Film: L’ultimo re di Scozia (2006, Kevin MacDonald)

Tra tutti i continenti della terra l’Africa è quello più stravagante e con le maggiori contraddizioni, alterna paesaggi diversissimi tra loro e ospita una moltitudine di etnie quasi sempre in conflitto tra loro. E’ un continente rimasto fermo ad un’epoca per noi lontana e la modernità lo ha sfiorato solo in superficie, ma senza intaccarne il cuore e l’anima più profonda. Ricchezza, povertà, malattie, risorse, potere e guerra. Quale paese africano non conosce queste sei parole? Quale paese africano può vantare una storia lineare e pacifica, libera dalle ingerenze occidentali? Nessuno.

Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale i paesi vincitori scoprirono con disappunto che le loro colonie desiderano affrancarsi dai propri dominatori; per paesi come Francia, Gran Bretagna e Portogallo fu un vero colpo. Eppure era prevedibile un epilogo del genere, dopo che si era concessa e sbandierata una certa autonomia alle ex colonie delle potenze dell’Asse. Erano i primi anni ’50 e tutti desideravano la libertà, mentre gli Europei si scervellavano per trovare il modo di mantenere inalterate le loro influenze sul continente africano (ma anche su quello asiatico). Caos, dittature, colpi di stato frequenti, sete di potere e di ricchezze: queste le armi migliori da utilizzare contro le popolazioni africane. Fu così che il processo di indipendenza dei paesi africani fu seguito spesso da tremendi anni di guerre e dittature militari, fomentate e lautamente finanziate dagli ex colonizzatori. Era facile sfruttare le divisioni interne di interi paesi creati a tavolino, ma ancora radicati nelle differenze tribali. Troppo facile. Però ci si accorse presto di un problema non indifferente legato ai dittatori africani: sfuggivano in fretta dal controllo europeo, uscivano in modo inaccettabile dagli schemi andando a colpire l’opinione pubblica mondiale con azioni efferatissime fatte alla luce del sole. I dittatori africani non erano come gli altri dittatori.

E’ in questo contesto che si inserisce la vicenda di Idi Amin Dada, dittatore dell’Uganda tra il 1971 e il 1979. L’Uganda era un paese giovane, indipendente dal 1962, governato in maniera dittatoriale da Milton Obote e influenzato pesantemente dalla Gran Bretagna. Proprio quest’ultima, insieme ad Israele, finanziò il colpo di stato di Amin. Questa scelta si rivelò presto infelice e in parte si ritorse contro questi finanziatori occidentali.

E’ qui che comincia questo film, nell’Uganda del 1971, dove un giovane medico scozzese giunge desideroso di portare aiuto alle povere popolazioni locali. Un incontro fortuito con Amin lo porterà ben presto da un’ospedale sperduto al palazzo presidenziale di Kampala, qui diventerà medico personale e consigliere del dittatore. All’inizio tutto sembra andare bene e il rapporto con Amin è costellato da soddisfazioni e divertimenti, da ricchezza materiale e professionale. Poi però qualcosa cambia: il dittatore comincia a far vedere il suo vero volto autoritario e paranoico e le atrocità dell’Uganda cominciano a venire a galla.

Forest Whitaker interpreta Amin in modo magistrale, arrivando giustamente a vincere l’oscar 2007 come miglior attore protagonista. Tutta la storia ruota intorno alla sua figura paranoica e al rapporto con questo giovane dottore scozzese. In realtà la storia, tratta da un romanzo di Foden, prende liberamente ispirazione da un personaggio realmente esistito: Bob Astles a lungo collaboratore e amico del dittatore ugandese, tanto da venire accusato in Gran Bretagna di aver avuto una parte più o meno attiva nelle nefandezze del regime.

Il film ha un buon ritmo e tiene letteralmente incollati e coinvolti davanti allo schermo senza mai annoiare o apparire retorico. Permette di conoscere più da vicino un personaggio di cui difficilmente si sente parlare nella vita di tutti i giorni e del quale non si studia nulla nelle nostre scuole, così come non si studia nulla di tutte le porcate occidentali del periodo della “decolonizzazione”. La storia di Amin non è solo la storia dell’Uganda, ma è la storia dell’Africa di ieri e di oggi, basti pensare al recente colpo di stato nel Mali.

Annunci

Film: Un anno vissuto pericolosamente (1982, Peter Weir)

Quando pensiamo al processo di de-colonizzazione successivo alla Seconda Guerra Mondiale in genere il nostro immaginario ci porta a confrontarci con i paesi dell’Africa e con le loro vicende storiche. Questo probabilmente per la (relativa) vicinanza geografica che li rende più analizzati e più trattati rispetto ai paesi dell’Asia e dell’Oceania. Certo tutti conosciamo il processo dell’indipendenza dell’India mediata in parte da Gandhi, ma poi siamo in grado di fare pochi altri nomi che al pari suo hanno contribuito a questo processo… e quanti sanno poi come si è originato il Pakistan e qualche anno dopo il Bangladesh? Allo stesso modo tutti hanno sentito parlare del Vietnam a causa della grande guerra che coinvolse gli Americani, ma pochi ricordano la guerra d’Indocina combattuta dai Francesi dieci anni prima quando erano ancora i padroni coloniali dell’area. Ci sono poi nazioni delle quali ogni tanto sentiamo dire qualcosa in televisione, ma solo quando avviene una tragedia di qualche tipo: Birmania, Malesia, Indonesia e Filippine… solo per citarne alcune.

INDONESIA. Un paese da 255 milioni di persone, il quarto in classica per numero di abitanti. Costituito da più di 17.000 isole distribuite tra Asia ed Oceania. Conosciuta dal 1602 al 1949 come Indie Orientali Olandesi. Durante la Seconda Guerra Mondiale venne occupato militarmente dal Giappone e, come in tutte le colonie europee dell’area, le autorità del Sol Levante finanziarono i movimenti indipendentisti anti-europei. L’idea imperiale del Giappone era quella di creare una grande area asiatica di paesi formalmente indipendenti, ma sotto il suo stretto controllo, lontani dalle mire economiche degli Europei che per troppi secoli avevano spadroneggiato in quell’area. A capo di un primo governo provvisorio i Giapponesi misero l’indipendentista Sukarno. Dopo la sconfitta giapponese l’Indonesia si dichiarò indipendente il 17 Agosto 1945, ma ci vollero più di quattro anni di guerra per ottenere la reale indipendenza dall’Olanda. Dopo l’indipendenza il paese finì nel vortice della Guerra Fredda, sballottato tra gli interessi della Nato e quelli dei Comunisti. E il presidente Sukarno sembrava essere un bravo equilibrista in questo sanguinoso gioco delle grandi potenze.

yearofliving1

Siamo nel 1965 e qui inizia il nostro film. Un  giornalista australiano (interpretato da un giovanissimo Mel Gibson) arriva a Giacarta in sostituzione di un collega. Per lui si tratta di una grandissima occasione per fare carriera in quello che in quel momento è il “teatro asiatico più caldo”, mentre i problemi di Saigon sembrano ancora lontani dall’esplodere. Il mondo con cui entra in contatto è fatto di enormi contraddizioni: da un lato c’è l’enorme povertà della popolazione e dall’altro ci sono gli uomini di stato venerati quasi come divinità per la loro capacità di tenere lontani gli occidentali rapaci ormai rappresentati dagli Inglesi e dagli Americani. Il paese è comunque in fermento a causa delle manovre del partito comunista che va riscuotendo un successo crescente e che sembra mirare ad un colpo di stato in chiave anti-occidentale. Sukarno traballa, ma sembra sicuro di se. Il giovane giornalista conosce un fotografo ben inserito nel mondo indonesiano e che lo aiuterà a realizzare molti servizi di successo, questo piccolo uomo (interpretato dall’attrice Linda Hunt, che per questa parte vinse il Premio Oscar) per metà australiano e per metà cinese vive tutte le contraddizioni di un mondo a metà tra le tradizioni asiatiche e sentimenti tipicamente occidentali. Tra i due collaboratori nascerà un contrasto dovuto all’ambizione del primo destinata a scontrarsi con la disperata poetica sofferente del secondo. Il tutto nella Giacarta degli ultimi mesi di governo di Sukarno…. destinato ad essere destituito da un colpo di stato finanziato dalla CIA col quale salirà al potere Suharto. Nell’umido e disperato panorama indonesiano ci sarà posto anche per una sofferta storia d’amore tra il giornalista australiano e una dipendente dell’ambasciata britannica (interpretata da Sigourney Weaver), ma anche questo rapporto rischierà di essere minato dall’ambizione di lui.

dee758de_231515191_640

Il tradimento della fiducia degli amici e dell’amata da parte del giornalista (che pur riuscirà a riscattarsi) procederà in parallelo col tradimento della fiducia del suo popolo affamato da parte di Sukarno (che invece non riuscirà a salvare il suo ruolo di potere).

Film: Indocina (1992, Régis Wargnier)

Nella storia del colonialismo europeo si può osservare uno strano fenomeno, ogni paese colonizzatore ha mantenuto nel suo immaginario collettivo un legame “sentimentale” con almeno una delle sue ex colonie, non riuscendo quasi a superare l’ idea che le due entità statali ormai siano separate e che i loro destini siano indipendenti gli uni dagli altri. Resta una forte traccia quasi romantica che a livello culturale trova sfogo spesso e volentieri nella produzione di film storici in costume, ma anche di film ambientati ai giorni nostri. Prendendo per esempio l’ Inghilterra risulta evidente ancora oggi il forte legame passionale con l’ India… se pensiamo all’Italia come non pensare subito all’Eritrea, oppure all’Angola per il Portogallo, sino ad arrivare alla Francia e alle sue tormentate storie con l’ Algeria e l’ Indocina francese (oggi Laos, Vietnam e Cambogia).

catherine-deneuve-indochine
Catherine Deneuve e Linh Đan Phạm, le due protagoniste femminili

Indocina, film ovviamente francese, si svolge appunto nell’omonima colonia tra gli anni ’20 e gli anni ’50, ripercorrendo così gli ultimi anni di dominio coloniale prima della divisione della nascita dei due Vietnam. In realtà il contesto storico fa da sfondo a due storie d’amore molto diverse tra loro, accomunate da una disperazione di fondo e dall’impossibilità di giungere ad una conclusione felice… un pò come la storia d’amore tra la Francia e l’ Indocina.

Due cose colpiscono del film. La prima è l’ impatto visivo dell’Indocina che appare sempre come un mondo incantato, con paesaggi di una bellezza commovente. La seconda è l’immagine impotente e sempre in balia della corrente che si respira intorno alla Francia ed ai suoi coloni… quasi che fosse l’Indocina ad aver colonizzato e dominato la Francia e non viceversa.

Assolutamente da vedere.

Vincent Perez Indocina
INDOCHINE, Vincent Perez, 1992. ©Sony Pictures Classics

“Forse la giovinezza non è altro che credere che il mondo sia fatto di cose inseparabili: gli uomini e le donne, le montagne e le pianure, gli esseri umani e gli dèi, l’Indocina e la Francia.”