Storia: Bartholomew Roberts

456 navi saccheggiate in tre anni di attività piratesca, qualcosa come un saccheggio ogni tre giorni, un record praticamente imbattibile. Un record costruito giorno dopo giorno tra le coste dell’Africa Occidentale e le coste Orientali dei Caraibi anche grazie ad azioni spericolate ed irriverenti. Bartholomew “Black Bart” Roberts, gallese di nascita, è l’uomo di questi numeri scalfiti nelle pietre della storia della pirateria tra il 1719 e il 1722; nonostante non appartenga al secolo d’oro della pirateria le sue imprese sono tra le più incredibili che di quelle raccontate dai sette mari.

Uomo estremamente religioso, totalmente astemio, tremendamente vendicativo e senza un minimo di paura nei confronti dell’autorità tanto da arrivare ad impiccare ad un pennone di una nave il governatore della Martinica perchè aveva osato dar la caccia ai pirati. In altre occasioni prese d’assalto delle città perchè vi erano stati impiccati dei pirati, come accadde a Basseterre sull’isola di Nevis.

Morì durante uno scontro con la marina inglese poco lontano dalle coste del Gabon, ucciso da una ferita alla gola mentre difendeva la sua nave accerchiata, gettato in mare come da sue volontà affinché i nemici non potessero recuperarne il corpo, processato e condannato postumo insieme agli uomini del suo equipaggio per aver intralciato i commerci delle navi di sua maestà e per aver attaccato navi da guerra inglesi. Singolare pensare che il processo si tenne in una fortezza adibita alla tratta degli schiavi: Cape Coast in Ghana.

La voce di R’lyeh: Michele Serra

Un giornale vale quanto le sue firme, quanto i suoi commentatori, quanto i suoi artisti e quanto i suoi propagandisti. Ci sono voci più o meno autorevoli che sono in grado di attraversare momenti differenti senza mai perdere la penna dalla mano e lo scranno da sotto il sedere. Abbiamo da poco parlato della GEDI, vediamo a tal proposito una delle sue firme più illustri: Michele Serra.

“La sinistra italiana si ritrova con gli stessi voti dai tempi di Giuseppe Mazzini. Il vero talento consiste nel ripartirli tra liste ogni volta differenti. È come spostare i vecchi mobili di casa una volta all’anno, per avere una inebriante sensazione di novità pur vivendo da sempre nello stesso trilocale ereditato dal nonno.” (Michele Serra)

1954 – Nasce a Roma.

1959 – Si trasferisce a Milano

1974 – Si iscrive al Partito Comunista Italiano (PCI) a Milano.

1975 – Inizia a Lavorare per l’Unità, organo del Partito Comunista Italiano, dove scrive articoli su argomenti diversi (sport, musica, letteratura, ecc…)

1986 – Inizia a collaborare con l’inserto satirico de l’Unità: Tango, diretto da Sergio Staino.

1987 – Inizia a collaborare anche col settimanale della Arnoldo Mondadori Editore Epoca.

1989 – Dopo la chiusura di Tango il direttore de l’Unità, Massimo D’Alema, lo incarica di dirigere un nuovo inserto satirico: Cuore. Viene candidato alle Elezioni Europee per il PCI, ma non viene eletto.

1990 – Lascia Epoca per protesta dopo che la proprietà della testata era passata nelle mani di Silvio Berlusconi. In violazione alle regole del PCI, che non permettono agli iscritti di aderire ad altri partiti, si iscrive al Partito Radicale, agli Antiproibizionisti ed ai Verdi Arcobaleno; il gesto ha carattere puramente provocatorio per invitare la sinistra a riflettere in termini unitari ed antagonisti. Comincia a scrivere i testi per gli spettacoli di Beppe Grillo.

1991 – Aderisce per breve tempo al Partito Democratico della Sinistra (PDS).

1992 – A l’Unità sotto la redazione, inizialmente osteggiata, di Walter Veltroni gli viene offerto uno spazio quotidiano in prima pagina: la rubrica Che tempo fa.

1996 – Inizia a collaborare con la Repubblica come editorialista e commentatore.

2000 – La chiusura de l’Unità lo vede scagliarsi contro la miopia della sinistra dalle pagine di la Repubblica.

2001 – A la Repubblica gli viene offerta una rubrica fissa, L’amaca. Inizia a collaborare anche con L’Espresso.

2003 – Diventa autore, insieme ad altre firme, del programma di Fabio Fazio Che tempo che fa, su Rai3.

2012 – E’ tra gli autori del programma condotto da Fabio Fazio e Roberto Saviano, Quello che (non) ho, su LA7.

Nel 2018 il comico Maurizio Crozza, mostrando la foto di Michele Serra qui sopra, disse che era la metafora della sinistra italiana: lontana dalla gente, appesa a un filo e senza i piedi per terra.

Deep Space 19: c’è vita nella nostra galassia?

Una domanda che da sempre viaggia a braccetto con l’esplorazione spaziale è: siamo soli nell’universo? 

Considerata la grandezza dell’universo tutto è difficile che la razza umana sia l’unica forma di vita senziente rintracciabile, ma le distanze tra i pianeti, tra i sistemi solari e tra le galassie sono tali da non permetterci, ad oggi, di dare una risposta certa a questa domanda. Difficilmente siamo soli, ma ancor più difficilmente potremo entrare in comunicazione con altri. Stimolante e triste al contempo. Ma forse anche rassicurante… gli esseri umani non sono di certo pacifici e potrebbero sempre incontrare qualcuno meno pacifico di loro.

La comunità scientifica si interroga e negli anni ha provato ad elaborare modelli di calcolo più o meno complessi per determinare matematicamente quello che non può essere riscontrato fisicamente. Un esempio fulgido ne è l’equazione di Drake, formulata nel 1961 dall’astronomo e astrofisico statunitense Frank Drake, ed è usata nei campi dell’esobiologia e della ricerca di forme di vita intelligente extraterrestri (Search for Extra-Terrestrial Intelligence, SETI). La formula è questa:

N = R* x Fp x Ne x Fl x Fi x Fc x L

dove N è il numero di civiltà extraterrestri presenti oggi nella nostra Galassia con le quali si può pensare di stabilire una comunicazione derivante da:

R*   è il tasso medio annuo con cui si formano nuove stelle nella Via Lattea;
Fp    è la frazione di stelle che possiedono pianeti;
Ne   è il numero medio di pianeti per sistema planetario in condizione di ospitare forme di vita;
Fl    è la frazione dei pianeti ne su cui si è effettivamente sviluppata la vita;
Fi    è la frazione dei pianeti fl su cui si sono evoluti esseri intelligenti;
Fc    è la frazione di civiltà extraterrestri in grado di comunicare;
L    è la stima della durata di queste civiltà evolute.

Secondo i valori considerati da Drake il risultato era N = 10, mentre secondo calcoli elaborati in anni più recenti si è giunti ad indicare N = 23,1. Si parla sempre e solo della nostra Galassia (la Via Lattea) ovviamente.

Anche di recente sono state proposte formule e ricerche alternative a questa, come quella dell’università di Nottingham volta a ipotizzare il numero delle Communicating Extra-Terrestrial Intelligent civilisations (CETI): le civiltà in grado di comunicare con le altre mediante le onde radio. La teoria si basa sull’assunto che siano necessari cinque miliardi di anni perché la vita intelligente si formi su di un pianeta e che dopo detto lasso di tempo una ipotetica civiltà esistente sia in grado di comunicare come lo facciamo noi. Ed è questo un pò il limite di questa teoria: il pensare che su altri pianeti le cose si siano evolute sulla falsa riga della terra, un modello geocentrico quindi. Secondo i calcoli dell’università di Nottingham ci sarebbero 36 CETI… quindi ben 13 in più rispetto alle SETI.

I ricercatori hanno puntualizzato che  la civiltà aliena più vicina a noi si troverebbe a non meno di 17.000 anni luce… quindi ogni comunicazione radio con essa sarebbe impossibile. Parlando di distanze vale la pena ricordare che la terra dista dal sole 8,3 minuti luce e che per uscire dal nostro sistema solare si debbano percorrere almeno 1 anno luce!!!

Per il momento quindi scordiamoci qualsiasi incontro ravvicinato di qualsiasi tipo…

Storia: Ottobre 1917

13.000 morti, 30.000 feriti, 265.000 prigionieri, 350.000 sbandati in ritirata, 4.882 cannoni, 3.000 mitragliatrici, 300.000 fucili, 73.000 cavalli, 1.600 autocarri, 150 aeroplani e oltre 1.500.000 proiettili di artiglieria. Da qualsiasi lato si osservi la Battaglia di Caporetto appare lampante il peso e la portata della disfatta accorsa 100 anni fa sul fronte italiano. Eppure tutte le grandi disfatte militari della storia non avvengono mai per caso:

1- il progressivo collasso (con l’esplosiva situazione interna) dell’Impero Russo aveva favorito uno spostamento di uomini e mezzi dal fronte orientale a tutti gli altri fronti.

2- l’Austria era un gigante in difficoltà su tutti i fronti e per questo Berlino intervenne più concretamente a fianco degli alleati anche sul fronte italiano (sul fronte balcanico già decidevano tutto i Tedeschi).

3- mantenendo un comportamento difensivo sul fronte occidentale c’era la possibilità di attaccare con una spedizione punitiva l’ex alleato italiano e punirlo per il suo tradimento.

Ecco la prima vera chiave di lettura di Caporetto: i Tedeschi prendono i mano le redini del gioco laddove gli Austriaci non sono più in grado di gestire il loro traballante impero (lo stesso accadeva nei territori ottomani, grazie ai consiglieri militari tedeschi). Inoltre l’esercito tedesco andava implementando una nuova unità di combattimento estremamente versatile denominata “squadra d’assalto”: 11 uomini ben armati con compiti di rottura e controffensiva, già molto efficaci sul fronte occidentale. In Italia nel Luglio 1917 vennero formati gli Arditi, con compiti simili, ma non vennero praticamente impiegati a Caporetto.

4- la catena di comando tedesca era estremamente più veloce e fluida rispetto a quella italiana, di fatto responsabilizzando le parti più basse del comando e garantendo l’immediatezza di una risposta proporzionata all’imprevisto da affrontare. Il sistema italiano risultava invece ancora lento, burocratico e sbilanciato verso l’alto della catena di comando.

Ad assumersi l’onore dell’attacco fu la 14 Armata di Vienna, ben rimpolpata dalle divisioni di Berlino, per un totale di oltre 350.000 uomini. Già nelle settimane precedenti l’offensiva era evidente ai comandi italiani che qualcosa andava preparandosi sul fronte opposto, ma i nostri servizi di Intelligence non riuscirono a determinare con certezza la zona dell’attacco, ipotizzando come più probabile proprio la zona in cui effettivamente avvenne. Appena due giorni prima (21 Ottobre 1917) dell’attacco due disertori dell’esercito imperiale informarono gli ufficiali italiani dell’imminente offensiva, ma non vennero ritenuti attendibili. Il 23 Ottobre 1917 alle ore 13 venne intercettata una comunicazione tedesca inerente l’ora fissata per l’attacco: le 2 del giorno dopo. Il comandante dell’esercito italiano, Cadorna, si riunì coi maggiori ufficiali per ragionare sulla situazione in progresso, c’era una certa fiducia sulla capacità del fronte di reggere ad un attacco nemico… e forse un esercito con sistema di comunicazione più rapido avrebbe di certo retto e risposto diversamente.

L’attacco cominciò alle 2. Per quattro ore l’artiglieria colpì le posizioni italiane anche mediante l’utilizzo di gas, in realtà solo quest’ultimo ebbe degli effetti realmente devastanti su alcune unità, mentre il tiro convenzionale risultò scarsamente efficace. Dopo mezz’ora di quiete l’attacco dell’artiglieria riprese per un altra ora e mezza, mentre gli italiani cominciavano a rispondere al fuoco. Nel frattempo la fanteria austro-tedesca cominciava ad avvicinarsi alle postazione italiane, complice una fitta coltre di nebbia, cominciando il vero e proprio assalto alle 8. Nella furia degli scontri avvenne il primo grande pasticcio italiano dovuto alla scarsa comunicazione tra i vari comandi divisionali (situazione simile al disastro di Grecia del 1940-41) la 50 Divisone abbandonò la sua postazione difensiva per evitare di rimanere accerchiata, però il suo comandante non comunicò tempestivamente la sua decisione all’alto comando… in questo modo le truppe italiane del Monte Nero rimasero accerchiate e con l’unica via di fuga ormai in mano al nemico. Il vero e proprio sfondamento avvenne appunto a Caporetto ad opera della 12 Divisione slesiana (tedesca) che in poche ore sbaragliò i reparti italiani e conquistò la località già alle 15.30 per poi proseguire in avanti. La situazione comunque sembrava ancora ben gestibile.

Il 25 Ottobre 1917 ci fu un timido e mal coordinato contrattacco delle truppe italiane. La 50 Divisione di cui abbiamo parlato prima, al comando del generale Arrighi, andò incontro alla quasi totale distruzione nel tentativo di recuperare le posizioni che aveva abbandonate. La Brigata Arno, stanziata nelle vicinanze sul monte Colovrat, venne annientata dalle truppe tedesche guidate da un giovane tenente di nome Erwin Rommel. Sorte simile accadde alla Brigata Salerno che non si ritirò per una incomprensione circa gli ordini che giungevano dall’alto comando. Nei giorni successivi il comando tedesco continuò ad ordinare l’avanzata delle sue truppe, pur affrontando una discreta difesa delle truppe italiane. L’idea iniziale era quella di ripiegare dietro al Tagliamento e da lì bloccare l’avanzata nemica. Al conseguente ordine di ritirata impartito il 27 Ottobre 1917 seguì la più totale disorganizzazione dei comandanti italiani che causò lo sbandamento di una buona parte dell’esercito… la mancanza di organizzazione trasformò una sconfitta come tante in una disfatta. Interi reparti vennero catturati dal nemico con tutto il materiale che trasportavano, ci furono numerosi episodi di diserzione con conseguenti fucilazioni. Il caos regnava ovunque tranne che nella zona sud del fronte dove la ritirata procedeva in buon ordine e ben coordinata.

Il 5 Novembre 1917, innescatasi la crisi politica italiana conseguente alla disfatta e sentite le preoccupazioni dei Francesi e degli Inglesi, Cadorna decise che il ripiegamento andava fatto direttamente sulla linea del Piave; dando così più fiato alle truppe italiane, ma al contempo sancendone la disfatta. Il pessimo comportamento dei generali dell’esercito italiano in particolare Cavaciocchi, Badoglio (quel Badoglio) e Bongiovanni non venne sanzionato… mentre Cadorna di lì a poco perse il posto in favore di Diaz.

Movimenti della Battaglia di Caporetto

Sugli altri fronti accadde poco in realtà in quei giorni. Dal 16 ottobre al 3 Novembre 1917 si combatté la Battaglia dello stretto di Muhu, nel mar Baltico, tra la flotta tedesca e quella russa, che cercava disperatamente di arginare la strapotenza tedesca in vista di un cessate il fuoco che sembrava ormai nell’aria.

Il 23 ottobre 1917 le truppe francesi vincevano la circoscritta Battaglia di La Malmaison contro i tedeschi.

Il 26 Ottobre 1917 il Brasile dichiarava guerra alla Germania, su spinta britannica.

Film: The flowers of war (2011, Zhang Yimou)

Ci sono attriti tra popoli che non possono essere sanati neppure dal lento trascorrere dei secoli. Il mondo occidentale negli ultimi decenni ha prodotto un modello buonista fondato sulla straordinaria utopia dell’ umanità buona, del progresso costante e frenetico come miglioramento e (soprattutto) dell’autocensura mentale dei propri istinti e pensieri… un modello sano di vita sociale secondo tanti, un modello ipocrita per altri. Quello che la nostra società sa fare meglio è mascherare le sue esigenze di dominio sugli altri popoli (e le loro risorse)  con parole suadenti e buoni sentimenti; oggi esportiamo democrazia, aiutiamo i più deboli, accogliamo i rifugiati, interveniamo a sanare i conflitti tramite l’uso dei nostri eserciti, ecc… una volta chiamavamo tutto questo col termine “colonialismo”. Ma oggi non è politicamente corretto e quindi i nostri governanti hanno studiato dei surrogati che permettono a loro di fare i loro comodi come sempre e alla gente comune di vivere col cuore in pace e la coscienza immacolata. Nel frattempo in altre parti del mondo avvengono cose difficilmente spiegabili dal nostro nuovo modello di pensiero unico. Il massacro del Ruanda e gli altri infiniti casi di massacri a sfondo razziale nell’Africa hanno posto l’uomo bianco del 2000 davanti alla sconcertante realtà di non essere l’unico razzista sul pianeta terra, in pochi si sono soffermati a pensare al normale funzionamento di una società dove la “tribalità” è ancora un pilastro fondante. I popoli mediamente si scontrano e fare finta che questa cosa non sia la realtà non renderà certo il mondo un posto migliore; ragionare per utopie è come costruire case sulla sabbia.

Detto questo vorrei spostare l’attenzione su un tema attuale ancora in anni recenti: il confronto tra Giappone, Taiwan e Cina per il controllo delle Isole Senkaku (5 isole disabitate e tre scogli). Non scenderò nel merito della questione né darò un parere su chi possa avere ragione o meno. Quello che vorrei semplicemente sottolineare è che si tratta solamente dell’ennesimo capitolo di una rivalità e di uno scontro tra due popoli che si affrontano da centinaia di anni. Due popoli che nutrono un forte astio l’uno verso l’altro, astio alimentato da reciproci massacri e guerre estenuanti, un massacro che ha attraversato la storia, ma che per noi occidentali ha assunto una certa notorietà solo nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Oggi la Cina è una delle principali potenze del pianeta, ma all’inizio del ‘900 era un paese estremamente povero e diviso al suo interno a causa della caduta del potere imperiale; in quelle condizioni era una facile preda per il Giappone. Quest’ultimo mirava alla creazione di un grande impero coloniale in Asia, la conquista della Cina doveva essere il primo passo di una marcia vittoriosa che aveva in programma anche la conquista dell’intero subcontinente indiano. Secondo alcuni storici la Seconda Guerra Mondiale inizia realmente nel 1937, con la seconda guerra sino-giapponese, quando il Giappone attaccò con un pretesto la Cina conquistando buona parte dei sui territori economicamente sensibili. In questa guerra senza esclusioni di colpi l’esercito imperiale giapponese si rese responsabile di alcuni massacri di inaudita ferocia, primo tra tutti quello di Nanchino. Il dibattito è ancora oggi molto agitato nel tentativo di ricostruire la realtà dei fatti con i Giapponesi che in un qualche modo cercano di ridurre la portata degli eventi ed il numero effettivo delle vittime. Nonostante il dibattito tra storici cinesi e giapponesi il fatto che Nanchino fosse una grande città di fondamentale importanza economica fece si che al momento dell’invasione vi fossero presenti tantissimi Europei, i quali testimoniarono la gravità del massacro commesso ai danni dei civili. Il resoconto scritto dal tedesco John Rabe (che lavorava per la Siemens in Cina ed era un membro del Partito Nazista) può essere considerato a tutti gli effetti imparziale; le stime del massacro che ne risultano parlano di cifre che oscillano dalle 200.000 alle 350.000 vittime (con almeno 20.000 casi di stupro, spesso e volentieri di massa).

Questa lunga introduzione era inevitabile per introdurre a pieno questo film cinese che tratta proprio di quegli eventi, difficilmente le persone hanno mai sentito parlare del massacro di Nanchino. Il film racconta la storia di un uomo americano, di professione becchino, che nei giorni della conquista giapponese della città si reca in un convento cattolico per seppellire il prete locale appena deceduto. Un lavoro semplice e veloce per un professionista del settore. Ma tutto si complica nel giro di pochi minuti. Nei pressi del convento infuria la battaglia tra l’esercito cinese e quello giapponese e all’interno della struttura cattolica l’uomo scopre esservi ancora rifugiate delle giovani studentesse cinesi. A queste giovani donne si aggiungono nel giro di poche ore anche un gruppo di prostitute in fuga. La situazione è disperata, tutto intorno i Giapponesi sono intenti a massacrare e stuprare e non si intravedono prospettive di salvezza per le occupanti del convento. Il becchino decide di fingersi prete, in un primo momento per salvare se stesso poi per salvare la vita alle giovani cinesi, riuscendo a stringere un accordo con un comandante giapponese che sembra più ragionevole degli altri. Gli eventi però precipitano ancora e quando la vita delle giovani studentesse cattoliche sarà seriamente in pericolo saranno le prostitute a sacrificarsi al posto loro. Il becchino americano porterà in salvo le studentesse al di fuori della città, delle prostitute non si saprà più nulla.

Mi permetto di consigliare la visione del film in lingua originale coi sottotitoli, dal momento che è stato girato in cinese mandarino e in inglese, rendendo la narrazione ancora più coinvolgente.

Come argomento correlato ricorderei anche questo articolo di qualche tempo fa su Pu Yi.