Storia: Bartholomew Roberts

456 navi saccheggiate in tre anni di attività piratesca, qualcosa come un saccheggio ogni tre giorni, un record praticamente imbattibile. Un record costruito giorno dopo giorno tra le coste dell’Africa Occidentale e le coste Orientali dei Caraibi anche grazie ad azioni spericolate ed irriverenti. Bartholomew “Black Bart” Roberts, gallese di nascita, è l’uomo di questi numeri scalfiti nelle pietre della storia della pirateria tra il 1719 e il 1722; nonostante non appartenga al secolo d’oro della pirateria le sue imprese sono tra le più incredibili che di quelle raccontate dai sette mari.

Uomo estremamente religioso, totalmente astemio, tremendamente vendicativo e senza un minimo di paura nei confronti dell’autorità tanto da arrivare ad impiccare ad un pennone di una nave il governatore della Martinica perchè aveva osato dar la caccia ai pirati. In altre occasioni prese d’assalto delle città perchè vi erano stati impiccati dei pirati, come accadde a Basseterre sull’isola di Nevis.

Morì durante uno scontro con la marina inglese poco lontano dalle coste del Gabon, ucciso da una ferita alla gola mentre difendeva la sua nave accerchiata, gettato in mare come da sue volontà affinché i nemici non potessero recuperarne il corpo, processato e condannato postumo insieme agli uomini del suo equipaggio per aver intralciato i commerci delle navi di sua maestà e per aver attaccato navi da guerra inglesi. Singolare pensare che il processo si tenne in una fortezza adibita alla tratta degli schiavi: Cape Coast in Ghana.

La voce di R’lyeh: Michele Serra

Un giornale vale quanto le sue firme, quanto i suoi commentatori, quanto i suoi artisti e quanto i suoi propagandisti. Ci sono voci più o meno autorevoli che sono in grado di attraversare momenti differenti senza mai perdere la penna dalla mano e lo scranno da sotto il sedere. Abbiamo da poco parlato della GEDI, vediamo a tal proposito una delle sue firme più illustri: Michele Serra.

“La sinistra italiana si ritrova con gli stessi voti dai tempi di Giuseppe Mazzini. Il vero talento consiste nel ripartirli tra liste ogni volta differenti. È come spostare i vecchi mobili di casa una volta all’anno, per avere una inebriante sensazione di novità pur vivendo da sempre nello stesso trilocale ereditato dal nonno.” (Michele Serra)

1954 – Nasce a Roma.

1959 – Si trasferisce a Milano

1974 – Si iscrive al Partito Comunista Italiano (PCI) a Milano.

1975 – Inizia a Lavorare per l’Unità, organo del Partito Comunista Italiano, dove scrive articoli su argomenti diversi (sport, musica, letteratura, ecc…)

1986 – Inizia a collaborare con l’inserto satirico de l’Unità: Tango, diretto da Sergio Staino.

1987 – Inizia a collaborare anche col settimanale della Arnoldo Mondadori Editore Epoca.

1989 – Dopo la chiusura di Tango il direttore de l’Unità, Massimo D’Alema, lo incarica di dirigere un nuovo inserto satirico: Cuore. Viene candidato alle Elezioni Europee per il PCI, ma non viene eletto.

1990 – Lascia Epoca per protesta dopo che la proprietà della testata era passata nelle mani di Silvio Berlusconi. In violazione alle regole del PCI, che non permettono agli iscritti di aderire ad altri partiti, si iscrive al Partito Radicale, agli Antiproibizionisti ed ai Verdi Arcobaleno; il gesto ha carattere puramente provocatorio per invitare la sinistra a riflettere in termini unitari ed antagonisti. Comincia a scrivere i testi per gli spettacoli di Beppe Grillo.

1991 – Aderisce per breve tempo al Partito Democratico della Sinistra (PDS).

1992 – A l’Unità sotto la redazione, inizialmente osteggiata, di Walter Veltroni gli viene offerto uno spazio quotidiano in prima pagina: la rubrica Che tempo fa.

1996 – Inizia a collaborare con la Repubblica come editorialista e commentatore.

2000 – La chiusura de l’Unità lo vede scagliarsi contro la miopia della sinistra dalle pagine di la Repubblica.

2001 – A la Repubblica gli viene offerta una rubrica fissa, L’amaca. Inizia a collaborare anche con L’Espresso.

2003 – Diventa autore, insieme ad altre firme, del programma di Fabio Fazio Che tempo che fa, su Rai3.

2012 – E’ tra gli autori del programma condotto da Fabio Fazio e Roberto Saviano, Quello che (non) ho, su LA7.

Nel 2018 il comico Maurizio Crozza, mostrando la foto di Michele Serra qui sopra, disse che era la metafora della sinistra italiana: lontana dalla gente, appesa a un filo e senza i piedi per terra.

Il Grimorio di Odenwald #30

XVIII – LEO SABINUS (Il leone sabino) – Celestino IV (1241), nato a Milano col nome di Goffredo Castiglioni, era nipote del Papa Urbano III. Fu Cardinale Vescovo di Sabina.

E’ stato il 179° Papa ed il suo pontificato durò appena 17 giorni, il terzo più breve della storia.

Secondo alcuni studiosi Celestino IV venne eletto quando era già gravemente malato e sofferente, mentre secondo altri venne avvelenato durante una delle numerose congiure di palazzo. Alla sua morte si creò un vuoto di potere che sarebbe terminato solo a metà del 1243.

Pensieri della sera #16

Passato, presente e futuro sono legati da un unico filo conduttore che mantiene retta la strada tracciata dal destino, sia che si tratti di un singolo essere che di un’intera società. E’ la base di tutto l’universo che consta del fondamentale incrocio di Zeitgeist e Volksgeist. Uscire da questo binario tracciato non può che condurre chiunque alla rovina ed all’oblio.

Il passato è il nocciolo fondamentale del percorso, il punto di partenza per eccellenza. Senza di esso non vi sarebbe il presente… senza il presente non vi sarebbe il futuro. Se rinneghiamo ciecamente il passato, se lo vogliamo cancellare con un colpo di spugna, ci precluderemo per sempre il futuro. Il passato va compreso, interpretato e ricordato.

Affidare il proprio futuro ad un “nuovo” che avanza senza alcun passato, alla ridicola tribalità posticcia, alla furia iconoclasta di chi distrugge i totem altrui per elevare i propri senza comprendere l’inesistenza etica dei propri… ecco la fine dei tempi. Servita sul piatto d’argento da chi non ebbe un passato per chi obliò il proprio. La polvere del tempo seppellirà ogni cosa sotto silenti montagne.

Deep Space 19: c’è vita nella nostra galassia?

Una domanda che da sempre viaggia a braccetto con l’esplorazione spaziale è: siamo soli nell’universo? 

Considerata la grandezza dell’universo tutto è difficile che la razza umana sia l’unica forma di vita senziente rintracciabile, ma le distanze tra i pianeti, tra i sistemi solari e tra le galassie sono tali da non permetterci, ad oggi, di dare una risposta certa a questa domanda. Difficilmente siamo soli, ma ancor più difficilmente potremo entrare in comunicazione con altri. Stimolante e triste al contempo. Ma forse anche rassicurante… gli esseri umani non sono di certo pacifici e potrebbero sempre incontrare qualcuno meno pacifico di loro.

La comunità scientifica si interroga e negli anni ha provato ad elaborare modelli di calcolo più o meno complessi per determinare matematicamente quello che non può essere riscontrato fisicamente. Un esempio fulgido ne è l’equazione di Drake, formulata nel 1961 dall’astronomo e astrofisico statunitense Frank Drake, ed è usata nei campi dell’esobiologia e della ricerca di forme di vita intelligente extraterrestri (Search for Extra-Terrestrial Intelligence, SETI). La formula è questa:

N = R* x Fp x Ne x Fl x Fi x Fc x L

dove N è il numero di civiltà extraterrestri presenti oggi nella nostra Galassia con le quali si può pensare di stabilire una comunicazione derivante da:

R*   è il tasso medio annuo con cui si formano nuove stelle nella Via Lattea;
Fp    è la frazione di stelle che possiedono pianeti;
Ne   è il numero medio di pianeti per sistema planetario in condizione di ospitare forme di vita;
Fl    è la frazione dei pianeti ne su cui si è effettivamente sviluppata la vita;
Fi    è la frazione dei pianeti fl su cui si sono evoluti esseri intelligenti;
Fc    è la frazione di civiltà extraterrestri in grado di comunicare;
L    è la stima della durata di queste civiltà evolute.

Secondo i valori considerati da Drake il risultato era N = 10, mentre secondo calcoli elaborati in anni più recenti si è giunti ad indicare N = 23,1. Si parla sempre e solo della nostra Galassia (la Via Lattea) ovviamente.

Anche di recente sono state proposte formule e ricerche alternative a questa, come quella dell’università di Nottingham volta a ipotizzare il numero delle Communicating Extra-Terrestrial Intelligent civilisations (CETI): le civiltà in grado di comunicare con le altre mediante le onde radio. La teoria si basa sull’assunto che siano necessari cinque miliardi di anni perché la vita intelligente si formi su di un pianeta e che dopo detto lasso di tempo una ipotetica civiltà esistente sia in grado di comunicare come lo facciamo noi. Ed è questo un pò il limite di questa teoria: il pensare che su altri pianeti le cose si siano evolute sulla falsa riga della terra, un modello geocentrico quindi. Secondo i calcoli dell’università di Nottingham ci sarebbero 36 CETI… quindi ben 13 in più rispetto alle SETI.

I ricercatori hanno puntualizzato che  la civiltà aliena più vicina a noi si troverebbe a non meno di 17.000 anni luce… quindi ogni comunicazione radio con essa sarebbe impossibile. Parlando di distanze vale la pena ricordare che la terra dista dal sole 8,3 minuti luce e che per uscire dal nostro sistema solare si debbano percorrere almeno 1 anno luce!!!

Per il momento quindi scordiamoci qualsiasi incontro ravvicinato di qualsiasi tipo…