Storia: Gennaio 1916

Mentre le grandi battaglie si svolgevano sul fronte dei Balcani nelle terre di Francia si stavano facendo i preparativi per le offensive primaverili. Il 1916 sarebbe stato un anno tremendo sul fronte occidentale, ma in quei freddi giorni di Gennaio ancora nessuno poteva immaginarlo. Nel frattempo la Gran Bretagna il 27 Gennaio 1916 introdusse per la prima volta la coscrizione obbligatoria per gli uomini tra i 18 e i 41 anni (nel 1918 questa età sarebbe salita ai 51 anni), questo per far fronte alla continua carneficina a cui erano state sottoposte le truppe di Sua Maestà nel 1915.

Ad oriente l’Impero Ottomano contrastava con successo gli Inglesi, mantenendo in scacco l’esercito di Sua Maestà nell’assedio di Al-Kut. Ogni tentativo di soccorre e/o disimpegnare tale posizione andò incontro ad un fallimento, come ad esempio la Battaglia di Wadi del 13 Gennaio 1916 e la Battaglia di Hanna del 21 Gennaio 1916… oltre 4.000 morti per i Britannici e nulla di fatto.

Se il Sultano poteva sorridere in Mesopotamia altrettanto non si poteva dire nel Caucaso e nell’Anatolia Orientale dove le truppe russe diedero vita alla vittoriosa Offensiva di Erzurum il 10 Gennaio 1916; conclusasi il mese dopo con la conquista dell’importante cittadina ottomana. In questo caso la netta impreparazione dell’esercito del Sultano fu determinante. Del resto le truppe migliori erano ancora di stanza a Gallipoli.

Soldati Russi nel 1916

Un trieste epilogo lo ebbe anche l’avventura bellica del piccolo Regno del Montenegro che il 19 Gennaio 1916 fu costretto ad arrendersi in quanto completamente occupato dalle truppe di Vienna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...