Il Grimorio di Odenwald #54

XXXII – EX UNDARUM BENEDICTIONE (La benedizione delle onde) Bonifacio VIII (1294 – 1303), nato ad Anagni col nome di Benedetto Caetani, nel suo stemma c’erano delle onde marine. Fu il primo Papa della storia a celebrare un “Anno santo” nel 1300.

E’ stato il 193° Papa ed il suo pontificato durò quasi nove anni.

Il suo papato fu estremamente attivo e denso di fatti storici rilevanti, per questo ci limitiamo a ricordarne solo alcuni. Per prima cosa annullò o sospese tutte le decisioni assunte dal suo predecessore Celestino V, riconoscendo valida soltanto la creazione dei dodici nuovi cardinali. Pur preferendo che la Sicilia finisse in mano agli Angioini non potè che seguire la volontà popolare che voleva come sovrano Federico d’Aragona, incoronandolo re a Palermo il 25 marzo 1296. Bonifacio VIII cercò di rilanciare l’idea teocratica come base del potere del papa, cercando di aumentare il proprio potere temporale, pur non riuscendo a realizzare concretamente le sue idee trovando spesso difficile trattare con i sovrani di Inghilterra e Francia. Anche sul piano interno il Papa dovette affrontare numerosi ostacoli, soprattutto trovandosi contrapposto alla potente famiglia romana dei Colonna, contrapposizione che più volte rischiò di portare ad uno scisma; Bonifacio VIII si rivelò implacabile nei loro confronti ed alla fine gli esponenti di spicco della famiglia dovettero riparare in Francia, presso i loro alleati. Tra gli atti del Papa va ricordato l’istituzione del primo Giubileo del 1300, il quale ebbe un grande successo dato che affluirono a Roma circa 300.000 pellegrini, un numero impressionante per l’epoca. Il Papa ebbe una parte importante nelle vicende politiche interne fiorentine, delle quali fece le spese anche Dante Alighieri, costretto all’esilio proprio per la sua appartenenza alla fazione avversa al Papa, il poeta si vendicherà poi con la penna ad imperitura memoria. Lo scontro col re di Francia, Filippo il Bello, portò il clero francese a muovere accuse molto pesanti nei confronti del Papa (aver fatto assassinare il suo predecessore Pietro da Morrone, già Papa Celestino V; negare l’immortalità dell’anima; aver autorizzato alcuni sacerdoti alla violazione del segreto confessionale; simonia; sodomia; eresia e molto ancora). L’8 Settembre 1303 due inviati del re di Francia, Guglielmo di Nogaret e Sciarra Colonna, entrati indisturbati in Anagni, riuscirono a catturare il papa, dopo un assalto al palazzo pontificio (il famoso “schiaffo di Anagni”), tenendolo in ostaggio per tre giorni. Bonifacio VIII rientrò a Roma il 25 settembre sotto la protezione degli Orsini. Aveva, però, perduto l’immagine del grande e potente Pontefice che si era illuso di essere ed era fiaccato anche nel fisico per le molte sofferenze dovute alla gotta e, soprattutto, alla calcolosi renale che lo affliggeva da anni. Pochi giorni dopo, l’11 Ottobre 1303 morì.

Durante il suo pontificato ha creato 15 cardinali nel corso di 5 concistori.

Il Grimorio di Odenwald #53

XXXI – EX EREMO CELSUS (Innalzato dall’eremo) Celestino V (1294), nato presumibilmente a Isernia col nome di Pietro Angelerio, detto Pietro da Morrone, visse quasi sempre in condizione di eremita ed asceta, con pochissimi contatti col mondo. Fu il sesto Papa della storia a rinunciare alla sua carica.

E’ stato il 192° Papa ed il suo pontificato durò appena tre mesi e mezzo.

Pietro da Morrone era conosciuto in tutta Europa per la sua vita ascetica e per la profonda religiosità, era rispettato in tutte le corti del continente, ma non aveva alcuna preparazione politica ed amministrativa. La sua elezione venne dopo due anni di Soglio vacante e fu una scelta dettata più dall’indecisione che da altro: si scelse una figura non politica proprio per rimandare a data da destinarsi le scelte politiche! La sua impreparazione però ebbe effetti negativi sull’amministrazione della Chiesa sin da subito e quindi fu egli stesso a maturare la decisione di rinunciare al ministero petrino, sentendosi non adeguato. Per evitare problematiche politiche il Papa che gli succedette (Bonifacio VIII) lo fece mettere sotto custodia, cosa che alla fine ne minò la salute, sino alla morte avvenuta nel 1296 a Fumone, in provincia di Frosinone.

Il Grimorio di Odenwald #52

Apocalisse 3,14-22

VII. Laodicèa

14 All’angelo della Chiesa di Laodicèa scrivi:

Così parla l’Amen, il Testimone fedele e verace, il Principio della creazione di Dio:

15 Conosco le tue opere: tu non sei né freddo né caldo. Magari tu fossi freddo o caldo!

16 Ma poiché sei tiepido, non sei cioè né freddo né caldo, sto per vomitarti dalla mia bocca.

17 Tu dici: “Sono ricco, mi sono arricchito; non ho bisogno di nulla”, ma non sai di essere un infelice, un miserabile, un povero, cieco e nudo.

18 Ti consiglio di comperare da me oro purificato dal fuoco per diventare ricco, vesti bianche per coprirti e nascondere la vergognosa tua nudità e collirio per ungerti gli occhi e ricuperare la vista.

19 Io tutti quelli che amo li rimprovero e li castigo. Mostrati dunque zelante e ravvediti.

20 Ecco, sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me.

21 Il vincitore lo farò sedere presso di me, sul mio trono, come io ho vinto e mi sono assiso presso il Padre mio sul suo trono.

22 Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese.

Il Grimorio di Odenwald #51

Levate le odi agli antichi Dei delle nostre tradizioni, rigettando la mistica straniera dei deserti del mondo e delle vette innevate. Ritorniamo nei boschi rifuggendo gli abbattitori di alberi, figli dell’uomo e dell’antropocentrismo, le bestie marchiate dello scientismo e la progenie infetta dell’ateismo. Danziamo intorno agli alberi ed alla natura, accarezziamo la vita del mondo che fu e preserviamo la vita del mondo che verrà.

Non tutti gli alberi furono abbattuti dai nemici dei antichi Dei, molto sono ancora intatti, fanno sentire la loro voce a coloro che sono in grado di ascoltare. Il marcio del mondo striscia sul cemento e parla linguaggi suadenti, ma tra queste fronde noi saremo al sicuro, protetti dalle nostre antiche arti.

Feconderemo col sangue la terra ai piedi degli antichi Dei e da essa nasceranno nuovi virgulti, pronti a levarsi al cielo in una preghiera alle altissime sfere celesti, danzando nella notte di Norimberga e nel mattino di Praga. Noi viviamo nonostante i morti.

Il Grimorio di Odenwald #50

XXX – PITUS INTER ESCAS (Il Picchio fra le esche) Niccolò IV (1288 – 1292), nato a Lisciano, vicino ad Ascoli Piceno, col nome di Girolamo Masci, fu il primo Pontefice appartenente all’Ordine francescano. Fu Cardinale Vescovo di Palestrina.

E’ stato il 191° Papa ed il suo pontificato durò poco più di quattro anni.

La sua elezione giunse dopo undici mesi di soglio vacante, inizialmente rifiutò la nomina, ma dovette cedere a seguito della seconda elezione. Fu lui a promulgare la Bolla pontificia “Coelestis altitudo” nel 1289, tramite la quale garantì ai cardinali la metà di tutte le entrate della sede di Roma, nonché una parte della gestione finanziaria, spianando la strada a quell’indipendenza del collegio dei cardinali che, nel secolo successivo, sarebbe tornata a sfavore del papato stesso. Per anni provò, senza riuscirvi, ad organizzare una Crociata per la riconquista della Terra Santa. Ebbe più fortuna nel organizzare Crociate contro le eresie del tempo e contro quei regnanti troppo “amici” dei pagani e dei musulmani, come Ladislao IV d’Ungheria, il quale venne assassinato, nel 1288, durante una guerra civile fomentata dal Papato. Fu molto attivo nel patrocinare artisti e nell’avviare grandi opere, come la costruzione del Duomo di Orvieto, la ristrutturazione delle basiliche di San Giovanni in Laterano e Santa Maria Maggiore.

Durante il suo pontificato ha creato 6 cardinali nel corso di 1 unico concistoro.

Il Grimorio di Odenwald #49

XXIX – EX ROSA LEONINA (Dalla rosa del leone) Onorio IV (1285 – 1287), nato a Roma col nome di Giacomo Savelli, il cui stemma di famiglia rappresentava appunto una rosa portata da due leoni. Studiò teologia a Parigi e fu rettore alla chiesa di Berton, nella diocesi di Norwich.

E’ stato il 190° Papa ed il suo pontificato durò quasi due anni.

Le relazione del Papato col Sacro Romano Impero erano decisamente migliorate con la caduta degli Hohenstaufen, per questo motivo il Papa mantenne una politica di vicinanza a Rodolfo I d’Asburgo il quale, dal canto suo, riconobbe ufficialmente l’autorità di Onorio IV su tutto il territorio pontificio. Invece la situazione in Sicilia, dopo la rivolta dei Vespri, era molto più complessa ed esplosiva, nonostante il Papa cercasse una pacificazione, pur continuando a sostenere le pretese della Casa d’Angiò sulla corona siciliana; ad ogni modo a fasi alterne si cercò ora la pace ora la guerra, la situazione siciliana si sarebbe normalizzata solo dopo il 1300 (nel 1302 con Papa Bonifacio VIII). Nel governo interno della Chiesa il 11 marzo 1286 Onorio condannò come eretici, con la bolla Olim felicis recordationis, i “Fratelli Apostolici”, una setta che predicava idee estremiste sulla povertà evangelica, fondata da Gherardo Segarelli a Parma nel 1260.

Durante il suo pontificato ha creato 1 cardinale nel corso di 1 unico concistoro.

Il Grimorio di Odenwald #47

Apocalisse 3,7-13

VI. Filadelfia

7 All’angelo della Chiesa di Filadelfia scrivi:

Così parla il Santo, il Verace,
Colui che ha la chiave di Davide:
quando egli apre nessuno chiude,
e quando chiude nessuno apre.

8 Conosco le tue opere. Ho aperto davanti a te una porta che nessuno può chiudere. Per quanto tu abbia poca forza, pure hai osservato la mia parola e non hai rinnegato il mio nome.

9 Ebbene, ti faccio dono di alcuni della sinagoga di satana – di quelli che si dicono Giudei, ma mentiscono perché non lo sono -: li farò venire perché si prostrino ai tuoi piedi e sappiano che io ti ho amato.

10 Poiché hai osservato con costanza la mia parola, anch’io ti preserverò nell’ora della tentazione che sta per venire sul mondo intero, per mettere alla prova gli abitanti della terra.

11 Verrò presto. Tieni saldo quello che hai, perché nessuno ti tolga la corona.

12 Il vincitore lo porrò come una colonna nel tempio del mio Dio e non ne uscirà mai più. Inciderò su di lui il nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio, della nuova Gerusalemme che discende dal cielo, da presso il mio Dio, insieme con il mio nome nuovo.

13 Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese.

Il Grimorio di Odenwald #46

Nel bosco hai sempre due possibilità tra cui scegliere, in base alla tua natura, in base al tuo modo di vivere e di percepire il mondo. Così nelle foreste… così nella vita…

Puoi scegliere la strada che gli altri hanno tracciato prima di te, percorrere quei passi sicuri, prevedibili, verso una meta certa e conosciuta. Ti devi fidare di coloro che ti hanno preceduto, devi confidare nelle loro buone intenzioni, nel loro senso dell’orientamento. Nel loro voler andare in posto utile. Ma utile per chi? Per te o per loro?

In alternativa puoi lasciare il sentiero e muoverti liberamente per il bosco. Scoprire posti nuovi, affrontare avventure e pericoli, ma scoprire anche luoghi mai visti prima. Ti devi affidare a te stesso ed alla natura. Tralasciando le false piste degli uomini. Devi sviluppare i tuoi sensi e vivere di percezione, riscoprendo la tua vera natura. Sei in grado di farlo? O preferisci seguire il sentiero?

Il Grimorio di Odenwald #45

XXVII – ROSA COMPOSITA (La rosa composta) Niccolò III (1277 – 1280), nato a Roma col nome di Giovanni Gaetano Orsini, nel suo stemma papale c’era una rosa rossa e pare fosso noto per la sua compostezza. Fu il primo Papa a risiedere stabilmente in Vaticano.

E’ stato il 188° Papa ed il suo pontificato durò due anni e otto mesi.

Come pontefice riuscì, nel 1278, a far riconoscere dall’imperatore (Rodolfo d’Asburgo) la sovranità della Chiesa sui propri territori. Tra l’altro il suo disegno geopolitico era di costituire in Italia tre soli grandi reami: uno del Sud con capitale Napoli, uno di Lombardia con capitale Milano e uno di Toscana con capitale Firenze. Mise ordine anche nel lungo conflitto che contrapponeva il Senato di Roma al Papato, riuscendo a prevalere sul primo ed imponendo che fosse vietata agli stranieri la possibilità di assumere incarichi civili. Il pontefice, infine, firmò la bolla Exiit qui seminat il 14 agosto 1279, per appianare la contesa interna ai Francescani tra la corrente degli Spirituali e il resto dell’Ordine (la “comunità”).

Durante il suo pontificato ha creato 9 cardinali nel corso di 1 unico concistoro.

Il Grimorio di Odenwald #44

XXVI – PISCATOR TUSCUS (Il pescatore etrusco) – Giovanni XXI (1276 – 1277), nato a Lisbona con nome di Pedro Julião, fu cardinale di Tuscolo, città etrusca nei pressi di Frascati. Ha la particolarità di essere l’unico pontefice ad essere apertamente lodato nella Divina Commedia (Paradiso, XII, 135) di Dante Alighieri.

E’ stato il 187° Papa ed il suo pontificato durò otto mesi esatti.

Pedro Julião prima di essere un ecclesiastico era anche un medico, questa cosa gli creò molti problemi nei rapporti con la curia, era infatti guardato dai più con sospetto, questo perchè la maggior parte dei prelati non erano abituati a trattare con un medico, filosofo e scienziato; pare che alcuni lo considerassero addirittura un mago ed un eretico. Il Papa dal canto suo non fece nulla per arginare queste dicerie, ma si comportò sempre con molta onestà intellettuale. In politica mantenne sempre delle posizioni neutrali cercando di non inimicarsi nessuno dei sovrani europei, nel tentativo di mantenere una pace duratura. La sua morte fu dovuta al crollo del soffitto di una camera dove risiedeva a Viterbo, fu quindi puramente accidentale. 

Il Grimorio di Odenwald #43

XXV – BONUS COMES (Il conte buono) – Adriano V (1276), nato a Genova col nome di Ottobono Fieschi, figlio di Teodoro Fieschi, conte di Lavagna. Suo zio era Innocenzo IV. Come porporato svolse incarichi diplomatici in Francia ed Inghilterra.

E’ stato il 186° Papa ed il suo pontificato durò un mese e sette giorni.

Venne volutamente eletto come Papa di transizione, essendo già gravemente malato e sofferente, in un momento di grave difficoltà interna del governo papale. Morì dopo poco più di un mese a Viterbo, dove si era ritirato per riposare… non era neppure stato incoronato. 

Il Grimorio di Odenwald #42

Apocalisse 3,1-6

V. Sardi

1 All’angelo della Chiesa di Sardi scrivi: Così parla Colui che possiede i sette spiriti di Dio e le sette stelle: Conosco le tue opere; ti si crede vivo e invece sei morto.

2 Svegliati e rinvigorisci ciò che rimane e sta per morire, perché non ho trovato le tue opere perfette davanti al mio Dio.

3 Ricorda dunque come hai accolto la parola, osservala e ravvediti, perché se non sarai vigilante, verrò come un ladro senza che tu sappia in quale ora io verrò da te.

4 Tuttavia a Sardi vi sono alcuni che non hanno macchiato le loro vesti; essi mi scorteranno in vesti bianche, perché ne sono degni.

5 Il vincitore sarà dunque vestito di bianche vesti, non cancellerò il suo nome dal libro della vita, ma lo riconoscerò davanti al Padre mio e davanti ai suoi angeli.

6 Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese.

Il Grimorio di Odenwald #41

L’animale gira nel bosco talvolta in solitaria talvolta in branco. Annusa l’aria, cerca tracce ed odori, va a caccia di cibo e di acqua. Procura nutrimento a se e ai suoi simili. Soddisfa bisogni primari, fondamentali al mantenimento della vita.

Non conosce il superfluo e l’inutile. Gode della bellezza del creato e non vi apporta modifiche devastanti, rispetta quello che ha intorno in modo istintivo, senza bisogno di insegnamenti, scuole, scioperi, dibattiti ed inutili trattati. Sa già tutto perchè fa parte del tutto. Non ha scordato le cose importanti.

L’uomo invece dimentica tutto! Non è più in grado di badare neppure ai propri bisogni primari, tutto preso dalla realizzazione del superfluo, del commerciale, del materiale, dell’anarchia edonistica moderna. L’uomo è spacciato, finito, anche se è ancora dominante. Il tempo non è mai galantuomo e presto o tardi i conti saranno da saldare. Forse già da domani…

Il Grimorio di Odenwald #40

XXIV – CONCIONATUR GALLUS (Il predicatore francese) – Innocenzo V (1276), nato a Champagny-en-Vanoise in Savoia col nome di Pierre de Tarentaise. Fu un luminare nell’università di Parigi, fu inoltre provinciale dell’Ordine dominicano.

E’ stato il 185° Papa ed il suo pontificato durò appena 5 mesi.

Proseguì l’opera del suo predecessore nel tentativo di creare i presupposti per una Crociata che liberasse la Terrasanta, ma morì all’improvviso prima di poter concretizzare i suoi propositi.

Il Grimorio di Odenwald #39

XXIII – ANGUINUS VIR (L’uomo serpentino) – Gregorio X (1271 – 1276), nato a Piacenza col nome di Tedaldo Visconti, venne eletto dopo la più lunga e difficile elezione papale della storia della Chiesa, durata ben 33 mesi!

E’ stato il 184° Papa ed il suo pontificato durò quattro anni e quattro mesi.

Sotto il suo pontificato si tenne il Secondo Concilio di Lione, nel tentativo di ristabilire l’unione con la Chiesa Ortodossa, inoltre promulgò una nuova costituzione apostolica (Ubi Periculum) contenente importanti norme per lo svolgimento del Conclave, in modo da renderlo più rapido e semplice. Fu molto amico di San Bonaventura e san Tommaso d’Aquino. Ebbe inoltre un importante incontro con la Marco Polo ed i suoi parenti a Gerusalemme poco dopo la propria elezione.

Durante il suo pontificato ha creato 7 cardinali nel corso di 2 distinti concistori.

Il Grimorio di Odenwald #38

XXII – DRACO DEPRESSUS (Il drago abbattuto) – Clemente IV (1265 – 1268), nato a Saint-Gilles-du-Gard, in Occitania, col nome di Guy Le Gros Foulquois. Nel suo stemma appare un drago nelle grinfie di un’aquila. Fu fidato consigliere di Luigi IX di Francia e di Papa Urbano IV.

E’ stato il 183° Papa ed il suo pontificato durò tre anni e nove mesi.

Il suo governo fu particolarmente onesto ed avverso alle pratiche di corruzione e nepostismo, fu colui che mise le basi per la creazione della fiscalità pontificia. In termini di politica il suo primo atto  fu la scomunica di Manfredi. Inoltre portò a termine le trattative, iniziate dal suo predecessore con Carlo I d’Angiò, per favorire la discesa in campo delle armi francesi contro gli Svevi, e insediare il sovrano angioino sul trono di Sicilia. Nel 1266 infatti Carlo I sconfisse e uccise Manfredi nella Battaglia di Benevento proprio grazia agli aiuti papali. Creò, grazie ai suoi rapporti con la corona francese, i presupposti per l’Ottava Crociata, rivolta contro i musulmani del Nord Africa.

Durante il suo pontificato non creò cardinali.

Il Grimorio di Odenwald #37

Apocalisse 2,18-29

IV. Tiàtira

18 All’angelo della Chiesa di Tiàtira scrivi:

Così parla il Figlio di Dio, Colui che ha gli occhi fiammeggianti come fuoco e i piedi simili a bronzo splendente.

19 Conosco le tue opere, la carità, la fede, il servizio e la costanza e so che le tue ultime opere sono migliori delle prime.

20 Ma ho da rimproverarti che lasci fare a Iezabèle, la donna che si spaccia per profetessa e insegna e seduce i miei servi inducendoli a darsi alla fornicazione e a mangiare carni immolate agli idoli.

21 Io le ho dato tempo per ravvedersi, ma essa non si vuol ravvedere dalla sua dissolutezza.

22 Ebbene, io getterò lei in un letto di dolore e coloro che commettono adulterio con lei in una grande tribolazione, se non si ravvederanno dalle opere che ha loro insegnato.

23 Colpirò a morte i suoi figli e tutte le Chiese sapranno che io sono Colui che scruta gli affetti e i pensieri degli uomini, e darò a ciascuno di voi secondo le proprie opere.

24 A voi di Tiàtira invece che non seguite questa dottrina, che non avete conosciuto le profondità di satana – come le chiamano – non imporrò altri pesi;

25 ma quello che possedete tenetelo saldo fino al mio ritorno.

26 Al vincitore che persevera sino alla fine nelle mie opere,

darò autorità sopra le nazioni;

27 le pascolerà con bastone di ferro
e le frantumerà come vasi di terracotta,

28 con la stessa autorità che a me fu data dal Padre mio e darò a lui la stella del mattino.

29 Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese.

Il Grimorio di Odenwald #36

Hai amato le notti silenziose, trascorse ad ascoltare i torrenti e gli animali, sperduto nelle vallate della tua infanzia? Hai carpito i segreti del bosco e dei suoi abitanti? Hai riflettuto sulla vacuità della vita moderna? Si.

In fondo lo sai da sempre, le strade che portano alla vita vera viaggiano lontano dal cemento, si inerpicano su impervie colline dritto sino alle montagne più alte. Esulano dagli altri uomini e ti portano all’isolamento più totale.

Ed è lì, immerso nei profumi della natura, circondato dal muschio, che ti devi chiedere: sono pronto a questo grado di solitudine? Sono pronto a diventare ciò a cui ero destinato?

Il Grimorio di Odenwald #35

XXI – HIERUSALEM CAMPANIAE (Gerusalemme di Champagne) – Urbano IV (1261 – 1264), nato a Troyes nella regione dello Champagne-Ardenne (Francia) col nome di Jacques Pantaléon. Studiò teologia a Parigi.

E’ stato il 182° Papa ed il suo pontificato durò tre anni.

Eletto a sorpresa non riuscì mai a fissare la sede pontificia a Roma, restando a vivere tra Viterbo ed Orvieto. Proseguì la politica anti-imperiale dei suoi predecessori, avvicinando il Papato al Regno di Francia. Morì prematuramente a causa di un malore, mentre attendeva l’arrivo degli aiuti militari francesi. Prima di morire istituì la solennità religiosa del Corpus Domini.

Durante il suo pontificato ha creato 14 cardinali nel corso di 2 distinti concistori.