Storia: Novembre 1914 – parte seconda

Con l’avanzamento dell’autunno sui campi di battaglia europei rallentò l’intensità dei combattimenti. Non c’è da stupirsi. Pensate un attimo a queste lunghe distese di territorio, in parte collinare, straziate dalla durezza dei combattimenti: buche, cadaveri, alberi distrutti, campi rovinati e case diroccate. E poi le piogge… lente, incessanti e fredde. Alla fine di Novembre 1914 non c’era ancora quel sistema complessissimo di trincee tipico già dell’anno successivo e oggi possiamo solo immaginare quanto fosse difficile scavare le buche difensive in quelle condizioni atmosferiche. Eppure si faceva!

Proprio in questo panorama il 22 Novembre terminava la Battaglia di Ypres con la sconfitta tedesca e contestualmente terminava anche il processo noto come “corsa al mare”. La guerra di movimento diventa ufficialmente guerra di posizione, si comincia a ragionare sul sistema di trincee per articolarlo in maniera più complessa di una semplice prima linea opposta ad una prima linea di avversari.

Il 21 Novembre in Mesopotamia le truppe anglo-indiane sconfissero gli Ottomani nella Battaglia di Bassora, città che ha visto un’imponente battaglia anche nella recente guerra in Iraq. Su questo fronte l’impreparazione delle truppe del sultano era tangibile e questo primo grande scontro lo dimostrò pienamente.

Annunci