Deep Space 19: Magnetar

Quando si parla dello spazio ci si imbatte spesso in sistemi complessi ed al contempo affascinanti. Vi faccio un esempio calzante… da anni gli scienziati hanno osservato delle strane esplosioni di radiazioni che attraversano l’universo, questo fenomeno viene chiamato “fast radio burst” (FRB), dopo lunghe osservazioni si è trovata infine l’origine di questo particolare fenomeno. Si tratta delle Magnetar!

La Magnetar è una stella di neutroni che possiede un enorme campo magnetico… quanto enorme? Diciamo miliardi di volte quello terrestre! Il processo di decadimento di questo tipo di stella genera forti emissioni elettromagnetiche. Stiamo parlando di raggi X, raggi gamma e perfino radiofrequenze. Una Magnetar sarebbe in grado di formarsi dalla morte di una stella molto massiccia (supernova) e la teoria riguardante la loro esistenza (oggi comunemente accettata) fu elaborata per la prima nel 1992 dagli studiosi Robert Duncan e Christopher Thompson. Viene calcolato che appena 1 supernova su 10 sia in grado di degenerare in una Magnetar anzichè, ad esempio, in una pulsar. La Magnetar ha una vita tutto sommato abbastanza breve, dal momento che i suoi forti campi elettromagnetici decadono in “appena” 10.000 anni.

4U_0142-61

4U 0142 61 è una magnetar posta ad una distanza di 13.000 anni luce circa dalla Terra, situata nella costellazione di Cassiopea.

Quest’anno, in aprile, sono stati osservati da scienziati del Canada degli impulsi di onde radio ad alta energia emanate da una magnetar all’interno della Via Lattea, a soli 30.000 anni luce dalla Terra, preceduti da un improvviso spargimento di raggi X e gamma in tutta la galassia. Si tratterebbe del caso più interessante di FRB tra quelli avvistati sino ad oggi, soprattutto per la durata del fenomeno.