Dal Mondo: Renato Pozzetto e la Dakar 1987

Pochi giorni fa (14 Luglio) è stato il compleanno di Renato Pozzetto, l’attore milanese ha raggiunto la soglia degli 80 anni. Tutti lo conoscono per i suoi film, per la sua comicità innata e per la mimica unica nel suo genere. Quello che invece quasi nessuno sa è che il “ragazzo di campagna” è stato anche un pilota automobilistico dilettante: colse tra l’altro la vittoria vittoria di classe al Giro automobilistico d’Italia del 1978, alternandosi al volante di una Fiat Ritmo con Riccardo Patrese.

Ma la sua impresa più interessante, la più suggestiva, fu la partecipazione al famosissimo rally Parigi-Dakar del 1987. Il prestigioso rally, che negli ultimi 11 anni si corre in America Meridionale, vide Renato Pozzetto disputare le 18 tappe (oltre 8.000 km) nella categoria camion insieme al pilota Giacomo Vismara (vincitore dell’edizione 1986 nella medesima categoria). Il duo si classificò al quinto posto al termine della competizione con un tempo di 98h10m49.

Non male per il “ragazzo di campagna”…

Dal Mondo: Ricordando John Belushi

JOHN BELUSHI

(24 Gennaio 1949 – 5 Marzo 1982)

I miei personaggi dicono che va bene essere incasinati. La gente non deve necessariamente essere perfetta. Non deve essere intelligentissima. Non deve seguire le regole. Può divertirsi. La maggior parte dei film di oggi fa sentire la gente inadeguata. Io no.

Dal mondo: Morire per la terra piatta

Di cose strane al mondo ne succedono tutti i giorni, ma questa proprio mi mancava. Da bambino leggevo “Dalla Terra alla Luna” di Verne e come tutti sognavo quel viaggio fantastico; la storia e la tecnologia hanno poi fatto il loro corso permettendo all’uomo di raggiungere il nostro satellite. Mentre il mondo andava avanti qualcuno ha pensato bene di tornare indietro e di rimettere in discussione quello che ormai davamo per scontato. Ed ecco tornare tra noi i “terrapiattisti“. Per carità loro credono che la terra sia piatta, nella terra di Agarthi crediamo che sia cava… quindi nessun giudizio in merito a questo modo di vedere le cose.

Quello che mi lascia perplesso è che uno di questi “terrapiattisti” ha costruito un razzo artigianale, a vapore,  e che questo mezzo doveva essere lanciato mediante una rampa posta su un camion nel giardino della sua abitazione. Lo scopo? Raggiungere i 1.500 metri di altezza e fotografare in maniera inequivocabile la “piattezza” del nostro pianeta. 

Protagonista di questa impresa è stato il 64enne, ex stuntman, “Mad” Mike Hughes. Il problema è che il volo non ha avuto l’esito previsto. Poco dopo il lancio del razzo è avvenuta l’improvvisa apertura del paracadute che si sarebbe dovuto aprire in fase di rientro, questo ha portato il razzo a precipitare immediatamente al suolo. Per l’uomo non c’è stato nulla da fare. L’incidente è avvenuto in California il 22 Febbraio.

Dal Mondo: Pulite l’Everest!

L’uomo del 2000 è una costante fonte di inquinamento: sporca, rovina e imbratta ogni luogo in cui mette piede. Ogni essere umano produce almeno un sacco di rifiuti, di diverso tipo, al giorno. Imballaggi, scatole, bottiglie, carte, fogli, rifiuti organici, ecc… . Sembra una situazione senza via d’uscita. Il mondo moderno è così pieno di rifiuti che siamo arrivati al punto di averli trasformati in arte. I muri sporcati dalle scritte sono arte, le strade sporche delle nostre città saranno presto arte, gli escrementi in barattolo sono arte, intere cacofonie sono giudicate arte. No, non c’è via d’uscita.

Eppure si potrebbe pensare che da qualche parte esistano ancora posti incontaminati, talmente inaccessibili da tenere lontana la mano sporca dell’uomo. Giungle, montagne, oceani e deserti. Illusioni… sono tutte illusioni. Lo sapete che sul monte Everest, la vetta più alta del nostro pianeta (8.848 metri sul livello del mare) ci sono 35.000 chili di rifiuti prodotti dall’uomo? No, non è uno scherzo. E per fortuna si tratta di un luogo difficile da raggiungere, spesso fatale per chi tenta la salita (11 decessi nel solo 2019).

Everest Mountain Peak – the top of the world (8848 m)

Gli alpinisti che salgono in vetta producono, come tutti, dei rifiuti (tende da campo, lattine, cibo, bombole di gas, vestiti, oggetti di plastica, ecc…), ma quel che è peggio è che a quelle altezze diventa quasi impossibile raccoglierli, portarseli dietro o riportarli a valle. Paradossalmente può diventare una questione di vita o di morte. A tal proposito il governo del Nepal ha deciso di intervenire in maniera decisa, creando delle squadre di netturbini (presi dall’esercito) da spedire sulla cima per ripulire completamente questo scempio. La scelta di utilizzare i militari a suscitato diverse polemiche: in molti sostengono che i militari non siano in grado di arrivare in cima alla montagna, al contrario degli sherpa, e per questo la pulizia potrebbe avvenire solo ai livelli più bassi dell’Everest.

Come sia, e comunque andrà a finire, viviamo in mondo assurdo.

Dal Mondo: Super Bowl 54

Domenica sera gli Stati Uniti si fermeranno per l’evento sportivo dell’anno: il Super Bowl, la finale del campionato di Football Americano che quest’anno vede la sua edizione numero 54. A sfidarsi in campo ci saranno i San Francisco 49ers (squadra in cui hanno militato campioni del calibro di Joe Montana e Jerry Rice) e i Kansas City Chiefs (squadra dell’astro nascente Patrick Mahomes).

Nel palmares complessivo i 49ers hanno vinto il titolo già 5 volte (su 6 apparizioni), e i Chiefs solo 1 volta (su 2 apparizioni, giocarono il primo SB della storia perdendo contro Green Bay nel 1967 e vinsero in SB 4 nel 1970).

Quest’anno il costo degli spazi pubblicitari ha raggiunto il costo di $ 5.600.000 per appena 30 secondi ($ 186.600 al secondo, contro i $ 167.000 dello scorso Super Bowl).

Appuntamento con la partita domenica notte ore 00.00 italiane sul canale 20.

Dal Mondo: lo stupratore di Manchester

Due lauree già conseguite presso l’università di Manchester e un dottorato in corso presso l’università di Leeds. Uno studente modello.

Manchester

Accusato di 159 reati di tipo sessuale. Di questi 136 stupri ai danni di uomini adescati in alcuni gay bar, gli atti si sarebbero consumati dopo che le vittime erano state narcotizzate. Si stima che le vittime potrebbero essere addirittura 200.

Quattro processi a suo carico, per ora, ed è stato condannato in questi giorni al suo secondo ergastolo.

Fino a questa seconda sentenza l’identità del criminale noto come lo “stupratore di Manchester” era rimasta avvolta nel mistero per volontà delle autorità britanniche. Ora invece è stata resa nota la sua identità. Si tratta di un 37enne di origini indonesiane, Reynhard Sinaga, definito dalle autorità “pericoloso, profondamente disturbato e privo di qualsiasi senso della realtà”.

Ritratto processuale

Si tratta ad oggi dello stupratore seriale più prolifico della storia legale britannica.

Altro che studente modello…

Dal mondo: Sinead vs Prince

Prince

Essendo nato negli anni ’80 sono cresciuto con canzoni come Purple Rain e Nothing Compares 2 You. Queste due canzoni hanno in comune il loro autore Prince, pseudonimo di Prince Rogers Nelson deceduto il 21 Aprile 2016. Nothing Compares 2 You (1985) non fu un grande successo di Prince, ma venne reinterpretata con successo da Sinead O’Connor quattro anni dopo. Fin qui nulla di strano per quello che riguarda il panorama musicale.

Bene, qualche giorno fa la tormentata Sinead (che nel frattempo si convertita all’Islam l’anno scorso) durante un intervista ha raccontato un episodio poco edificante avvenuto nel suo unico incontro con Prince. Sinead ha raccontato di un Prince particolarmente strafatto che l’avrebbe aggredita con un cuscino contenente qualcosa di pesante, costringendola a fuggire per tutta casa.

Sinead O’Connor

La cantante si sarebbe poi messa in salvo raggiungendo la propria macchina, scappando lungo l’autostrada di Malibù… inseguita da Prince per parecchi chilometri. Tra sputi e tentate cuscinate violente la O’Connor ha raccontato uno spettacolo degno della serie animata Celebrity Deathmatch.

Dal Mondo: novità per le donne dell’Arabia Saudita

Pare che il progresso sia inarrestabile anche in Arabia Saudita! Dopo che è stato concesso alle donne di poter assistere alle partite di calcio maschili pare che verrà concesso loro anche il diritto di poter viaggiare senza la supervisione di un uomo della famiglia. La possibile riforma sembra nascere più da esigenze economiche (attirare nuovi investitori occidentali) che fa una reale apertura nei confronti delle donne e in molti restano scettici sulla reale portata di provvedimenti come questo.

L’Arabia Saudita è da sempre uno degli attori più complessi e controversi dell’intera penisola arabica, alleata degli Stati Uniti e finanziatrice del terrorismo, conduce una politica di ingerenza politica ed economica verso gli altri paesi dell’area, basti pensare alle guerre in Iraq, Siria e Yemen, nonché alla grande rivalità (in primis religiosa) con l’Iran.

Giusto un anno fa alle donne è stato concesso anche il diritto di guidare. Non male per un paese in cui la schiavitù è ancora praticata alla luce del sole. In questo, almeno, non si può tacciare l’Arabia Saudita di ipocrisia.

Dal Mondo: il cane clonato della Streisand

100.000 dollari. Questa la cifra spesa da Barbra Streisand per la clonazione della sua cagnolina scomparsa nel 2017. Il cane di nome Samantha e di razza Coton de Tuléar (una razza originaria del Madagascar) aveva subito un prelievo di DNA quando era ancora in vita. Da questa operazione sono nati due cani, identici alla progenitrice, chiamati Miss Scarlet e Miss Violet… che ora fanno compagnia alla Streisand insieme a Fanny, cugina di Samantha e anche lei identica alla compianta.

L’operazione chiaramente ha suscitato pareri discordanti. Di sicuro non un’operazione fattibile per la gente comune, chi di noi potrebbe mai permettersi di investirebbe 7 anni di lavoro per clonare l’amato compagno a quattro zampe?


Chissà cosa ne avrebbe pensato la pecora Dolly…

Dal Mondo: Imperatore Naruhito

Il 1 Maggio 2019 è salito al Trono del Crisantemo il nuovo Imperatore del Giappone: Naruhito. Questo a seguito dell’abdicazione del padre Akihito, il primo Imperatore a lasciare il trono negli ultimi duecento anni.

Con la sua salita al trono ha inizio l’Era Reiwa (armonia e fortuna). Al di là del nome la sua salita al trono, fortemente caldeggiata dal governo giapponese dovrebbe comportare una maggiore attività, anche militare, in politica internazionale. Il Giappone da anni chiede di potersi riarmare a pieno per poter fronteggiare il crescente potere della Cina, antica e mai realmente pacificata rivale.

La nuova Imperatrice Consorte è Masako e la coppia ha una figlia di 17 anni, la Principessa Aiko.

Il giorno dell’Incoronazione

Dal Mondo: Super Bowl 53

Domenica sera gli Stati Uniti si fermeranno per l’evento sportivo dell’anno: il Super Bowl, la finale del campionato di Football Americano che quest’anno vede la sua edizione numero 53. A sfidarsi in campo ci saranno i New England Patriots (squadra di Boston e in finale in ben 4 delle ultime 5 edizioni, condite con due vittorie) e i Los Angeles Rams (squadra che nella sua storia è avuto base prima a Cleveland, poi a Los Angeles, poi a St. Louis ed ora di nuovo nella città degli angeli).

Nel palmares complessivo i Patriots hanno vinto il titolo già 5 volte e i Rams solo 1 volta (nel 2000 e proprio ad Atlanta, sede della finale 2019).

NFL: Los Angeles Rams at New England Patriots
Los Angeles Rams vs New England Patriots

I biglietti per assistere dal vivo alla partita hanno prezzi esorbitanti (dai $ 2.800 in su, ma se si vuole assistere la partita da un posizione discreta bisogna pagare dai $ 6.000 in poi). Costo esorbitante anche per gli spazi pubblicitari che possono superare i $ 5.000.000 per appena 30 secondi… $ 167.000 al secondo…

Appuntamento con la partita domenica notte ore 00.20 italiane su Rai 2…

Dal Mondo: 4,8 milioni di retweet

Viviamo nel più Warholiano dei mondi possibili, poco importa se si tratti del migliore o del peggiore perchè come sempre l’importante è esserci ed esserne protagonisti. Anche solo per 15 minuti o per 15 ore o per 15 giorni o per 15 secondi. Nella smorfia napoletana il numero 15 rappresenta O’Guaglione (il ragazzo) e simboleggia la nostra volontà e le nostre ambizioni… manco a farlo apposta, si vede che Warhol se ne intendeva. Tutti sono connessi, iper-connessi, ultra-connessi a qualsiasi ora del giorno e della notte, rimpallandosi ogni singola virgola che viene condivisa sul web. E da questo oceano infinito di possibilità (e spesso di stupidità) nascono alcune delle più grandi litanie del nostro tempo: dalle fake-news ai poteri occulti che influenzano le masse elettorali tramite Facebook. Tutto bello. Bellissimo.

6aaba9a124857622930ca4e50f5afed2
Tutto bello. Bellissimo. O forse no.

I bambini sono già avanti anni luce rispetto a noi adulti e sanno già maneggiare con disinvoltura gli strumenti che a noi talvolta sembrano di difficile comprensione. Vi siete mai chiesti ad esempio se il vostro telefono sia in grado di fare le telefonate oltre a prepararvi la colazione la mattina? Ma possiamo stare tranquilli perché i pediatri britannici hanno appena dichiarato che l’uso degli smartphone e dei tablet non nuoce alla salute dei bambini. Possiamo stare tranquilli. Non sereni, ma tranquilli.

Ad ogni modo qualche giorno fa la storia di internet ha raggiunto un nuovo interessante record: il tweet più rilanciato della storia! Qualcosa come oltre 4,8 milioni di persone hanno ritwittato un tweet (tra un poco mi incarto) di un miliardario giapponese, Yusaku Maezawa, il quale promette di donare 100 milioni di yen, circa un milione di dollari, a cento persone scelte in modo casuale attraverso il social Twitter. Ovviamente il tutto per festeggiare l’anno nuovo e per festeggiare il record di vendite della catena di abbigliamento (Zozotown) di questo miliardario nipponico. Il signor Maezawa si è anche comprato tutti i biglietti per un viaggio spaziale di una settimana intorno alla luna (programmato per il 2023) nel quale viaggerà insieme a degli artisti. 

n-maezawa-a-20190108-870x550
Yusaku Maezawa

Mad World… come cantavano i Tears for Fears nel 1983…

Dal Mondo: Diana Spencer e pure Stuart

2625de92972a1cad1389d1171073e4beLa compianta Lady Diana Spencer, Principessa del Galles e madre del futuro Re d’Inghilterra, era discendente di una nobile ed importante famiglia… gli Spencer per l’appunto.  La bella “principessa triste” però non era solo madre di Re, ma anche discendente di Re.

Forse in pochi sanno che Lady D aveva tra i suoi antenati ben due Re d’Inghilterra: Giacomo II Stuart e Carlo II Stuart, sovrani del periodo successivo alla Guerra Civile Inglese (1642 – 1651)

Ma non solo… tra i suoi antenati ci sarebbero anche Mary Stuart e Maria Bolena (sorella della più famosa Anna).

La vita è lunga e fa molti giri, ma alcune strade girano sempre intorno al trono. 

Dal Mondo: Hong Kong-Zhuhai-Macao

La Cina ha appena inaugurato il ponte più lungo del mondo! Ben 55 km che attraversano il delta del Fiume delle Perle, collegando di fatto Hong Kong alla terraferma e a Macao (l’ex dipendenza coloniale portoghese in terra cinese). La mastodontica opera è costata “appena” 20 miliardi (non milioni) di dollari ed ha richiesto 9 anni di lavori.

Ma le meraviglie non finiscono qui. Essendo il delta del Fiume delle Perle estremamente trafficato, dal punto di vista navale, si è resa necessaria la costruzione di un tunnel di quasi 7 km che sbocca/imbocca su due isole artificiali di 100.000 mq. Pare inoltre che il ponte sia all’avanguardia anche nella progettazione antisismica e che sia in grado di reggere terremoti di magnitudo 8.

Hong Kong-Zhuhai-Macao
Veduta aerea del ponte

Ovviamente un’opera del genere ha attirato anche diverse critiche, sopratutto per il suo forte impatto ambientale sulla fauna ittica e non. E non sono mancate neppure le polemiche politiche da chi a Hong Kong si sente minacciato da un sempre maggiore controllo cinese a chi ritiene che il ponte non fosse un’opera di primaria importanza per l’economia della zona. Solo il futuro ci dirà dove stava di casa la verità.

Hong Kong-Zhuhai-Macao
Tracciato del ponte

Quando sarà operativo a pieno regime si stima che vi passeranno sopra 29.000 veicoli al giorno. Numeri dell’altro mondo.