Deep Space 19: Plutone, cuore di ghiaccio

“Sono piccolo e nero e mi chiamo Calimero!” Così potrebbe tranquillamente esclamare il pianeta Plutone, un tempo ultimo pianeta del Sistema Solare, oggi declassato a pianeta nano e, con la scoperta di Eris, Makemake e Haumea, quartultimo del nostro sistema planetario. Questo non sminuisce l’interesse che gli studiosi hanno nei confronti di Plutone, anzi.

Sono passati 5 anni (era il 14 luglio 2015) quando la sonda New Horizons (lanciata dalla Nasa nel 2005) sorvolava per la prima volta questo piccolo pianeta, inviandoci immagini uniche e dati importantissimi. Gli scienziati, dopo attente analisi, hanno ipotizzano che esista un vasto oceano liquido sotto la superficie del pianeta, questo oceano contribuisce a rendere il pianeta molto attivo dal punto di vista tettonico e vulcanico. In questo caso non parliamo di emissioni di lava come quella che siamo abituati a vedere sulla terra bensì di criolava (materiale ghiacciato). Ma non solo… è stato scoperto un bacino ghiacciato sulla superficie. Plutone avrebbe dunque un cuore ghiacciato in grado di regolarne il clima e l’atmosfera.

La superficie del pianeta è disseminata di formazioni collinari e dune formate da metano ghiacciato. Al contrario di tanti altri pianeti presenta pochi segni di impatto con altri corpi celesti, vi sono dunque pochissimi crateri. Questo vale sia per il pianeta che per il suo satellite, Caronte. Questo significa che la porzione di spazio in cui orbita Plutone deve essere molto tranquilla.

E New Horizons che fine ha fatto? Dopo aver oltrepassato 486958 Arrokoth, un asteroide binario della fascia di Kuiper conosciuto come Ultima Thule, ha proseguito il suo viaggio verso l’infinito. La Nasa ipotizza la fine della sua missione per il 2026, se così non dovesse essere è previsto che la sonda nel 2038 raggiunga una distanza di 100 UA dal Sole!!!

Sturm und Drang: Risvegli amari

Aprire gli occhi e desiderare di andare a fare una passeggiata in un luogo meraviglioso, di pace ed armonia, un luogo fatto di canali, palazzi antichi con le mura rosse, grandi piazze silenziose… giù fino al porto, guardando da un promontorio i traghetti che partono.

Poi rendersi conto di non essere in quel mondo. Dopo interi minuti di sfrenato desiderio di armonia. 

Non esiste quel posto. E’ nella mia testa… non esiste da nessuna parte. E’ un collage di immagini mentali di diverse città montate tutte assieme. Quella pace e quella tranquillità esistono solo nei miei sogni.

E’ la beffa. E’ l’impossibilità della ragione nell’esistenza. Pura utopia. 

E adesso? Come posso passeggiare in pace se non nei miei sogni? Come faccio a vivere in questa dimensione se è l’altra a cui appartengo?