Nuova Rubrica Mistica

Dal mese di Febbraio uscirà una nuova rubrica dal sapore misterioso. Si affiancherà alla già “particolare” Sturm und Drang, avrà una cadenza fissa ben precisa:

3 volte 3 (3, 6 e 9 di ogni mese)

5 moltiplicato 3 (15 di ogni mese)

7 moltiplicato 3 (21 di ogni mese)

9 moltiplicato 3 (27 di ogni mese)

Per un totale di 6 uscite mensile e 36 annuali. Nella rubrica saranno semplicemente riportati dei testi, delle citazioni, delle frasi o delle semplici parole. Piccoli pezzi di un grande puzzle universale che dovrete andare a costruire per conto vostro, nella tranquillità delle vostre dimore. Avrete accesso libero a questo Grimorio. Il passo successivo dipenderà solo da voi…

Deep Space 19: Vyommitra e il futuro degli automi

Il futuro è nello spazio, sia per quello che riguarda le risorse e l’economia che per quello che riguarda lo sviluppo tecnologico. L’uomo guarda la cielo con ammirazione e speranza ed è pronto a solcare l’infinito per carpirne i segreti. Ma ci vorrà pazienza per un compito così “modesto”. Cominciamo dalle cose semplici, dal conoscere lo spazio più prossimo al nostro pianeta, cercando di capire il funzionamento di ogni singolo pianeta. Scopriremo, studieremo e poi, infine, colonizzeremo. E per questa ultima fase ci faremo aiutare anche dall’ingegneria robotica. Non solo mezzi, rover, sonde e navi… no! Ci serviranno anche gli automi. Simili a noi ed in grado di sostituirci nei compiti più gravosi e/o pericolosi.

Fantascienza?

Mica tanto… l’Agenzia di ricerca spaziale indiana (ISRO –  Indian Space Research Organization) ha appena presentato un prototipo di automa che dovrebbe diventare operativo già a partire dalle missioni spaziali previste per la fine del 2021 e l’inizio del 2022. Questo automa in realtà è una “lei”, ha le fattezze femminili di una ragazza indiana e le è stato dato il nome di Vyommitra. Il nome è tutto un programma dal momento che si tratta dell’unione di due parole sanscrite: Vyom (spazio) e Mitra (amico). Il risultato è “amica dello spazio“. Questo automa è in grado di parlare correttamente l’hindi e l’inglese, non ha gli arti inferiori e dovrà svolgere alcuni controlli importanti per quello che riguarda il corretto funzionamento delle strumentazioni all’interno delle cabine che in futuro ospiteranno gli astronauti indiani.

Vyommitra

E gli altri? Di sicuro non resteranno a guardare…

Storia: Luglio 1916

Il massiccio attacco inglese nella valle della Somme iniziò la mattina del 1 Luglio 1916. Dalle 6 alle 7 del mattino le trincee tedesche vennero bombardate da oltre 250.000 proiettili di artiglieria (il tremendo frastuono del bombardamento, 4.200 proiettili al minuto, venne sentito addirittura in Gran Bretagna). Poco dopo le 7 una serie di mine, piazzate alla fine di tunnel nei pressi delle trincee tedesche, vennero fatte brillare con effetti devastanti. Tutto sembrava volgere al meglio per gli Inglesi. Eppure l’ottusità dei loro comandanti fece si che le prime giornate di battaglia si trasformassero in un fallimentare massacro.

Soldati Inglesi sulla Somme

I soldati erano stati sovraccaricati di equipaggiamento nell’illusoria speranza di una rapida avanzata, i generali pensavano che i Tommies già a sera avrebbero dovuto rendere abitabili le nuove trincee conquistate. Inoltre tutti pensavano che il massiccio bombardamento avrebbe distrutto la maggior parte delle postazioni nemiche, per cui i soldati vennero fatti uscire in schieramenti troppo visibili e compatti, facilmente colpibili da mortaio e mitragliatrici. Fu un massacro vero e proprio, tanto che alla fine del primo giorno di battaglia alcuni pensavano addirittura ad una ritirata! Nella prima giornata gli Inglesi persero 57.000 uomini contro gli 8.000 tedeschi, nonostante questo agghiacciante bollettino l’offensiva continuò nelle giornate e nei mesi successivi. Di fatto l’11 Luglio 1916 le truppe del Kaiser cessarono gli attacchi su Verdun e si misero sulla difensiva per poter spostare truppe verso la Somme, l’idea Inglese aveva avuto successo. Un successo pagato a carissimo prezzo sino alla fine (la Battaglia della Somme terminerà nel Novembre 1916).

Nel frattempo il 4 Luglio 1916 gli irregolari arabi scacciarono le truppe ottomane dalla città sacra de La Mecca, ottenendo così la loro prima storica vittoria.

La Mecca 1916

Storia: La morte di Luigi XVI

Immaginate una piazza gremita di persone urlanti. Immaginate una piazza davvero grande, se siete mai passati per Parigi forse avrete visto Place de la Concorde e ne avrete apprezzato la grandezza degli spazi oltre che la bellezza. Siamo nel 1793 e questa piazza è diventata un luogo simbolo della rivoluzione francese, vi si eseguono infatti le condanne a morte a mezzo ghigliottina. La rivoluzione francese si è trasformata in un bagno di sangue e sembra non bastare mai all’esagitato popolo parigino, bisogna abbattere i nemici della rivoluzione ovunque essi siano e la caccia al controrivoluzionario  è serrata, ma non si è ancora arrivati al regime del “terrore” che inizierà nel Luglio dello stesso anno.

Luigi XVI di Francia

Il 21 Gennaio 1793 sale sul patibolo un uomo non comune. Non è il solito nobile monarchico inviso al popolo o l’ennesimo reazionario, no, questa volta si tratta di un pesce grosso, del pesce più grosso di tutti: Sua Maestà di Francia Re Luigi XVI. Il re è stato processato e condannato a morte per tradimento nei confronti della rivoluzione, il re ha cospirato con i nobili monarchici ed i nemici stranieri per riprendere il controllo della nazione. Il re è chiaramente colpevole, lo sa bene lui e lo sanno benissimo i suoi accusatori, non c’è modo di evitare la pena di morte, anche se le forze politiche più moderate vorrebbero evitare di compiere un atto che potrebbe rivelarsi controproducente per la causa rivoluzionaria: l’uccisione del re causerebbe l’intervento armato straniero e questo lo sanno tutti.

Ma il re viene condannato lo stesso.

Con grande dignità sale al patibolo e negli ultimi istanti trova anche il coraggio di rivolgersi al popolo accorso per gioire della sua morte. Non ha parole di rabbia o di vendetta, di fatto si augura che tutto questo non abbia a ricadere sulle spalle della Francia. Detto questo il re viene preparato ed infine la condanna è eseguita. Il popolo festeggia, balla e canta come ad una festa paesana, sono tutti euforici come se finalmente fosse finito un incubo… ma in realtà l’incubo deve ancora cominciare. A breve le potenze straniere scateneranno la guerra contro la Francia, nei territori della Vandea inizierà la rivolta della fazione monarchica (qui la rivoluzione si manifesterà in tutta la sua cieca violenza sterminatrice) e presto si apriranno le porte al regime del “terrore”.

La decapitazione

Lemuria Dixit: Nephilim

In principio erano i giganti. Ci sono molte leggende che parlano della presenza di giganti sulla terra, sembra che nella memoria di molte antiche popolazioni ritorni spesso questo mito. Sempre che di mito si tratti perché, diciamocelo, quando la memoria collettiva è pressoché univoca in ogni angolo del globo allora siamo di fronte a qualcosa che va oltre la semplice leggenda. Ovviamente si può raccontare tutto ed il contrario di tutto, soprattutto quando la scienza ufficiale non ci fornisce nessuna prova concreta in merito. Speculiamo? Sempre.

Perché spesso la verità è davanti ai nostri occhi, laddove i luminari spengono volutamente la luce.

In principio erano i giganti. Ma secondo alcune teorie non si tratterebbe del “principio” bensì della “fine”. Noi siamo un nuovo “principio” che è seguito ai giganti, quando anche noi ci faremo giganti allora sarà la nostra “fine”… e ad essa seguirà un nuovo “principio”.

Conosciamo tutti l’episodio di Davide che sconfigge il gigante Golia, campione dei Filistei. Ed è proprio la Bibbia a darci alcune preziose informazioni sulla presenza dei giganti sulla terra, ovviamente inquadrandoli nel più vasto campo della teologia ebraica. Si parla quindi dei Nephilim, presenti nella Torah ed in diversi altri scritti sia giudaici che cristiani. Il termine viene utilizzato per indicare ad esempio i giganti che abitavano la terra di Canaan (Numeri 13:33). Questo popolo di giganti avrebbe avuto origine dall’incrocio tra i “figli del vero Dio” (parte degli angeli che si ribellarono insieme a Lucifero, i caduti) e le “figlie degli uomini”. I giganti nascerebbero quindi da un atto di perversione, almeno secondo la concezione ebraica dell’universo.

La caduta di Lucifero

Il termine Nephilim e la sua origine hanno dato il via ad una serie di dibattiti sia nel mondo antico che in quello contemporaneo. Il nocciolo della questione ruota tutto intorno alla traduzione ed all’origine aramaica della parola. Si va da chi vuole vedere a tutti i costi l’origine extraterrestre dell’umanità a chi vorrebbe preservare il senso spirituale della lotta tra il bene ed il male. Ad ogni modo possiamo prendere per buono questo presupposto: i giganti hanno avuto origine dai “caduti”, dai “precipitati”, che poi fossero angeli o alieni non sta a noi deciderlo in questa sede.

La stessa idea che degli esseri di origine divina, ancorché rinnegati, potessero essersi accoppiati con gli esseri umani ha suscitato da sempre forti dissensi all’interno delle comunità cristiane. Nei secoli si è giunti a riconoscere i “figli del vero Dio” come i figli di Set, mentre i “figli degli uomini” sarebbero i discendenti di Caino. Nessuna origine angelica. Per altri ancora i Nephilim sarebbero i figli di persone possedute dal demonio, degli indemoniati piuttosto che degli angeli caduti.

Chi erano dunque i Nephilim? Erano gli ultimi appartenenti ad una razza di ominidi (neandetaliani) poi soppiantata con successo dal Homo Sapiens? Erano forse degli esseri venuti dal cielo come tanti speculatori vorrebbero? Erano gli ultimi superstiti di Atlantide (altra ipotesi molto in voga in certi ambienti)?

Personalmente credo che la visione teosofica, in merito ai cicli dell’universo, sia quella che più si avvicina alla reale spiegazione della presenza dei Nephilim sulla terra. I giganti erano tra noi, i giganti eravamo noi ed i giganti saremo noi. Leggere e scoprire il mondo degli antichi è un mestiere arduo perché richiede un’apertura mentale tale da non escludere nulla a priori. Non ci interessa quello che “dice la scienza”, ci interessa quello che non vuole dire e che non può dire. Senza scadere nella faciloneria dell’alieno a tutti i costi.

La verità non è al di fuori della terra, bensì al suo interno.

Storia: Giugno 1916 – parte seconda

Per distogliere i Tedeschi da Verdun anche gli Inglesi avevano preparato un piano operativo da realizzare sul fronte occidentale e più precisamente nella valle della Somme in Piccardia (estremo nord del fronte). La preparazione su vasta scala di un’offensiva di disimpegno fu estremamente macchinosa, tanto che in breve tempo i Tedeschi si resero conto che un attacco sarebbe stato sferrato proprio verso il lato nord del fronte. Nonostante questa consapevolezza il 23 Giugno 1916 essi raggiunsero la massima penetrazione nel settore di Verdun.

Soldati Tedeschi – Giugno 1916

Della Somme parleremo meglio nel prossimo articolo sul Luglio 1916.

Sul fronte italiano il 29 Giugno 1916 avvenne il primo attacco col gas al danno delle truppe italiane che, essendo totalmente impreparate ad una eventualità del genere, subirono perdite altissime (7.000 uomini nelle primissime ore dell’attacco). Le truppe austro-ungariche avanzarono nelle trincee nemiche finendo i soldati intossicati dai gas a colpi di mazze ferrate. Le truppe italiane per vendetta presero l’abitudine di fare prigionieri solo i grossi gruppi di soldati che si arrendevano, mentre i piccoli gruppetti o il singolo soldato che si arrendevano venivano uccisi sul posto.

Truppe Montane Italiane 1916

Sehnsucht: Isole Aleutine

Forse in pochi sanno che l’Alaska in origine era una colonia russa in terra americana! Furono infatti i Russi ad interessarsi con maggiore concretezza all’esplorazione dello stretto che separa l’Asia dall’America e delle isole che vi si trovano, note oggi come Isole Aleutine. Nello specifico un primo viaggio esplorativo venne condotto da Ivan Fedorov nel 1732, egli toccò terra per primo nell’Alaska settentrionale. Il buon Fedorov però non divenne così famoso quanto il suo successore: il danese Vitus Bering.

Bering di fatto esplorò tutta la zona nel tentativo di capire se i due continenti fossero di fatto uniti, arrivando invece a scoprire lo stretto che oggi porta il suo nome e scoprendo inoltre le isole appena citate. Il viaggio di Bering trovò una tragica conclusione nel 1741 con la morte per malattia dell’esploratore e di buona parte dell’equipaggio. Bering diede il nome, oltre che allo stretto, anche al mare che separa i due continenti e all’isola in cui furono trovati i suoi resti nel 1991 (si, non è un errore di scrittura).

Alla fine del ‘700 i Russi iniziarono a colonizzare l’Alaska creandovi alcuni insediamenti, senza mai arrivare a popolare massicciamente la zona ed interessandosi soprattutto alla caccia delle lontre per commerciarne le pregiate pellicce. Ma tale commercio non si rivelò redditizio e nel 1867 gli Stati Uniti acquistarono la regione per un valore di circa 7 milioni di dollari di allora. Nell’acquisto erano comprese anche le Isole Aleutine.

Durante la Seconda Guerra Mondiale due di esse sarebbero state teatro di sanguinose battaglie tra Giapponesi ed Americani, di fatto le isole di Attu e di Kiska furono gli unici due territori degli Usa su cui si combatterono battaglie terrestri nel corso di tutta la guerra.

Soldati Giapponesi nel 1943