per riportare il vita la sua amata. Nel giro di qualche cominciarono a girare delle strane voci sul conto di Tänzler, qualcuno l’aveva addirittura visto ballare col cadavere davanti alle finestre di casa. Fu così che nell’ottobre 1940 una sorella della defunta, Florinda, si recò a casa dell’uomo allertando le autorità affinché intervenissero. Tänzler venne arrestato non appena venne scoperto il cadavere della ragazza nel suo letto.

Egli venne esaminato a livello psichiatrico e venne ritenuto capace di intendere e di volere, per cui venne processato per sottrazione di cadavere, ma l’accusa poiché il reato era comunque caduto in prescrizione. Il caso ovviamente generò molto scalpore. Sorprendentemente l’opinione pubblica vedeva Tänzler in maniera favorevole, lo consideravano una sorta di ultimo romantico, eccentrico senza ombra di dubbio, ma comunque romantico. Il corpo della ragazza, dopo essere stato analizzato dai patologi, venne seppellito di nuovo nel cimitero di Key West. Questa volta in una tomba non contrassegnata per evitare che venisse di nuovo trafugato. Negli anni successivi (se ne parlava ancora nel 1972) alcuni medici sostennero che Tänzler aveva tenuto comportamenti necrofili col cadavere di Maria Elena. Di questi comportamenti non vi era però alcuna prova concreta agli atti se non un dettaglio emerso durante l’autopsia: nell’area vaginale era stato inserito un tubo di carta, il che avrebbe consentito all’uomo di aver rapporti sessuali col cadavere. La tesi della necrofilia è ancora oggi molto dibattuta, ma penso che a distanza di tanti anni sia impossibile scoprire la verità.

Tänzler passò i suoi ultimi anni di vita sempre in Florida, ma in un’altra contea. Pur se separato dalla sua amata e dal di lei corpo, ne creò una effige a grandezza naturale partendo da una maschera mortuaria. Visse con questa effige sino alla sua morte avvenuta nel 1952.

Annunci

Lemuria Dixit: Nation of Islam

Gli Stati Uniti sono un calderone sempre accesso di nuove religioni e di sette fantasiose, all’interno dei suoi immensi stati vanno creandosi sempre nuove correnti e varianti delle religioni tradizionali. Ci sono diverse motivazioni per questo comportamento compulsivo della popolazione americana. In primo luogo abbiamo la fondamentale componente Cristiana Protestante che già per sua natura tende a favorire il proliferare di Chiese diversificate ed autonome. Non va poi sottovalutata l’estrema confusione generata dal rimescolare così tante etnie tutte insieme, ognuna con le proprie credenze e tradizioni: il risultato non poteva che essere un frullato dove ogni ingrediente cerca disperatamente di dimostrarsi più importante degli altri. Lo spaesamento delle culture mescolate all’estremo ha portato via via al fenomeno opposto, ha portato alla nascita di sette sempre nuove in cerca dell’affermazione della propria unicità. Infine l’aver massacrato la popolazione autoctona ha portato a dover reinventare la religione del suolo americano cercando di legarla alla storia spirituale del resto del pianeta. Un gran calderone, come dicevo poco sopra! Oggi analizzeremo una delle più controverse tra le sette americane: la Nation of Islam.

La setta nasce nel 1930 a Detroit e il suo fondatore non è considerato un profeta bensì una vera e propria reincarnazioni di Allah. Quest’uomo, conosciuto col nome di Wallace Fard Muhammad, ha avuto una vita alquanto misteriosa e poche sono le notizie che ci sono giunte su di lui, le stesse autorità degli Stati Uniti sanno poco circa i suoi spostamenti e la sua scomparsa. Ma già dalla prima affermazione poco sopra si può intuire che la NOI non sia un gruppo religioso musulmano convenzionale.

Bandiera della Nation of Islam

Negli anni si è molto sviluppata ed il numero degli adepti è cresciuto sensibilmente soprattutto negli anni ’60 e ’70, quando il tema della segregazione razziale aveva raggiunto all’apice del dibattito nella società americana. Il successore di Fard, Elijah Muhammad sosteneva che i discendenti degli schiavi provenienti dall’Africa dovevano tornare alle proprie origini e riscoprire la vera fede dei loro antenati e delle loro nazioni di origine. La scelta chiaramente doveva ricadere sul credo islamico e non sul semplice e malleabile animismo delle tribù africane.

La NOI però non si ferma qui. Oltre ad elevare Fard al ruolo di vero Messia, con tanto di chiari riferimenti alla Bibbia, si ipotizza una bizzarra storia della creazione degli esseri umani. In sostanza Allah avrebbe creato i neri come gente originaria e dominatrice del mondo (e fin qui i paralleli con l’evoluzione della razza umana ci sono), successivamente gli scienziati neri avrebbero creato le altre razze in laboratorio e avrebbero preparato un piano evolutivo di 25.000 anni. In tutto questo il periodo di sofferenza e schiavismo del “popolo eletto nero” sarebbe stata prevista nella Bibbia. Bibbia, che come il Corano, sarebbe stata creata dagli stessi scienziati neri. L’idea di un gruppo di “scienziati creatori” è molto diffusa in diverse sette nate nel ‘900, basti pensare a Scientology.

Elijah Muhammad

Una delle caratteristiche fondamentali del NOI è l’acceso razzismo nei confronti della altre razze e un odio viscerale per l’Ebraismo ed i suoi rappresentanti, anche se negli anni ci sono stati diversi contatti tra il NOI e i gruppi ebraici anti-sionisti della setta Neturei Karta. Inoltre una delle idee di punta è quella della creazione di uno stato unicamente nero ed islamico all’interno degli Stati Uniti. Per il resto molti dei precetti del NOI sono i medesimi della religione musulmana, soprattutto per quello che riguarda i 5 pilastri dell’Islam… sempre considerando l’eccezione della natura divina di Fard e il ruolo di novello profeta assunto da Elijah Muhammad.

Nel corso degli anni molti afroamericani sono entrati a far parte di questa setta o comunque ne hanno condiviso alcune posizioni. Tra di esse possiamo ricordare in prima fila Malcom X (passato successivamente all’Islam Sunnita e morto proprio a causa di alcuni suoi scontri ideologici con Elijah Muhammad) e persone del calibro di Muhammad Ali (passato anche lui al Sunnismo e poi al Sufismo).

Lemuria Dixit: Kaspar Hauser

Paul Verlaine ne scrisse un poema nel 1880, Jakob Wassermann ne scrisse un romanzo nel 1908. Martin Heidegger nel suo saggio sulla poesia e la lingua citò un ulteriore poema a riguardo scritto da Georg Trakl. Viene citato in decine di romanzi e scritti. Non centinaia… migliaia (compare in oltre 30.000 tra libri e articoli). Nel 1974 Werner Herzog vi fece addirittura un film (Jeder für sich und Gott gegen alle – Ognuno per se stesso e Dio contro tutti). Se ne sono occupati Antroposofi come Rudolf SteinerPeter Tradowsky. Di chi stiamo parlando? Di Kaspar Hauser ovviamente.

La vita di Kaspar Hauser è un autentico mistero. I dati certi che abbiamo su di lui partono dal 26 maggio 1828, giorno in cui il giovane appare nelle strade di Norimberga. Il misterioso fanciullo porta addosso due lettere. In una, indirizzata al capitano del 4° squadrone del 6 ° reggimento di cavalleria (von Wessenig), l’anonimo autore afferma di avere il ragazzo in custodia dal 7 ottobre 1812, di averlo istruito nella lettura, nella scrittura e nella religione cristiana, ma di non avergli permesso mai di “fare un solo passo fuori da casa mia”. La lettera affermava, inoltre, che il ragazzo voleva essere un cavaliere “come suo padre” e invitava il capitano von Wessenig  a prenderlo o impiccarlo. La seconda lettera era stata scritta dalla madre al suo precedente custode e dava alcune generalità del ragazzo: il suo nome era Kaspar, nato il 30 aprile 1812, il padre era un defunto cavaliere del 6° reggimento. [E qui già inizia il mistero! Le lettere erano scritte con la medesima calligrafia e pare che si trattasse della calligrafia del ragazzo medesimo… quindi lettere scritte da lui. Perchè? Sotto dettatura o inventate di sana pianta?]

Kaspar-Hauser
Kaspar Hauser

Un calzolaio, di nome Weickmann, porta il ragazzo a casa del capitano von Wessenig. Qui il giovane ripete solo le parole “voglio essere un cavaliere, come mio padre” e “cavallo!”. Alle ulteriori richieste di chiarimenti il giovane Kaspar risponde solo piangendo e ripetendo come un mantra “Non so”. A questo punto viene portato alla stazione di polizia, qui riesce a scrivere il suo nome, ma dimostra di possedere un vocabolario molto limitato e di saper leggere con qualche difficoltà. Visto che non riesce a fornire altre informazioni sulla sua vita viene arrestato per vagabondaggio. Passa così due mesi interi come prigioniero, venendo visita da diversi curiosi e rifiutando ogni cibo che non fosse pane ed acqua. Il sindaco di Norimberga, Binder, inizia ad interessarsi al ragazzo ed alla sua vita, riporta con attenzione i racconti della vita precedente che gli fa il ragazzo. Per tutto il tempo che riesce a ricordare, Kaspar dice di aver passato la vita in una cella buia di 2 metri di lunghezza, larga 1 metro ed alta 1 metro e mezzo… dormiva su un letto di paglia, giocava con due cavalli ed un cane intagliati in legno. Di aver mangiato solo pane e acqua, ma di non aver mai avuto un contatto di diretto con nessun essere umano. Il primo essere umano (dal volto mascherato) l’aveva incontrato poco prima del suo rilascio, costui gli aveva insegnato a scrivere il proprio nome, gli aveva insegnato a dire le parole poi ripetute davanti al capitano von Wessenig. Una volta imparato queste cose ed appurato che sapeva stare in piedi il ragazzo era stato lasciato a Norimberga. [Cosa porta a rinchiudere un bambino in questo modo e non fargli avere nessun contatto col mondo?]

burg_winter_tag
Norimberga

Ovviamente iniziano le indagini da parte delle autorità, il presidente della corte d’appello bavarese, il famoso Paul Johann Anselm Ritter von Feuerbach, vuole vederci chiaro. Kaspar viene adottato formalmente dalla città di Norimberga e viene affidato al filosofo e maestro di scuola Friedrich Daumer. Inizia una nuova vita per il giovane Kaspar, circondato dall’affetto e dalla premura di un’intera comunità umana. La sua storia inizia a raccogliere interesse anche all’estero. Tutti vogliono scoprire la vera identità del ragazzo… che pare proprio non essere figlio di nessun cavaliere deceduto del 6° reggimento. La felicità però non è destinata a durare. Il 17 ottobre 1829 Kaspar viene trovato in cantina con una ferita da taglio sulla fronte, il ragazzo racconta di essere stato aggredito da un uomo incappucciato, l’uomo gli avrebbe detto “Devi morire prima di lasciare la città di Norimberga” e dalla voce avrebbe riconosciuto proprio l’uomo che lo aveva condotto in città. L’episodio allarma le autorità, iniziano a circolare voci secondo le quali Kaspar sarebbe di discendenza principesca (forse imparentato coi principi di Baden, o magari della casa d’Ungheria o di quella d’Inghilterra). Il ragazzo passa quindi sotto le cure di una delle autorità municipali di Norimberga, Johann Biberbach. Al contempo il ragazzo inizia ad avere i primi detrattori che lo accusano di essere un impostore e di aver simulato perfino l’aggressione. Lo stesso maestro Daumer aveva notato che il ragazzo aveva una certa predisposizione a mentire e lo aveva più volte rimproverato. Il 3 aprile 1830 nella camera di Kaspar si sente un colpo di pistola. Il ragazzo vive ancora sotto scorta dopo l’aggressione subita l’anno precedente e quando gli uomini entrano nella stanza trovano il ragazzo riverso a terra con una ferita sul lato destro della testa. Pare che l’evento sia stato del tutto accidentale, ma tale da compromettere il rapporto del ragazzo con la famiglia Biberbach… rapporto già abbondantemente deteriorato nei mesi. Al centro dei rimproveri che il ragazzo continua a subire è la sua capacità di mentire fin troppo spesso. Viene trasferito nella casa del barone von Tucher, ma anche questi si lamenterà delle esorbitanti bugie dette dal ragazzo.

Alla fine del 1831 entra in scena un nuovo personaggio, l’eccentrico Lord Stanhope, nobiluomo britannico e Massone che riesce ad ottenere la custodia del ragazzo. Il nobile spende una fortuna per riuscire a scoprire le origini del ragazzo. Concentrandosi in prima battuta sull’Ungheria, dal momento che Kaspar pare ricordare diverse parole in lingua ungherese. Il ragazzo arriva ad affermare di essere figlio della contessa Maytheny. Ma tutte le indagini non approdano a nulla. Lo stesso Lord Stanhope inizia a dubitare della buona fede di Kaspar. Il ragazzo viene trasferito poi ad Ansbach nel dicembre 1831, presso la casa del maestro Johann Georg Meyer. Lord Stanhope continua a pagare le spese di soggiorno di Hauser, scrivendo però negli anni successivi di essere stato ingannato da Kaspar. [Secondo alcune voci pare che Lord Stanhope avesse diversi affari importanti proprio con la Casa di Baden, ma la storiografia ufficiale ha sempre difeso la figura del nobile britannico. Stimato dai Massoni, ma non dagli Antroposofi]

Kaspar non va per niente d’accordo col maestro Meyer, spera sempre che Lord Stanhope lo porti con se in Inghilterra, ma inizia a capire che si tratta di una vana speranza. Anche secondo Meyer il ragazzo è un astuto mentitore e questo non aiuta a migliorare la situazione. Il 9 dicembre 1833 avviene una furibonda lite tra Kaspar e Meyer… cinque giorni dopo, il 14 dicembre 1833 Kaspar rientra a casa con una profonda ferita alla parte sinistra del petto, dichiara di essere stato attirato nel giardino della corte di Ansbach da un estraneo che poi lo avrebbe pugnalato con la scusa di dargli una borsa. La polizia in effetti ritroverà nel parco una borsa viola con dentro un messaggio scritto a matita e con la tecnica della scrittura a specchio: “Hauser sarà in grado di dirvi esattamente come sono fatto e da dove vengo. Per risparmiare ad Hauser lo sforzo, voglio dirvi da solo da dove vengo _ _ Vengo dal _ _ il confine bavarese _ _ sul fiume _ _ vi dirò anche il mio nome: M. L. Ö. “

450px-kaspar_hauser_grab

Kaspar muore per la ferita il 17 dicembre 1833. Le incoerenze nel resoconto di Kaspar portarono la corte d’inchiesta di Ansbach a sospettare che si sia pugnalato da solo e si sia inventato la storia dell’aggressione. La nota nella borsetta trovata nel Giardino di Corte contiene un errore di ortografia e un errore grammaticale, entrambi tipici di Kaspar, il quale, sul letto di morte, continuava a borbottare incoerenze sulla “scrittura con la matita”. I dottori forensi concordano inoltre sul fatto che la ferita possa davvero essere autoinflitta. La corte sospetta che il ragazzo abbia compiuto quel gesto per attirare l’attenzione in particolare di Lord Stanhope. Kaspar Hauser viene sepolto nel cimitero cittadino di Ansbach e la lapide in latino della tomba recita: “Hic jacet Casparus Hauser, aenigma sui temporis. Ignota nativitas, occulta mors” (Qui riposa Kaspar Hauser, enigma del suo tempo. Ignota la [sua] origine, misteriosa la [sua] morte).

 

Ora da un lato il ragazzo veniva ritenuto un impostore, truffatore, mentitore seriale e quant’altro, mentre una parte sensibile del mondo culturale dell’epoca non la pensava allo stesso modo. Secondo molti Kaspar Hauser era il principe ereditario di Baden, nato il 29 settembre 1812 e che, secondo la storia conosciuta, era deceduto il 16 ottobre 1812. Si sosteneva che questo principe fosse stato scambiato con un bambino morente e che poi fosse ricomparso 16 anni dopo come Kaspar Hauser a Norimberga. In questo caso i suoi genitori sarebbero stati Carlo, Granduca di Baden e Stéphanie de Beauharnais, cugino per matrimonio e figlia adottiva di Napoleone. Dato che Charles non aveva una progenie maschile sopravvissuta, il suo successore era suo zio Louis, a cui in seguito successe il fratellastro Leopoldo. La madre di Leopoldo, la Contessa di Hochberg, era la presunta colpevole della prigionia del ragazzo. Evidentemente il suo movente sarebbe stato quello di assicurarsi la successione per i suoi figli. Ovviamente ancora oggi gli storici respingono questa versione dei fatti.

steinerfulres300bw
Rudolf Steiner

Eppure in tutto questo ci sfugge ancora qualcosa. Come può una storia del genere, per quanto misteriosa, aver attratto una moltitudine di pensatori, storici, filosofi ed esoteristi? C’è un qualcosa nella vita di Kaspar Hauser che non è sfuggito a tutti… in lui, in Kaspar Hauser, appare qualcosa di incompiuto. Lui stesso è stato un essere umano non compiuto sotto molti aspetti. Ad infittire il mistero è stata anche l’ondata di cattiverie ufficiali riversate sulla sua memoria. Eppure il suo percorso, da molti visto come un’autentica Via Crucis, è stato letto come estremamente puro, retto e spirituale, come se il ragazzo incarnasse lo spirito di sacrificio del Cristianesimo medesimo. Rudolf Steiner ne parla in questi termini: “Dopo Cristiano Rosacroce, è Kaspar Hauser che ha sentito più fortemente le sofferenze del Cristo”. Quindi appare evidente che il ragazzo avesse una missione ben precisa da compiere sulla terra, una missione spirituale affrontata anche da altri prima di lui, ma che pare essere fallita per la strenua opposizione di avversari molto potenti.

La missione spirituale di Kaspar, già manifesta in grandi menti del periodo come Goethe e Schiller, riguarda la salvezza dello Zeitgeist, lo Spirito del Tempo. E’ lo Zeitgeist a determinare la direzione che prenderanno i vari Volksgeist, Spiriti del Popolo, di ogni singola nazione. Se qualcosa va storto e si arriva ad una decadenza dello Spirito del Tempo il suo influsso sarà devastante. Certo gli esseri umani conservano comunque il loro libero arbitrio, il quale li può far agire ed interagire all’interno dei tempi, ma sempre sotto l’influsso dello dello Zeitgeist. L’uomo deve quindi mantenere una parte attiva nel processo storico e non lasciarsi semplicemente trascinare dal “progresso”. Ora lo Zeitgeist influisce su cicli storici di circa 300 anni, anche facilmente riconoscibili nella storia umana… e nel momento in cui viveva Kaspar Hauser si stava consumando proprio un cambio di ciclo. Da un lato c’era un mondo autenticamente spirituale incarnato appunto dai grandi del tempo come Goethe, Schiller, Hölderlin ed Herder, dall’altra c’era un nuovo mondo fatto di oscurità e sotterfugi incarnato dalla decadenza e dalla corruzione dello spirito di alcuni gruppi di potere ed esoterici (come i Gesuiti ed i Massoni). La missione spirituale di Kaspar Hauser era quindi quella di impedire che il Zeitgeist decadesse sotto un influsso malsano e lontano dalla vera spiritualità. Come abbiamo letto Kaspar Hauser è morto da incompiuto, il suo sacrificio non ha portato la salvezza e lo Zeitgeist è decaduto trascinando con se i vari Volksgeist.

Siamo al 1833, nel giro di 150 anni si avranno 2 Guerre Mondiali, interi eccidi di popoli, le bombe atomiche, il mondo invaso da false credenze e da un’ateismo dilagante, la dicotomia capitalismo-comunismo, la Massoneria infiltrata a più livelli nella società umana e 180 anni dopo un Papa appartenente all’Ordine dei Gesuiti… non è quello che definiremmo un quadro incoraggiante. 

 

Lemuria Dixit: Rasputin il mistico

Il mondo di inizio ‘900 non era molto diverso da quello attuale, per carità la scienza ha fatto passi da gigante e sono cambiate tante “esteriorità”, ma l’uomo è rimasto lo stesso animale avido di potere e incuriosito sino allo spasmo dai poteri occulti. Oggi come allora i potenti della terra aderiscono alle più sparute sette occulte, si combattono tra loro talvolta apertamente talvolta spiritualmente, si potrebbe pensare ad un immenso teatro dei burattini e forse proprio di questo si tratta. Il nemico che perde non ha quasi mai l’onore delle armi bensì lo schiaffo finale della propaganda, non c’è dignità nella sconfitta e il perdente viene investito di tutte le demonizzazioni possibili immaginabili, basti pensare a qualche dittatore africano accusato di cannibalismo o a dittatori accusati di possedere armi di distruzione di massa inesistenti. L’importante è denigrare e sconfiggere perchè come diceva Joseph Gobbels (un maestro dell’arte della propaganda): ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità.

1.rasputin

Cosa c’entra questo discorso con Rasputin? Oh, c’entra eccome. Su questo singolare uomo se ne sono dette di tutti i colori nel corso dei decenni, sia quando era in vita che a maggior ragione dopo la sua morte. Rasputin è stato vittima e artefice al tempo stesso del suo potere e della sua personalità, era un uomo del suo tempo capace di cogliere le occasioni quando gli si presentavano, ma era anche un uomo pericoloso per i suoi poteri e le sue idee. Rasputin era di umilissime origini contadine, veniva dalla Siberia Occidentale e per una parte della sua vita aveva condotto la vita tipica di quelle parti: lavoro nei campi, devozione a Dio, un matrimonio e sette figli molti dei quali morti ancora in fasce. Tutto nella norma per la vita agricola di fine ‘800. Rasputin aveva una spiritualità molto più sviluppata degli altri, talvolta arrivava quasi al fanatismo, e riuscì anche a fare un pellegrinaggio al santuario del monte Athos in Grecia. Questo contadino siberiano sembrava avere particolari poteri taumaturgici (che comunque non gli permisero di salvare la vita a quattro dei suoi sette figli) e proprio per questo motivo entrò in contatto con la corte reale e con la Zarina Aleksandra Fedorovna Romanova.

Il 1905 è l’anno in cui Rasputin entrò a corte per seguire principalmente la malattia del principe ereditario affetto da emofilia. Già allora il suo ingresso nell’alta società russa venne visto con diffidenza da chi si cimentava nei giochi di potere ai danni dello Zar: alcuni lo accusarono di far parte della setta orgiastico-pagana Chlysty. L’unico dato certo è che in un qualche modo il principe ereditario stava meglio quando era seguito dal contadino siberiano rispetto a quando era seguito da medici… soprattutto perché i medici di corte curavano l’emofilia in maniera completamente errata! I presunti poteri di Rasputin lo portarono a diventare un fedele amico della famiglia dello Zar tanto da diventare un punto di riferimento per molti altri nobili. In breve Rasputin divenne un uomo di potere e sfruttò questa sua posizione per far pervenire le richieste di molti popolani ai nobili di competenza, riuscendo spesso ad accontentare la povera gente. Questo suo intrallazzare giorno e notte (spostando anche interessanti somme di denaro) non passava di certo osservato e in molti vedevano nella presenza del monaco una possibilità in più per dare una spallata alla traballante dinastia Romanov. La Russia di quegli anni era la Russia pre-rivoluzionaria scossa da tumulti sociali, da una modernizzazione che stentava a decollare e pronta a gettarsi nel baratro della Prima Guerra Mondiale… in molti desideravano il potere dello Zar e in altrettanti tramavano per deporlo. Rasputin faceva da cartina tornasole di questa delicata situazione: era oggetto costante di attacchi da parte di molti potenti, era accusato di intrattenere rapporti intimi con molte nobildonne, la polizia compilava fascicoli interi sulle sue attività orgiastiche e sul giro di soldi che gestiva. Più erano frequenti gli attacchi più la famiglia dello Zar si stringeva a difesa intorno al mistico. Molti giornali anti-zaristi sguazzavano nel propagandare notizie scandalose su Rasputin.

rasputin_1

Col tempo Rasputin non si limitò a consigliare la vita spirituale della famiglia reale, ma cominciò anche a dispensare consigli di carattere politico. Questo fu l’inizio della sua fine. Rasputin era terrorizzato all’idea che nel 1914 potesse scoppiare un conflitto tra le potenze europee e cercò di convincere lo Zar a non scontrarsi contro il Kaiser nella speranza che si trovasse una via diplomatica alle tensioni di quei mesi concitati. Ma il ministro della guerra riuscì a convincere lo Zar a dichiarare la mobilitazione totale trascinando la Russia nella Prima Guerra Mondiale. Rasputin non rimase a guardare e denunciò pubblicamente le collusioni tra molti ministri ed i trafficanti di armi. La situazione però era estremamente delicata. Mentre lo Zar era al fronte a gestire la guerra era la Zarina a dover gestire il governo e la politica e il suo consigliere Rasputin non era certo un uomo esperto in grado di gestire la complessità della situazione sociale russa. I consigli del mistico portarono ad un susseguirsi di crisi di governo che non fecero altro che peggiorare la situazione russa e un gruppo di nobili decise di porre fine alla sua vita.

prince_felix_yusupov_rian_00009208_b
Feliks Feliksovič Jusupov

Era il il 17 Dicembre del 1916. A casa del principe Yusupov (principale congiurato) si tenne una cena durante la quale Rasputin fu avvelenato col cianuro, il veleno però non sorbì l’effetto sperato e quindi i congiurati colpirono il mistico con ben tre colpi di pistola (l’ultimo alla fronte) e lo gettarono nel fiume Moika dal quale venne ripescato il suo cadavere il giorno successivo. La storia di Rasputin terminava in maniera tragica, ma la storia dell’aristocrazia russa (congiurata e non) e della famiglia dello Zar doveva terminare in maniera ancora più drammatica di lì a poco…

 

Lemuria Dixit: Libro di Mormon

 Vi siete mai chiesti cosa dice esattamente il libro sacro dei Mormoni?

joseph smith
Joseph Smith

1823, Joseph Smith, giovane ragazzo di Palmyra (stato di New York), riceve una rivelazione dall’angelo Moroni che gli comunica l’esistenza di antichi scritti di una civiltà sepolti in una collina nelle vicinanze della fattoria della sua famiglia. Joseph Smith illuminato da questa rivelazione ritrova le antiche tavole, scritte in “egiziano riformato” (lingua inesistente storicamente) e in soli 90 giorni riesce a tradurle. Per tradurre questa lingua sconosciuta Joseph Smith e i suoi primi adepti usano alcuni oggetti sacri di derivazione biblica: Urim e Tummin. Il risultato della traduzione sono 500 pagine in cui si narra la storia di due civiltà sconosciute e storicamente non riscontrate, per un lasso temporale di 2.600 anni.

1830, Joseph Smith pubblica il Libro di Mormon.

1838, Joseph Smith riconsegna a Moroni le mitiche tavole e dal quel momento non saranno mai più disponibili né consultabili.

Il libro così codificato e l’opera di proselitismo di Joseph Smith danno vita alla Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, più comunemente conosciuta come Chiesa Mormone. Il libro di Mormon narra quindi la storia di popolazioni che si sarebbero spostate dal Medio Oriente alle Americhe in epoche molto remote. Nel libro si distinguono due migrazioni: la prima ai tempi della costruzione della Torre di Babele (il che potrebbe essere intorno al 2.000 a.c. se la identifichiamo con la grandissima ziqqurat Etemenanki di Babilonia) e la seconda intorno al 600 a.c. nel periodo della cattività babilonese. Da queste migrazioni hanno origine due popoli: i Nefiti e i Lamaniti. I primi vivevano nella grazie di Dio e avrebbero trascritto i loro annali giunti poi a Joseph Smith, i secondi si sarebbero discostati dalla parola di Dio e sarebbero stati puniti con un inscurimento repentino della pelle diventando così i Nativi Americani.

Gesù Cristo dopo la resurrezione (34 d.c.) avrebbe trascorso tre giorni presso i Nefiti e i Lamaniti, riconciliando i due popoli che nel frattempo avevano dato vita ad una serie di guerre fratricide. Intorno al 421 d.c., con l’ennesima disputa, i Nefiti furono distrutti e in quel momento il profeta Mormon lasciò le famose tavole al figlio Moroni (non ancora angelo) il quale le avrebbe seppellite, su ordine di Dio, in attesa di tempi migliori. 

1852, il Libro di Mormon viene tradotto per la prima volta in Italiano da Lorenzo Snow.

Verità rivelata o fantastico viaggio mentale di Joseph Smith? 

temple-square-01
Tempio dei Mormoni – Salt Lake City – Utah

Lemuria Dixit: Nāga

Il mondo antico e della mitologia è popolato da creature misteriose e da interi popoli le cui caratteristiche psico-fisiche non sono assimilabili a quelle dell’umanità moderna. Intere leggende narrano di esseri dal corpo per metà umano e per metà di animale, di esseri in grado di mutare forma a piacimento, di razze antiche scomparse dopo intensi e drammatici eventi. Alcune di queste razze ritornano ciclicamente nei racconti umani, rinnovando la leggenda ed aggiornandola ai tempi nostri. Talvolta il mito non muore e perpetua i suoi frutti nei sotterranei del complottismo più ridicolo e talvolta negli alti piani dell’occultismo. Tra le creature più ricorrenti nella storia dell’uomo troviamo gli Uomini Serpente, una razza con caratteristiche semidivine che compare più volte nelle mitologie di popoli della terra distanti tra loro. Senza stare ad analizzare l’attuale dissertazione su Nuovi Ordini Mondiali, Uomini Rettile che governano il mondo e similari… volevo soffermarmi semplicemente sulla rappresentazione asiatica di questo antica e potente razza: i nāga.

I nāga sono creature che vivono in un misterioso, quanto ricco, regno sotterraneo. Hanno la capacità di assumere sia la piena forma umana che la piena forma serpentina e sono associati in genere all’acqua e a tutti gli eventi (positivi e negativi) ad essa correlati. Per accedere alle misteriose città dei nāga si dovrebbe cercare sul fondo dei laghi o dei fiumi più profondi. Sono esseri positivi tranne per coloro che danneggiano deliberatamente l’ambiente. In tutto il mondo asiatico compaiono quindi in associazione al concetto di fertilità, al ciclo di piogge che favorisce abbondanti raccolte, ma anche alle tremende alluvioni di alcuni grandi fiumi.

Burmese_Naga,_Galone,_and_Bilu
Creature mitiche in una rappresentazione Birmana, il primo a sinistra è un Nāga

I nāga talvolta si mischiano agli esseri umani e si riproducono con loro, si narra ad esempio che una principessa dei nāga si sposò con il primo re dell’antica Cambogia, dalla loro unione sarebbe nato il popolo cambogiano. Secondo questa leggenda questo popolo di serpenti abitava una vasta area dell’Oceano pacifico. Se analizziamo leggende similari dell’area asiatico-pacifica si giunge ad associare gli uomini serpente al mitico continente di Mu, un continente perduto nel più classico stile atlantideo. Ma di questo parleremo poi un’altra volta. In ogni caso su molti templi della regione sono rappresentati i nāga, vedasi le interessanti statue del tempio di Angkor Wat che rappresentano nāga a 7 teste (1 per ogni razza della loro società).

nagakanya5
Nāga Kanya

Un’altra leggenda, comune ai nāga e al continente perduto di Mu riguarda il segreto dell’elisir di lunga vita. La leggenda narra che questi mitici esseri rubarono una coppa di pura vita agli dei, mentre questi erano intenti a distribuirla alle creature del mondo. Le divinità recuperarono la coppa, ma una parte del suo contenuto cadde a terra. I nāga si misero a leccare il terreno per bere la pura vita e così facendo si tagliarono la lingua, che rimase per sempre biforcuta.

La visione tutto sommato pacifica, positiva e naturalistica, dei nāga contrasta enormemente con l’immagine quasi terrorizzante dei malvagi uomini serpente che vorrebbero controllare il mondo.