Storia: Caduti della Grande Guerra

Di Seguito l’elenco dei caduti della Prima Guerra Mondiale

ALLEATI

Belgio Belgio e sue colonie 120.637

Francia Francia e sue colonie 1.697.800

Giappone Giappone 415 

Grecia Grecia 176.000

Italia Italia 1.240.000

Flag of Montenegro (1905–1918).svg Montenegro 13.325

Portogallo Portogallo e sue colonie 89.222

Regno Unito Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda e sue colonie 1.228.167

Romania Romania 680.000

Russia Russia 3.754.369

Regno di Serbia Regno di Serbia 969.815

Stati Uniti Stati Uniti 117.465

 

IMPERI CENTRALI

Austria-Ungheria Austria-Ungheria 1.567.000

Bulgaria Bulgaria 187.500

Germania Germania e sue colonie 2.475.617

Impero ottomano Impero ottomano 2.921.844

 

PAESI NEUTRALI

Danimarca Danimarca 722

Norvegia Norvegia 2.000

Svezia Svezia 877

Storia: Novembre 1918… la fine

La guerra stava finendo e con essa anche gli Imperi Centrali, dopo gli eventi di settembre ed ottobre, non restavano praticamente più alternative al governo di Berlino. L’unico alleato rimasto ancora in guerra era il “malato terminale” viennese. Ma i primi giorni del Novembre 1918 spazzarono via anche quel che restava dell’Impero degli Asburgo. Il 1 Novembre 1918 le forze franco-serbe liberano Belgrado dall’occupazione austro-ungarica, mentre alcuni sabotatori italiani penetrano nella base navale di Pola e affondano la corazzata austro-ungarica SMS Viribus Unitis. Al governo di Vienna non restò altra scelta che siglare l’armistizio (a Villa Giusti) con gli alleati, l’accordo sarebbe entrato in vigore alle 15:00 del 4 Novembre 1918… giorno in cui il generale italiano Diaz trasmise il famoso “Bollettino della Vittoria”. L’Austria sarebbe diventata una repubblica il 12 Novembre 1918.

Armistizio di Villa Giusti

In Germania nel frattempo si faceva sempre più caldo il clima politico, per cui già il 3 Novembre 1918 ci fu la rivolta generale della flotta tedesca ancorata a Kiel, dando il via alla “rivoluzione di novembre“. Nel frattempo, il 4 Novembre 1918, gli Alleati assestavano il colpo finale sul fronte occidentale con la vittoriosa Seconda Battaglia della Sambre, il fronte tedesco non era più in grado di reggere. Di conseguenza il 8 Novembre 1918 iniziarono diverse rivolte popolari in Germania, costringendo il giorno successivo il Kaiser all’abdicazione. Guglielmo II si sarebbe poi recato in esilio in Olanda, rimanendovi fino alla sua morte. Il 9 Novembre 1918 la Germania divenne una repubblica.

Il giorno dopo la Romania dichiarò nuovamente guerra alla Germania, una pura formalità in realtà, dato che il 11 Novembre 1918 il governo di Berlino firmò l’armistizio di Compiègne con gli Alleati, ponendo fine alla Grande Guerra.

Armistizio di Compiègne

Il 21 Novembre 1918 la flotta tedesca si consegnava agli Alleati e veniva internata a Scapa Flow. Il 27 Novembre 1918 le truppe tedesche completavano l’evacuazione del Belgio ed il 1 Dicembre 1918 le truppe alleate entravano in territorio tedesco occupando militarmente la Renania.

Il 18 Gennaio 1919 cominciava la Conferenza di Parigi la quale avrebbe portato al trattato di pace noto come Trattato di Versailles. Nel prossimo articolo, la prossima settimana analizzeremo le conseguenze mondiali della fine del conflitto.

I morti totali della guerra erano stati oltre 17 milioni, di cui 10 per gli Alleati e 7 per gli Imperi Centrali.